Zdravko Hebel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zdravko Hebel
Nazionalità Jugoslavia Jugoslavia
Croazia Croazia (dal 1991)
Altezza 187 cm
Peso 87 kg
Pallanuoto Water polo pictogram.svg
Ruolo Portiere
Termine carriera 1977
Carriera
Squadre di club1
1962-1977Mladost
Nazionale
1965-1969Jugoslavia Jugoslavia68
Palmarès
Jugoslavia Jugoslavia
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Città del Messico 1968 Pallanuoto
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Oro Tunisi 1967 Pallanuoto
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 31 maggio 2020

Zdravko Hebel (Zagabria, 21 gennaio 1943Zagabria, 12 agosto 2017[1]) è stato un pallanuotista jugoslavo, vincitore di una medaglia d'oro a Città del Messico 1968.

Carriera[2][modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

È cresciuto nel VK Medveščak fino al 1962, anno in cui passò al HAVK Mladost. Nel Mladost vinse diversi trofei tra cui quattro campionati jugoslavi, quattro Euroleghe, una Coppa delle Coppe e una Supercoppa LEN. Dal 1965 al 1969 ha giocato 68 partite con la nazionale jugoslava vincendo un oro alle Olimpiadi di Città del Messico 1968 e ai Giochi del Mediterraneo di Tunisi 1967.

Post-ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1991 al 2000 fu vicepresidente del Comitato Olimpico Croato per poi diventarne presidente dal 2000 al 2002. Nel 1995 e dal 1999 al 2000 fu presidente del HVS.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Mladost: 1962, 1967, 1969, 1971
Mladost:1967-68, 1968-69, 1969-70, 1971-72
Mladost: 1975-76
Mladost: 1976

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Jugoslavia: Città del Messico 1968
Jugoslavia: Tunisi 1967

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Umro bivši predsjednik HOO-a Zdravko Hebel (hr) Vijesti.rtl.hr
  2. ^ (HR) Preminuo Zdravko Hebel [È morto Zdravko Hebel], HOO, 12 agosto 2017. URL consultato il 31 maggio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]