Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Zakariyya Muhyi al-Din

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Zakariya Muhyi al-Din)
Zakariyya Muhyi al-Din
Zakaria Mohie ElDein.jpg

Primo ministro dell'Egitto
Durata mandato 3 ottobre 1965 –
10 settembre 1966
Predecessore Ali Sabri
Successore Muhammad Sidqi Sulayman

Vicepresidente dell'Egitto
Durata mandato 1961 –
1968
Successore Ali Sabri

Membro del Consiglio del Comando della Rivoluzione egiziano
Durata mandato 1952 –
1956

Direttore dell'Apparato d'Informazioni Generali
Durata mandato 1952 –
1955
Successore Ali Sabri

Dati generali
Partito politico Indipendente

Zakariyyā Muḥyi al-Dīn (in arabo: زكريا محيى الدين‎) (5 luglio 191815 maggio 2012) è stato un ufficiale e politico egiziano, Primo ministro e capo del primo servizio di Intelligence dell'Egitto repubblicano (l'Apparato d'Informazioni Generali, altrimenti noto come Mukhābarāt).

Esordi della carriera[modifica | modifica wikitesto]

Muḥyi al-Dīn entrò nell'Accademia Militare Egiziana del Cairo nel 1938 e si graduò nel 1948. Fu docente di "Tattica militare" nella Scuola di Guerra egiziana (Officers Military College) dal 1940 al 1943 e ancora una volta nel 1950-1951 e nel 1951-1952.

Nel 1967 fu nominato suo successore dal presidente Gamāl ʿAbd al-Nāsir dopo le dimissioni del Raʾīs a causa della disfatta nella Guerra dei sei giorni ma Muḥyi al-Dīn rifiutò tale veste.

Nel 1968, Muḥyi al-Dīn si dimise a sua volta dalla ogni funzione pubblica e abbandonò la vita politica.[1]

Nel 2005, dopo la morte di Husayn al-Shafi'i, con Khalid Muhyi al-Din è rimasto uno dei due membri sopravvissuti del Consiglio del Comando della Rivoluzione ( Majlis qiyāda al-thawra ).[2]

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Muḥyi al-Dīn ha ricoperto vari incarichi nelle forze armate egiziane. Ha servito con l'esercito in Sudan e, nel 1948, era Capo di Stato Maggiore della I Brigata che fu più tardi assediata a Faluga. Una delle sue imprese fu appunto quella di tornare nel 1948 tra i ranghi della sua Brigata assediata, di passare le linee nemiche da Rafah a Faluga: impresa per la quale si guadagnò alla fine della guerra una decorazione, la Medaglia d'oro Mehmet Ali, per il coraggio mostrato, il valore e l'eccellenza nel compiere il proprio dovere sul campo di battaglia palestinese. Nel 1952 fu lui ad elaborare la strategia per il movimento degli Ufficiali Liberi, garantendo il successo delle operazioni.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Incarichi politici[modifica | modifica wikitesto]

Zakariyyā Muḥyi al-Dīn e Yuri Gagarin, il primo uomo lanciato in orbita terrestre, nella Base aerea egiziana di al-Māẓa (2 febbraio 1962)

Comitati e Direzioni Generali[modifica | modifica wikitesto]

  • Capo del Comitato Superiore per l'Alta Diga
  • Capo della Federazione Egiziana dei Canottieri (1960–68)
  • Capo del Comitato di Amicizia Egitto-Grecia (1958–68)
  • Membro della Direzione Generale del Circolo Ufficiali (1951–52)
  • Membro del Comitato Supremo dell'Unione Socialista Araba (il principale e unico partito politico egiziano in età nasseriana).
  • Membro del Comitato Nazionale di Difesa.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Gran Commendatore dell'Ordine del Difensore del Reame (Malesia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Commendatore dell'Ordine del Difensore del Reame (Malesia)
— 1965[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2345273 · LCCN: (ENnr93040629