Zighinì

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zighinì
Alicha 1.jpg
Origini
Luoghi d'origineEritrea Eritrea
Etiopia Etiopia
Dettagli
Categoriapiatto unico
Ingredienti principali
 

Lo zighinì è uno dei piatti principali della cucina tipica dell'Eritrea e dell'Etiopia.[1][2] È un piatto unico che viene servito su crespelle acidule chiamate enjera sulle quali viene posto dello spezzatino piccante di pollo o di manzo, della verdura cotta, legumi vari ed insalata fresca.

La pietanza è comunemente consumata servendosi di un cucchiaio o con le sole dita delle mani, come è usanza eritrea ed etiope.[3]

Lo spezzatino di carne viene cotto con pomodoro, cipolle e insaporito da una miscela piccante di spezie chiamata berberé, a base di peperoncino, zenzero, chiodi di garofano, coriandolo, Ruta graveolens e ajowan[4]. Il piatto può essere guarnito da spinaci, da legumi ridottì a purea, come fagioli o lenticchie. Una variante più piccante dello zighinì prende il nome di spriss rosso. Viene solitamente accompagnato da birra o tè caldo alla cannella.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zighinì, su Piatti Africani. URL consultato il 17/6/2014.
  2. ^ The Master Chef, La Cucina Africana, Edizioni REI, 2014, p. 128.
  3. ^ Jean-Bernard Carillet, Stuart Butler, Dean Starnes, Etiopia e Eritrea, EDT srl, 2010, p. 60.
  4. ^ (EN) Berbere, in RecipeLand.com. URL consultato il 05 agosto 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]