Zehra Doğan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Zehra Doğan (Diyarbakır, ...) è un'artista e giornalista curda con cittadinanza turca. È la direttrice di Jinha, un'agenzia di stampa curda femminista con un personale tutto femminile. Da febbraio 2016 Doğan ha vissuto a Nusaybin, una città turca al confine con la Siria. Il 21 luglio 2016 è stata arrestata in un bar a Nusaybin. Il 2 marzo 2017 è stata assolta dall'accusa di appartenenza a un'organizzazione illegale, ma è stata condannata a 2 anni, 9 mesi e 22 giorni di carcere per aver pubblicato un dipinto sui social media.[1] È stata incarcerata per aver dipinto la distruzione della città di Nusaybin. L'artista di strada Banksy ha espresso più volte solidarietà nei confronti di Doğan dedicandole un murale a New York.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Jetzt lässt Erdogan Künstler ins Gefängnis werfen!, su krone.at. URL consultato il 14 luglio 2018.
  2. ^ (EN) Banksy just unveiled a new mural in New York City and this is what it means, in The Independent. URL consultato il 13 luglio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4152329126402670663 · ISNI (EN0000 0004 6466 026X · BNF (FRcb17720149c (data) · WorldCat Identities (EN4152329126402670663