Zelman Cowen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sir Zelman Cowen
Zelman Cowen.jpg

Governatore generale dell'Australia
Durata mandato 8 dicembre 1977 –
29 luglio 1982
Monarca Regina Elisabetta II
Capo del governo Malcolm Fraser
Predecessore Sir John Kerr
Successore Sir Ninian Stephen

Prevosto dell'Oriel College
Durata mandato 1982 –
1990
Predecessore Michael Swann, barone Swann
Successore Ernest Nicholson

Vice Cancelliere dell'Università del Queensland
Durata mandato 1970 –
1977
Predecessore Sir Fred Schonell
Successore Brian Wilson

Vice Cancelliere dell'Università del New England
Durata mandato 1966 –
1970
Predecessore Sir Robert Madgwick
Successore Alec Lazenby

Dati generali
Firma Firma di Sir Zelman Cowen

Sir Zelman Cowen (Melbourne, 7 ottobre 1919Toorak, 8 dicembre 2011) è stato un accademico e politico australiano, governatore generale dell'Australia dal 1977 al 1982.

Precedentemente aveva ricoperto altri incarichi amministrativi ed accademici: dal 1966 al 1970 è stato vice-rettore dell'Università del New England, mentre dal 1970 al 1977 è stato vice-rettore dell'Università del Queensland.

Dal 1982 al 1990 inoltre è stato Provost dell'Oriel College.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Knight Bachelor - nastrino per uniforme ordinaria Knight Bachelor
«Vice Cancelliere dell'Università del Queensland.»
— 1º gennaio 1976[1]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Michele e San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Michele e San Giorgio
«Governatore Generale dell'Australia.»
— 18 novembre 1977[2]
Cavaliere dell'Ordine dell'Australia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Australia
— 8 dicembre 1977[3]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano
«Governatore Generale dal 1977 al 1982.»
— 8 luglio 1980[4]
Medaglia del centenario - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del centenario
— 1º gennaio 2001[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN43081471 · ISNI (EN0000 0000 8223 6746 · LCCN (ENn50037340 · GND (DE133886387 · BNF (FRcb12299024t (data)