Zenodoro (scultore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Zenodoro (...) è uno scultore e toreuta greco.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Statua raffigurante il Dio degli Averni, ancora oggi sono reperibili sue riproduzioni, ma l'originale andò distrutto.
  • Ritratto di Nerone (Colosso di Nerone),[1] non pervenuta in nessuno modo a noi, ma si racconta dell'opera in alcuni scritti, deducendone l'altezza in 35 metri la composizione (fusa in lega di bronzo, argento e oro) e il luogo (collocata nel vestibolo della Domus Aurea[2] e successivamente spostata da Adriano davanti al Colosseo.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Plinio il VecchioNaturalis Historia, XXXIV, 46.
  2. ^ SvetonioNerone, 31.1.
  3. ^ Segala & Sciortino 2005, p. 11.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
in italiano
  • Andrea Carandini, Le case del potere nell'antica Roma, Roma-Bari, Laterza, 2010, ISBN 978-8842094227.
  • Eugen Cizek, La Roma di Nerone, Milano, Ed.Garzanti, 1986.
  • Filippo Coarelli, Guida archeologica di Roma, Verona, Arnoldo Mondadori Editore, 1984.
  • Filippo Coarelli, Roma, Bari & Roma, Laterza, 2012.
  • Fabiola Fraioli, Regione IV. Templum Pacis, in Andrea Carandini (a cura di), Atlante di Roma antica, Milano, Mondatori Electa, 2012, pp. 281-306, ISBN 978-88-370-8510-0.
  • Elisabetta Segala & Ida Sciortino, Domus Aurea, Milano, Electa Mondadori, 2005, ISBN 88-370-4105-5.
  • Philipp Vandenberg, Nerone, Milano, Rusconi, 1984.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]