Zamakhshari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Abū l-Qāsim Mahmūd ibn ʿUmar al-Zamakhsharī (in arabo: ﺍﺑﻮ ﺍﻟﻘﺎﺳﻢ ﻣﺤﻤﻮﺩ ﺑﻦ ﻋﻤﺮ الزمخشري‎; Zamakshar, 10741144) è stato un teologo e filosofo persiano.

FirstSurahKoran.jpg

Il corasmio di origine persiana Zamakhsharī (in arabo: الزمخشري‎) è stato un teologo musulmano, grammatico e studioso di morale. Fu un celebre commentatore del Corano, influenzato per il suo lavoro (l'al-Kashshāf ) dal mutazilismo.

Nativo del villaggio di Zamakshar,[1] per molti anni visse a Mecca, tanto da guadagnarsi, appunto, il soprannome di Jār Allāh (Il vicino di Dio).[2]

Più tardi si spostò nel Khwārezm, dopo aver studiato a Bukhara e Samarcanda, godendo dell'aiuto scientifico dei grandi giuristi di Baghdad. Cercò in vario modo di entrare nelle grazie del famoso vizir selgiuchide Niẓām al-Mulk, di alcuni altri dignitari selgiuchidi e degli stessi Sultani Muḥammad b. Malikshāh e Sanjar, con identici risultati, pur ricevendo da essi qualche somma di denaro per i suoi componimenti elogiativi loro dedicati.
Ottenne più tardi miglior esito grazie alla generosità di sovrani Khwārezmshāh, quali Muḥammad b. Anūshtakīn e suo figlio Atsız. Fu poi gratificato anche dallo Sharīf di Mecca, ʿAlī b. ʿĪsā b. Ḥamza b. Wahhās, di idee mutazilite e buon letterato, e dall'atabeg buride di Damasco Tāj al-Mulūk Ṭughtakīn.

Abbracciò le idee mutazilite e la linea interpretativa del Qāḍī ʿAbd al-Jabbār e redasse un notissimo commentario coranico (tafsīr, intitolato al-Kashshāf ʿan ḥaqāʾiq al-tanzīl, ancora ampiamente diffuso e utilizzato nelle aree più orientali dall'ecumene islamica.

Raccolse anche una silloge di proverbi, l'al-Mustaqṣf fī amthāl al-ʿArab, che ebbe una popolarità pari a quella assai apprezzata di al-Maydanī, la Majmaʿ al-amthāl, sulla quale cui poi lavorò Georg Freytag.

Nel campo dell'adab, scrisse un commento alla Lāmiyyat al-ʿArab (ode in rima lam degli Arabi) di al-Shanfara, il Kitāb aʿjab al-ʿadjab fī sharḥ Lāmiyyat al-ʿArab.

Morì nel 1144 nella capitale corasmia di Gorgan (attuale capitale della regione persiana del Gulestan).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • al-Kashshāf, (in arabo: کشاف ‎), tafsīr del Corano.
  • Rabīʿ al-abrār wa-fuṣūṣ al-aḫbār (La primavera dei pii e l’origine delle notizie)
  • Asās al-balāgha (in arabo: اساس البلاغه‎)
  • Faṣl al-akhbār
  • Muʿajjam al-Ḥudūd
  • Dīwān al-Tamsīl
  • Sawāʾir al-Islām
  • Muqaddimat al-adab (in arabo: مقدمة الأدب‎, dizionario arabo-corasmio)
  • Kitāb al-amkina wa l-jibāl wa l-miyāh (in arabo: کتاب الامکنه والجبال والمیاه‎, "Libro dei posti, dei monti e delle acque": opera di geografia
  • Mufaṣṣal al-anmūdhaj (in arabo: مفصل الأنموذج‎, grammatica araba)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per cui si veda Yaqut (Muʿǧam al-buldān, vol. 3, p. 147 dell'edizione curata nel 1957 dalla Dār Sādir di Beirut, 1957) e il relativo lemma della The Encyclopaedia of Islam, 2nd ed., vol. 11, p. 431.
  2. ^ Tale soprannome viene dato a chi sia nativo o residente della Città Santa islamica di Mecca, a causa della presenza della Kaʿba, primo tempio destinato all'adorazione dell'unico vero Dio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90071384 · ISNI (EN0000 0001 1774 2295 · LCCN (ENn81048213 · GND (DE11930693X · BNF (FRcb131780364 (data) · CERL cnp00405336