Zecca di Barcino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Siliqua di Massimo.

La zecca di Barcino fu una zecca romana con sede nella città di Barcino (la moderna Barcellona) e attiva esclusivamente durante il regno di Massimo (409-411), un usurpatore contro l'imperatore Onorio che controllava la sola Hispania. Quando il segno di zecca è completo, esso è sempre SMBA.

L'esistenza di una zecca, ipotizzata da alcuni studiosi sulla base di siliquae con segno di zecca SMB o SMBA, fu confermata a seguito del ritrovamento di una moneta in bronzo (AE 4) nello scavo di un edificio di Barcellona nel 1959; altre monete sono state ritrovate da allora, tutte di bronzo o argento, mai in oro.

Una moneta di Massimo coniata a Barcino è presente nel tesoretto di Tipasa I (un AE 4 ritrovato nel 1957, ma pubblicato solo nel 1961) e a Terrasa (AE 2 scoperto nel 1975).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Philip Grierson, Melinda Mays, Catalogue of late Roman coins in the Dumbarton Oaks Collection and in the Whittemore Collection: from Arcadius and Honorius to the accession of Anastasius, Dumbarton Oaks, 1992, ISBN 9780884021933, pp. 23, 60, 219.