Zanj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Zanj (arabo: ﺯﻨﺞ‎), che deriva dall'identica parola persiana, significa "schiavo di pelle nera".

Era il vocabolo usato per identificare l'area geografica dell'Africa orientale le cui popolazioni gli Arabi catturavano per ridurli allo stato di schiavi, portandoli nel califfato al fine di venderli sui mercati d'uomini.

Il numero degli Africani schiavizzati da quelli che in Europa venivano chiamati "negrieri", è sconosciuto ma la cifra va calcolata nei vari secoli in milioni.

Dalle coste in cui venivano imbarcati gli schiavi proviene la definizione persiana di Zang-i bār (Persiano: زنگبار‎), ossia "carico degli schiavi neri" o "Terra dei neri", all'origine della definizione geografica di Zanzibar, oggi parte del moderno Stato della Tanzania.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]