Zana Muhsen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Zana Muhsen (Birmingham, 7 luglio 1964) è una scrittrice inglese.

Da adolescente, insieme a sua sorella, fu venduta dal padre e fatta sposare a un ragazzo Yemenita, e trattenuta contro la sua volontà in quello stato per 8 anni. Zana aveva 15 anni e Nadia 14; quest'ultima frequentava ancora la scuola dell'obbligo. Nel 1988, grazie alle ricerche e alle pressioni della madre, che era all'oscuro della scelta del padre riguardo alle figlie, fu data loro la possibilità di tornare in Inghilterra, proposta che fu tuttavia rifiutata da Nadia, che decise di restare nello Yemen, per non essere costretta, come lo fu sua sorella Zana, a lasciare i suoi figli. Zana, infatti, divorziando, dovette rinunciare alla custodia di suo figlio Marcus, che tentò con tutte le sue forze di riavere per poterlo crescere, cercando nello stesso momento di liberare sua sorella Nadia ed i suoi figli: prima del 2000 ne aveva partoriti 6, più volte a rischio della sua stessa vita. Nel 1992 Zana Muhsen scrisse il libro Vendute, in cui racconta la sua storia e quella di sua sorella, e nel 2000 Ti salverò!, nel quale riferisce gli sforzi suoi e della madre per liberare Nadia, nel tentativo di far sapere al mondo la triste situazione dei bambini venduti, resi schiavi e sottoposti a continue violenze, ancora oggi, nel terzo millennio.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN50034892 · ISNI (EN0000 0001 0970 0423 · LCCN (ENnr88009621 · GND (DE119378574
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie