Zhang Daqian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Zhang Daqian[1] (張大千T, 张大千S, Zhāng DàqiānP, Chang Ta-ChienW; 10 maggio 18992 aprile 1983) è stato un pittore cinese.

È considerato tra gli esponenti più brillanti e fecondi della pittura cinese del XX secolo. La sua maestria tecnica e le sue celebri contraffazioni hanno instillato il dubbio che un certo numero di pitture di grandi maestri siano in realtà opera di Zhang Daqian, il quale ha effettivamente avuto modi di copiare le opere in occasione dello spostamento della collezione imperiale di Pechino.

Ha conosciuto Pablo Picasso nel 1956 e l'incontro gli ha permesso di ricevere stimoli differente da quelli tipici dell'insegnamento accademico della Repubblica Popolare Cinese, influenzato soprattutto dalla scuola allineata all'ideologia comunista del noto Xu Beihong.

Nel 2011, Zhang Daqian è talmente quotato nelle aste d'arte da aver battuto il fatturato maggiore in asta superando Picasso con oltre 500 milioni di dollari.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Zhang" è il cognome.
  2. ^ (traduzione di Internazionale) Il re delle aste è cinese, Toronto Standard, 17 gennaio 2012. cit. in Internazionale del 18 gennaio 2012. Url consultato il 18 gennaio 2012

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN94645020 · LCCN: (ENn83158786 · GND: (DE11906541X · BNF: (FRcb12245305c (data) · ULAN: (EN500107140