Zio Frank

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zio Frank
Titolo originaleUncle Frank
Lingua originaleinglese, arabo
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2020
Durata95 min
Rapporto2,39:1
Generedrammatico, commedia
RegiaAlan Ball
SceneggiaturaAlan Ball
ProduttoreAlan Ball, Bill Block, Michael Costigan, Peter Macdissi, Stephanie Meurer, Jay Van Hoy
Produttore esecutivoIsaac Ericson, Andrew Golov, Bob Osher, Josh Peters, Christopher Tricarico
Casa di produzioneParts and Labor, Your Face Goes Here Entertainment
Distribuzione in italianoPrime Video
FotografiaKhalid Mohtaseb
MontaggioJonathan Alberts
MusicheNathan Barr
ScenografiaDarcy C. Scanlin
CostumiMegan Stark Evans
TruccoHeather Richardson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Zio Frank (Uncle Frank) è un film del 2020 scritto e diretto da Alan Ball.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Beth Bledsoe è un'adolescente che vive nella Carolina del Sud, molto legata a suo zio Frank, in quanto più raffinato e premuroso del resto della sua famiglia; la ragazza nota che gli altri parenti, soprattutto il nonno Mac, sono scostanti nei confronti di Frank, ma non ne capisce il motivo.

Nel 1973, quando Beth ha diciotto anni, si trasferisce a New York City per frequentare il collage, lo stesso dove insegna Frank. Beth inizia una relazione con un ragazzo di nome Bruce; una sera, i due si imbucano a una festa nell'appartamento di Frank, dove Bruce si rivela gay e cerca di approcciare sessualmente Frank, il quale rifiuta le sue avances. Beth si ubriaca troppo e Frank l'assiste, confessandole di essere omosessuale e di convivere da oltre dieci anni con un altro uomo, Wally. Beth promette di mantenere il segreto alla famiglia.

Il giorno seguente Mac, nonno di Beth e padre di Frank, muore improvvisamente per infarto, pertanto Frank accetta di riportare Beth a casa per il funerale. Wally vorrebbe venire con loro per conoscere la famiglia di Frank, ma lui rifiuta in quanto non si sente pronto a rivelare il suo orientamento sessuale. Wally noleggia ugualmente un'auto per seguirli di nascosto, pertanto Frank accetta di portarlo con loro, a patto che rimanga in un motel durante il funerale.

Durante il viaggio, Frank ha dei flashback della sua adolescenza, quando ebbe una relazione sessuale con un suo coetaneo, Samuel; Mac li sorprese insieme e ordinò al figlio di non frequentarlo più, minacciando di ucciderli e definendo Frank un abominio contro Dio; successivamente, Frank trovò Samuel morto nel lago in cui si trovavano. Per fare fronte ai ricordi, Frank comincia a bere di nascosto e chiede a Beth di non dirlo a Wally, essendo un alcolizzato in via di guarigione.

Beth e Frank partecipano al funerale. Alla lettura del testamento, Frank scopre che Mac lo ha tagliato fuori dall'eredità e ha sfruttato il documento per criticare aspramente e insultare il figlio per la sua omosessualità, rivelandolo alla famiglia. Sconvolto, Frank fugge e si ubriaca, dirigendosi al lago dov'era morto Samuel: si scopre che, dopo le accuse del padre, Frank rifiutò Samuel insultandolo con epiteti omofobi, portandolo a suicidarsi.

Wally e Beth vanno a cercare Frank, temendo che sia morto, ma lui torna ubriaco nel motel in cui alloggiano e discute con Wally, aggredendolo fisicamente e insultandolo prima di scappare nuovamente. I tre si riconciliano sulla tomba di Samuel, dove Frank si incolpa della sua morte. Frank viene convinto da Beth a tornare dalla loro famiglia per presentare Wally e i fratelli e la madre accettano tranquillamente l'omosessualità di Frank.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

La prima clip del film è stata diffusa il 7 agosto 2020.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata presentata al Sundance Film Festival 2020 il 25 gennaio[2] e distribuita su Prime Video a partire dal 26 novembre 2020.[1]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio è stato eseguito presso lo studio Dream&Dream di Milano, sotto la direzione di Marcello Cortese.[3]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Filmato audio Amazon Studios, Uncle Frank – First Look Clip - Amazon Studios, su YouTube, 7 agosto 2020. URL consultato il 7 agosto 2020.
  2. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Before Today’s Sundance Premiere, ‘American Beauty’ Scribe Alan Ball Talks About His Film ‘Uncle Frank’, su Deadline, 25 gennaio 2020. URL consultato il 7 agosto 2020.
  3. ^ Dream & Dream, Uncle Frank doppiato in Dream & Dream, su Dream&Dream, 14 dicembre 2020. URL consultato il 28 marzo 2021.
  4. ^ EMMY 2021: THE CROWN, THE MANDALORIAN E BRIDGERTON TRA LE NOMINATION, su Movieplayer.it, 13 luglio 2021. URL consultato il 13 luglio 2021.
  5. ^ (EN) San Diego Film Critics Society 2020 Awards Nominations, su sdfcs.org, San Diego Film Critics Society Awards, 8 gennaio 2021. URL consultato l'8 gennaio 2021.
  6. ^ (EN) Mirjana Van Blaricom, 25th Satellite Awards Nominees for Motion Pictures and Television Announced, su pressacademy.com, International Press Academy, 1º febbraio 2021. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  7. ^ Valentina D'Amico, WGA AWARDS 2021: BETTER CALL SAUL, TED LASSO E THE GREAT GUIDANO LE NOMINATION, su Movieplayer.it, 4 febbraio 2021. URL consultato il 4 febbraio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]