Zanzariera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Zanzariera a tenda su un letto
Zanzariera integrata in una tenda

La zanzariera[1] è un dispositivo che offre protezione contro le zanzare, mosche e altri insetti, quindi anche contro eventuali malattie di cui i suddetti possano essere portatori (vedi es. malaria[2]). La maglia della rete di cui è composta permette una relativa impossibilità di contatto con tali animali e grazie alla messa a fuoco dell'occhio umano al di là della rete stessa, risulta quasi trasparente alla vista; l'afflusso dell'aria per contro viene parzialmente indebolito, ma non bloccato.

Per proteggere l'interno degli edifici la zanzariera è tipicamente integrata con gli infissi: a soffietto, a cerniera, con nastro adesivo, fisse, scorrevoli, magnetiche, con rete metallica, con rete in materiale plastico.

Le zanzariere a tenda sono spesso utilizzate in località dove sono comuni la malaria o altre malattie contraibili a causa degli insetti; tale tipo di tenda ha una struttura che inizia da un unico punto in alto ben sigillato e scende sino alla base intorno al letto. Poiché gli insetti possono mordere attraverso la rete, quest'ultima non deve poggiare direttamente sulla pelle.

Le zanzariere trattate con gli insetticidi - conosciuti come reti trattate da insetticida (acronimo inglese: ITN) - sono state sviluppate negli anni ottanta per la prevenzione dalla malaria. Queste reti, impregnate di un insetticida piretroide come il deltametrina o il permetrina, uccidono e respingono le zanzare. Le reti di questo tipo, però, devono essere sostituite o ritrattate con l'insetticida periodicamente.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La zanzariera viene utilizzata principalmente per la protezione contro il vettore di trasmissione della malaria, Anopheles gambiae. Il primo record di sintomi simili alla malaria si è verificato già nel 2700 a.C. dalla Cina. Il vettore di questa malattia non fu identificato fino al 1880, quando Sir Ronald Ross identificò le zanzare come vettore della malaria[3].

Conopeum o Conopium (greco antico: κωνώπιον o κωνόπιον o κωνωπεῖον) era una zanzariera. È stata realizzata per tenere lontane zanzare e altri insetti volanti. Ha preso il nome da κώνωψ, che significa zanzara in greco, ed è l'origine della parola inglese canopy. Queste tende erano particolarmente utilizzate in Egitto a causa delle zanzare che infestano il Nilo. Lo Scholiast on Juvenal ricorda che a Roma erano chiamati cubiculare. Sono ancora utilizzati in Grecia e in altri paesi che si affacciano sul Mediterraneo[4][5][6][7].

La zanzariera ha una lunga storia. Sebbene l'uso del termine risalga alla metà del XVIII secolo[8], la letteratura indiana del periodo tardo medievale fa riferimento all'uso delle zanzariere nel culto rituale indù. La poesia composta da Annamayya, il primo musicista e poeta Telugu conosciuto, fa riferimento a domatera, che significa "zanzariera" in Telugu[9]. L'uso delle zanzariere è stato datato alla preistoria. Si dice che anche Cleopatra, l'ultimo faraone attivo dell'antico Egitto, dormisse sotto una zanzariera[10]. Le zanzariere sono state utilizzate durante la costruzione del Canale di Suez afflitta dalla malaria[10].

Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Le zanzariere possono essere realizzate in cotone, polietilene, poliestere, polipropilene o nylon[11]. Una dimensione della maglia di 1,2 millimetri (0,047 pollici) ferma le zanzare, e più piccola, come 0,6 millimetri (0,024 pollici), ferma altri insetti pungenti come i Ceratopogonidae[12].

Una mosquito bar[13] è una forma alternativa di zanzariera. È costruita con un sottile tessuto a rete trasparente montato e drappeggiato su un telaio a forma di scatola. È progettata per adattarsi a un'area o a un oggetto come un sacco a pelo per fornire protezione dagli insetti. Una mosquito bar potrebbe essere utilizzata per proteggersi da zanzare e altri insetti mentre si dorme nelle zone della giungla[14]. La maglia a rete è tessuta abbastanza strettamente da impedire agli insetti di entrare ma abbastanza larga da non interferire con la ventilazione. Il telaio è generalmente autoportante, sebbene possa essere progettato per essere fissato dall'alto a un supporto alternativo come i rami degli alberi[14].

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Le zanzariere sono spesso utilizzate dove la malaria o altre malattie trasmesse dagli insetti sono comuni, specialmente come copertura simile a una tenda sopra un letto. Per l'efficacia, è importante che la rete non presenti fori o fessure sufficientemente grandi da consentire l'ingresso di insetti. È anche importante "sigillare" correttamente la rete perché le zanzare sono in grado di "strisciare" attraverso reti fissate in modo improprio. Poiché un insetto può mordere una persona attraverso la rete, essa non deve poggiare direttamente sulla pelle[15].

La zanzariera può essere appesa sopra i letti dal soffitto o da un telaio, integrata nelle tende o installata in finestre e porte. Quando appese sopra i letti, le reti rettangolari offrono più spazio per dormire senza il pericolo che la rete entri in contatto con la pelle, a quel punto le zanzare possono mordere attraverso la rete non trattata. Alcune zanzariere più recenti sono progettate per essere sia facili da installare che pieghevoli dopo l'uso[16][17].

Laddove le zanzariere sono distribuite liberamente o a buon mercato, i residenti locali a volte le usano opportunisticamente in modo inappropriato, ad esempio come reti da pesca. Quando vengono utilizzate per la pesca, le zanzariere hanno conseguenze ecologiche dannose perché la maglia fine di una zanzariera trattiene quasi tutti i pesci, compresi pesci immaturi o piccoli e specie di pesci non adatte al consumo[18][19][20][21]. Inoltre, gli insetticidi con cui è stata trattata la rete, come la permetrina, possono essere dannosi per i pesci e per altra fauna acquatica[19].

Reti trattate con insetticida[modifica | modifica wikitesto]

Le zanzariere trattate con insetticidi, note come insecticide-treated nets (ITN) o reti da letto (bednets), sono state sviluppate e testate negli anni '80 per la prevenzione della malaria da P. Carnevale e dal suo team a Bobo-Dioulasso, Burkina Faso. Si stima che gli ITN siano due volte più efficaci delle reti non trattate[22] e offrano una protezione superiore al 70% rispetto a quelle senza rete[23]. Queste reti sono trattate per immersione utilizzando un insetticida piretroide sintetico come deltametrina o permetrina che raddoppierà la protezione rispetto a una rete non trattata uccidendo e respingendo le zanzare. Per la massima efficacia, le ITN dovrebbero essere nuovamente impregnate di insetticida ogni sei mesi. Questo processo pone un notevole problema logistico nelle zone rurali. Le reti insetticide più recenti e di lunga durata (LLIN) hanno ora sostituito le ITN nella maggior parte dei paesi[24].

Efficacia[modifica | modifica wikitesto]

La distribuzione di zanzariere o bednets impregnate di insetticidi come permetrina o deltametrina si è dimostrata un metodo estremamente efficace di prevenzione della malaria[25]. Secondo uno studio Nature del 2015, le zanzariere hanno evitato il 68% dei circa 663 milioni di casi evitati di infezione da malaria dal 2000[25]. È anche uno dei metodi di prevenzione più convenienti. Queste reti possono spesso essere ottenute per circa 2,50 – 3,50 dollari (2–3 euro) dalle Nazioni Unite, dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e da altri. Gli ITN hanno dimostrato di essere il metodo di prevenzione più conveniente contro la malaria e fanno parte degli Obiettivi di sviluppo del Millennio (OSM)[26]. Generalmente i LLIN vengono acquistati da gruppi di donatori e consegnati tramite reti di distribuzione nazionali.

Gli ITN proteggono le persone che dormono sotto di loro e contemporaneamente uccidono le zanzare che entrano in contatto con le zanzariere. Con questo metodo viene fornita una certa protezione agli altri, comprese le persone che dormono nella stessa stanza ma non sotto la rete. Tuttavia, la modellazione matematica ha suggerito che la trasmissione della malattia può essere esacerbata dopo che le zanzariere hanno perso le loro proprietà insetticide in determinate circostanze[27]. Sebbene gli utenti ITN siano ancora protetti dalla barriera fisica della rete, i non utilizzatori potrebbero sperimentare un aumento del tasso di morsi poiché le zanzare vengono allontanate dagli utenti[27]. La modellazione suggerisce che ciò potrebbe aumentare la trasmissione quando la densità della popolazione umana è alta o a densità umane inferiori quando le zanzare sono più abili nel localizzare i loro "pasti di sangue"[27].

Nel dicembre 2019 è stato riferito che le popolazioni dell'Africa occidentale di Anopheles gambiae includono mutanti con livelli più elevati di proteina dell'appendice sensoriale 2 (un tipo di proteina chemosensoriale nelle gambe), che si lega ai piretroidi, sequestrandoli e impedendo così loro di funzionare, rendendo così le zanzare con questa mutazione hanno maggiori probabilità di sopravvivere al contatto con le zanzariere[28].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Mentre alcuni esperti sostengono che le organizzazioni internazionali dovrebbero distribuire gratuitamente ITN e LLIN alle persone per massimizzare la copertura (poiché una tale politica ridurrebbe le barriere di prezzo), altri insistono sul fatto che la condivisione dei costi tra l'organizzazione internazionale e i destinatari porterebbe a un maggiore utilizzo della rete (sostenendo che le persone apprezzeranno di più un bene se lo pagano). Inoltre, i sostenitori della condivisione dei costi sostengono che una tale politica garantisce che le reti siano assegnate in modo efficiente alle persone che ne hanno più bisogno (o sono più vulnerabili alle infezioni). Attraverso un "effetto selezione", sostengono, le persone che hanno più bisogno delle zanzariere sceglieranno di acquistarle, mentre quelle meno bisognose rinunceranno.

Tuttavia, uno studio controllato randomizzato sull'assorbimento di ITN tra le donne incinte in Kenya, condotto dagli economisti Pascaline Dupas e Jessica Cohen, ha rilevato che la condivisione dei costi non aumenta necessariamente l'intensità di utilizzo degli ITN né induce l'assorbimento da parte di coloro che sono più vulnerabili alle infezioni, rispetto a una politica di distribuzione gratuita[29][30]. In alcuni casi, la condivisione dei costi può ridurre la domanda di zanzariere erigendo una barriera di prezzo. Le scoperte di Dupas e Cohen supportano l'argomentazione secondo cui la distribuzione gratuita di ITN può essere più efficace della condivisione dei costi per aumentare la copertura e salvare vite umane. In un'analisi del rapporto costo-efficacia, Dupas e Cohen osservano che "la condivisione dei costi è nella migliore delle ipotesi leggermente più conveniente rispetto alla distribuzione gratuita, ma la distribuzione gratuita porta a molte più vite salvate"[31].

I ricercatori basano le loro conclusioni sull'efficacia in termini di costi della distribuzione gratuita sui comprovati vantaggi di ricaduta di un maggiore utilizzo di ITN[32]. Gli ITN proteggono gli individui o le famiglie che li utilizzano e proteggono le persone nella comunità circostante in due modi[33].

  • In primo luogo, gli ITN uccidono direttamente le zanzare adulte infette dal parassita della malaria, il che aumenta il loro tasso di mortalità e può quindi ridurre la frequenza con cui una persona nella comunità viene morsa da una zanzara infetta[34].
  • In secondo luogo, alcuni parassiti della malaria richiedono giorni per svilupparsi nelle ghiandole salivari della zanzara vettore. Questo processo può essere accelerato o rallentato dalle condizioni meteorologiche; più precisamente il calore[35]. Plasmodium falciparum, ad esempio, il parassita responsabile della maggior parte dei decessi nell'Africa subsahariana, impiega 8 giorni per maturare. Pertanto, la trasmissione della malaria all'uomo non avviene fino a circa il decimo giorno, sebbene richieda pasti di sangue a intervalli da 2 a 5 giorni[36]. Uccidendo le zanzare prima della maturazione del parassita della malaria, gli ITN possono ridurre il numero di incontri di zanzare infette con gli esseri umani[34].

Quando un gran numero di zanzariere viene distribuito in un'area residenziale, i loro additivi chimici aiutano a ridurre il numero di zanzare nell'ambiente. Con meno zanzare, le possibilità di infezione da malaria per riceventi e non riceventi sono significativamente ridotte.

Sfortunatamente, gli ITN standard devono essere sostituiti o trattati nuovamente con insetticida dopo sei lavaggi e, pertanto, non sono visti come una soluzione conveniente ed efficace a lungo termine al problema della malaria[37][38][39].

Di conseguenza, le industrie delle zanzariere e dei pesticidi hanno sviluppato le cosiddette zanzariere insetticide a lunga durata, che utilizzano anche insetticidi piretroidi. Esistono tre tipi di LLIN: rete in poliestere con un insetticida legato alla superficie esterna della fibra della rete mediante una resina; polietilene che ha insetticida incorporato nella fibra e polipropilene che ha insetticida incorporato nella fibra. Tutti i tipi possono essere lavati almeno 20 volte, ma la durata fisica può variare. Un'indagine condotta in Tanzania ha concluso che la vita effettiva delle reti in poliestere era di 2 o 3 anni[40]; con i LLIN in polietilene ci sono dati a sostegno di oltre 5 anni di vita con prove che mostrano reti che erano ancora efficaci dopo 7 anni[41]. Quando si calcola il costo dei LLIN per campagne di prevenzione della malaria su larga scala, il costo dovrebbe essere diviso per il numero di anni di vita prevista: una rete più costosa può essere più economica nel tempo. Inoltre, al calcolo vanno aggiunti i costi logistici per la sostituzione delle reti.

Prove scientifiche[modifica | modifica wikitesto]

Una revisione di 22 studi controllati randomizzati sugli ITN[42] ha rilevato (per la malaria da Plasmodium falciparum) che gli ITN possono ridurre le morti nei bambini di un quinto e gli episodi di malaria della metà.

In particolare, nelle aree di malaria stabile "gli ITN hanno ridotto l'incidenza di episodi malarici non complicati del 50% rispetto a chi non utilizza le reti, e del 39% rispetto a reti non trattate" e nelle aree di malaria instabile "del 62% rispetto a chi non utilizza le reti e del 43% rispetto alle reti non trattate". Pertanto, la revisione ha calcolato che per ogni 1000 bambini protetti da ITN, ogni anno sarebbero salvate 5,5 vite.

Negli anni 1999 e 2010 è stata registrata l'abbondanza di densità di femmine di Anopheles Gambiae nelle case in tutto il Kenya occidentale. Questo set di dati è stato abbinato ai dati spaziali dell'utilizzo della rete del letto per determinare la correlazione. I risultati hanno mostrato che dal 2008 al 2010 la densità di popolazione relativa delle femmine di Anopheles Gambiae è diminuita dal 90,6% al 60,7%[43]. La conclusione di questo studio ha mostrato che con l'aumentare del numero di case che utilizzavano zanzariere trattate con insetticida, la densità di popolazione delle femmine di Anopheles Gambiae diminuiva. Questo risultato variava tuttavia da regione a regione in base all'ambiente locale.

Uno studio del 2019 su PLoS ONE ha rilevato che una campagna per distribuire zanzariere nella Repubblica Democratica del Congo ha portato a un calo della mortalità del 41% per i bambini sotto i cinque anni che vivevano in aree ad alto rischio di malaria[44].

Problemi associati[modifica | modifica wikitesto]

È noto che la malaria e altri arbovirus contribuiscono alla disparità economica all'interno di quel paese e viceversa[45]. Questo apre la scena alla corruzione associata alla distribuzione di aiutanti di autoprotezione. È più probabile che i membri meno abbienti della società si trovino più vicini all'habitat principale dei vettori e meno probabilità di essere protetti dai vettori[46]. Questo aumento della probabilità di essere infettati aumenta la domanda di autoprotezione che quindi consente prezzi più elevati e una distribuzione non uniforme dei mezzi di autoprotezione. Una diminuzione del reddito pro capite esagera un'elevata domanda di risorse come acqua e cibo, con conseguenti disordini civili tra le comunità. La protezione delle risorse e il tentativo di ottenere risorse sono entrambi motivo di conflitto.

È stato osservato che le zanzariere vengono utilizzate nella pesca in tutto il mondo, dove la loro resistenza, leggerezza e accessibilità gratuita o economica le rendono uno strumento attraente per la pesca. Le persone che li usano per la pesca catturano un gran numero di avannotti[47].

Alternative[modifica | modifica wikitesto]

Le zanzariere riducono il flusso d'aria in una certa misura e dormire sotto una rete è più caldo che dormire senza, il che può essere scomodo nelle zone tropicali senza aria condizionata.

Alcune alternative sono:

  • L'uso di un ventilatore per aumentare il flusso d'aria[48].
  • L'applicazione di un repellente per insetti sulla pelle; questo può anche essere meno efficace (riducendo piuttosto che eliminare i morsi), più costoso e può comportare rischi per la salute con l'uso a lungo termine.
  • L'uso di irrorazione residua interna di insetticidi. Questa era una pratica comune alla fine del XX secolo. Tuttavia, a causa di una maggiore consapevolezza dei rischi ambientali associati all'insetticida DDT utilizzato per alcuni di questi programmi, questa pratica è diventata meno comune. Ad esempio, i finanziamenti americani per i programmi africani sono stati tagliati e il numero di soggetti infetti da malaria è salito alle stelle. Per vedere i risultati dell'uso dei programmi di irrorazione residua indoor, l'80% delle case nell'area interessata deve essere irrorato e l'applicazione dell'insetticida deve essere costante per sopprimere alcune specie che sono immuni all'insetticida stesso[49]. L'applicazione su larga scala comporta una dipendenza dall'irrorazione continua. Se lo stile di applicazione aggressivo non viene mantenuto, aumenta il rischio di un aumento delle zanzare geneticamente resistenti. Ciò si tradurrebbe in definitiva in un processo di mediazione irrealistico[50].

Versione elettrica[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Zanzariera elettrica.

La zanzariera elettrica è un apparecchio elettrico composto da una lampada fluorescente, da una griglia metallica elettrificata e a seconda del modello, anche da una o più ventole con effetto aspirante.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ żanżarièra, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ L'effetto del controllo della malaria sul Plasmodium falciparum in Africa tra il 2000 e il 2015, su ncbi.nlm.nih.gov.
  3. ^ 28. ^Murray, John. "Mosquitoes, malaria and man: a history of the hostilities since 1880.." Cab Direct 1 (1978): 1-314. Print.
  4. ^ Henry George Liddell, Robert Scott, A Greek-English Lexicon, Kwnwpion
  5. ^ Harry Thurston Peck, Harpers Dictionary of Classical Antiquities (1898), Conopeum
  6. ^ Charlton T. Lewis, An Elementary Latin Dictionary, Conopeum
  7. ^ A Dictionary of Greek and Roman Antiquities (1890), Conopeum
  8. ^ Oxford English Dictionary, draft, Oxford University Press, 2009.
  9. ^ Annamacharya Poetry - Vinnapalu vinavale, su vignanam.org. URL consultato il 28 ottobre 2015.
  10. ^ a b History of Malaria Control, su malariasite.com. URL consultato il 27 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2009).
  11. ^ World Health Organization: Annex VII : Procedure for Treating Mosquito Nets and curtains (PDF), su who.int. URL consultato il 27 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2012).
  12. ^ Mosquito Netting Criteria, su mosquito-netting.com. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  13. ^ Mosquito Bar Definition & Meaning | YourDictionary, su yourdictionary.com. URL consultato il 12 agosto 2023.
  14. ^ a b Paul Tawrell, Camping & wilderness survival : the ultimate outdoors book, 2nd, Lebanon, NH, Paul Tawrell, 2006, p. 92, ISBN 978-0-9740820-2-8.
  15. ^ "Insecticide-Treated Bed Nets." Centers for Disease Control and Prevention. Centers for Disease Control and Prevention, 9 Nov. 2012. Web. 23 Feb. 2014. <https://www.cdc.gov/malaria/malaria_worldwide
  16. ^ Travel Health Help: Mosquito Nets, su travelhealthhelp.com. URL consultato il 27 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2010).
  17. ^ (EN) Types of Mosquito Nets. - Mosquito Net India, in Mosquito Net India. URL consultato il 10 luglio 2018.
  18. ^ (EN) Benjamin L. Jones e Richard K. F. Unsworth, The perverse fisheries consequences of mosquito net malaria prophylaxis in East Africa, in Ambio, vol. 49, n. 7, 11 novembre 2019, pp. 1257–1267, DOI:10.1007/s13280-019-01280-0, ISSN 0044-7447 (WC · ACNP), PMC 7190679, PMID 31709492.
  19. ^ a b Jeffrey Gettlemanjan, Meant to Keep Mosquitos Out, Nets Are Used to Haul Fish In, in The New York Times, 24 gennaio 2015.
  20. ^ Noboru Minakawa, Gabriel O. Dida, Gorge O. Sonye, Kyoko Futami e Satoshi Kaneko, Malaria Journal - Full text - Unforeseen misuses of bed nets in fishing villages along Lake Victoria, in Malaria Journal, vol. 7, n. 1, 2008, pp. 165, DOI:10.1186/1475-2875-7-165, PMC 2532690, PMID 18752662.
  21. ^ IRIN Africa - ZAMBIA: Mosquito-net fishing threatens Lake Tanganyika - Zambia - Economy - Environment - Food Security - Water & Sanitation, in IRINnews, 12 ottobre 2009.
  22. ^ Swales, Jay., Malaria: Fever Wars, su cdc.gov, CDC, 2006.
  23. ^ Bachou H, Tylleskär T, Kaddu-Mulindwa DH, Tumwine JK, Bacteraemia among severely malnourished children infected and uninfected with the human immunodeficiency virus-1 in Kampala, Uganda, in BMC Infectious Diseases, vol. 6, 2006, p. 160, DOI:10.1186/1471-2334-6-160, PMC 1660577, PMID 17090299.
  24. ^ Hassan Masum, Ronak Shah, Karl Schroeder, Abdallah S. Daar e Peter A. Singer, BMC International Health and Human Rights - Full text - Africa's largest long-lasting insecticide-treated net producer: lessons from A to Z Textiles, in BMC International Health and Human Rights, vol. 10, n. 1, 2010, pp. S6, DOI:10.1186/1472-698X-10-S1-S6, PMC 3001614, PMID 21144077.
  25. ^ a b (EN) S. Bhatt, D. J. Weiss, E. Cameron, D. Bisanzio, B. Mappin, U. Dalrymple, K. E. Battle, C. L. Moyes e A. Henry, The effect of malaria control on Plasmodium falciparum in Africa between 2000 and 2015, in Nature, vol. 526, n. 7572, 8 ottobre 2015, pp. 207–211, Bibcode:2015Natur.526..207B, DOI:10.1038/nature15535, ISSN 0028-0836 (WC · ACNP), PMC 4820050, PMID 26375008.
  26. ^ World Health Organization: MDG 6: combat HIV/AIDS, malaria and other diseases, su who.int. URL consultato il 28 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2007).
  27. ^ a b c Laith Yakob e Guiyun Yan, Modeling the Effects of Integrating Larval Habitat Source Reduction and Insecticide Treated Nets for Malaria Control, in PLOS ONE, vol. 4, n. 9, 2009, pp. e6921, Bibcode:2009PLoSO...4.6921Y, DOI:10.1371/journal.pone.0006921, PMC 2734167, PMID 19742312.
  28. ^ Flaminia Catteruccia, Malaria-carrying mosquitoes get a leg up on insecticides, in Nature: News and Views, vol. 577, n. 7790, 2019, pp. 319–320, DOI:10.1038/d41586-019-03728-5, PMID 31937951.
  29. ^ Jessica Cohen e Pascaline Dupas, Free Distribution or Cost-Sharing? Evidence from a Randomized Malaria Prevention Experiment (PDF), in Quarterly Journal of Economics, vol. 125, n. 1, febbraio 2010, p. 24, DOI:10.1162/qjec.2010.125.1.1 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2011).
  30. ^ Free Distribution or Cost-Sharing: Evidence from a Malaria Prevention Experiment in Kenya, su poverty-action.org, Innovations for Poverty Action (IPA). URL consultato il 18 febbraio 2010.
  31. ^ Jessica Cohen e Pascaline Dupas, Free Distribution or Cost-Sharing? Evidence from a Randomized Malaria Prevention Experiment (PDF), in Quarterly Journal of Economics, vol. 125, n. 1, febbraio 2010, p. 24, DOI:10.1162/qjec.2010.125.1.1 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2011).
  32. ^ Hawley, William A., Community-Wide Effects of Permethrin-Treated Bed Nets on Child Mortality and Malaria Morbidity in Western Kenya (PDF), in The American Journal of Tropical Medicine and Hygiene, vol. 68, 4 Suppl, American Journal of Tropical Medicine and Hygiene 68 (Suppl. 4), 2003, pp. 121–7, DOI:10.4269/ajtmh.2003.68.121, PMID 12749495. URL consultato il 18 febbraio 2010.
  33. ^ Maxwell CA, Msuya E, Sudi M, Njunwa KJ, Carneiro IA, etal, Effect of community-wide use of insecticide-treated nets for 3–4 years on malarial morbidity in Tanzania, in Tropical Medicine and International Health, vol. 7, n. 12, 2002, pp. 1003–1008, DOI:10.1046/j.1365-3156.2002.00966.x, PMID 12460390.
  34. ^ a b Killeen GF, Smith TA (2007) Exploring the contributions of bednets, cattle, insecticides and excito-repellency to malaria control: A deterministic model of mosquito host-seeking behaviour and mortality. American Journal of Tropical Medicine and Hygiene.
  35. ^ Not Available Not Available, Not Available Not Available, Not Available Not Available e Not Available Not Available, Plasmodium falciparum: in vitro growth inhibition by febrile temperatures, in Parasitology Research, vol. 87, n. 7, 2001, pp. 553–555, DOI:10.1007/s004360100374, PMID 11484852.
  36. ^ Smith DL, McKenzie FE, Statics and dynamics of malaria infection in Anopheles mosquitoes, in Malaria Journal, vol. 3, 2004, p. 13, DOI:10.1186/1475-2875-3-13, PMC 449722, PMID 15180900.
  37. ^ Insecticide-Treated Mosquito Nets (PDF), su apps.who.int, WHO, p. 5 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2009).
  38. ^ Francis K Atieli e et al, The effect of repeated washing of long-lasting insecticide-treated nets (LLINs) on the feeding success and survival rates of Anopheles gambiae, in Malaria Journal, vol. 9, 2010, p. 304, DOI:10.1186/1475-2875-9-304, PMC 2988039, PMID 21029477.
  39. ^ Francis K Atieli e et al, Wash durability and optimal drying regimen of four brands of long-lasting insecticide-treated nets after repeated washing under tropical conditions, in Malaria Journal, vol. 9, 2010, p. 48, DOI:10.1186/1475-2875-9-248, PMC 2936406, PMID 20799996.
  40. ^ Erlanger, Field issues related to effectiveness of insecticide-treated nets in Tanzania, in Med Vet Entomol, vol. 18, n. 2, 2004, pp. 153–160, DOI:10.1111/j.0269-283X.2004.00491.x, PMID 15189240.
  41. ^ Tami A, Evaluation of Olyset insecticide-treated nets distributed seven years previously in Tanzania, in Malaria Journal, vol. 3, 2004, p. 19, DOI:10.1186/1475-2875-3-19, PMC 455684, PMID 15225349.
  42. ^ Lengeler C. (2004) Insecticide-treated bed nets and curtains for preventing malaria. The Cochrane Database of Systematic Reviews. Issue 2. [1]
  43. ^ Minakawa, Noboru . "Impacts of insecticide treated bed nets on Anopheles gambiae s.l. populations in Mbita district and Suba district, Western Kenya." Annals of Surgical and Innovation and Research 7 (2014): 2-13. Print.
  44. ^ (EN) Carrie B. Dolan, Ariel BenYishay, Karen A. Grépin, Jeffery C. Tanner, April D. Kimmel, David C. Wheeler e Gordon C. McCord, The impact of an insecticide treated bednet campaign on all-cause child mortality: A geospatial impact evaluation from the Democratic Republic of Congo, in Carvalho (a cura di), PLOS ONE, vol. 14, n. 2, 22 febbraio 2019, pp. e0212890, Bibcode:2019PLoSO..1412890D, DOI:10.1371/journal.pone.0212890, ISSN 1932-6203 (WC · ACNP), PMC 6386397, PMID 30794694.
  45. ^ Teklehaimanot, Awash. "Malaria and Poverty." Annals of New York Academy of Sciences 1136 (2008): 32-37. Print.
  46. ^ 31. ^Rivero-Rodriguez, L . "Exposure assessment for workers applying DDT to control malaria in Veracruz, Mexico.." Environmental Health Perspectives 1 (1997): 98-101. Print.
  47. ^ (EN) Benjamin L. Jones e Richard K. F. Unsworth, The perverse fisheries consequences of mosquito net malaria prophylaxis in East Africa, in Ambio, vol. 49, n. 7, 1º luglio 2020, pp. 1257–1267, DOI:10.1007/s13280-019-01280-0, ISSN 1654-7209 (WC · ACNP), PMC 7190679, PMID 31709492.
  48. ^ (EN) Tara Parker-Pope, House Fans and Mosquitoes, su Well, 12 luglio 2010. URL consultato il 25 febbraio 2023.
  49. ^ Pluess, Bianca. "Indoor residual spraying for preventing malaria." The Cochrane Library 1 (2010): n. pag. Wiley online library. Web. 21 Feb. 2014.
  50. ^ Chareonviriyaphap , Theeraphap . "Review of insecticide resistance and behavioral avoidance of vectors of human diseases in Thailand." BioMed Central 6 (2013): Web. 21 Feb. 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàNDL (ENJA00565255
  Portale Agricoltura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di agricoltura