Zaccaria (profeta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Zaccaria
Zacharias (Michelangelo).jpg
Zaccaria (Michelangelo, Cappella Sistina)
 

Profeta

 
NascitaPrima del 520 a.C. a Babilonia
Morte480 a.C. circa
Venerato daTutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza6 settembre

Zaccaria (Prima del 520 a.C. – c. V secolo a.C.) è uno dei dodici Profeti minori.

Il suo nome (ebraico זְכַרְיָה, Zekharyah/Zəḵaryāh) significa "Jahvé ricorda"[1] ed è autore dell'omonimo libro classificato tra i libri profetici (detti Neviìm) nella Bibbia ebraica e nell'Antico Testamento nella Bibbia cristiana. Iniziò la sua missione profetica intorno al 520 a.C., cioè "nell'ottavo mese dell'anno secondo di Dario" (Zc 1, 1).

Visse nel periodo dopo l'esilio babilonese e si preoccupò molto della ricostruzione del tempio di Gerusalemme.[1]

Come il profeta Ezechiele ebbe un'estrazione sacerdotale.[1]

Zaccaria è venerato come santo dalla Chiesa cattolica e celebrato il 6 settembre.

Col nome di Zakariyāʾ, è annoverato dall'Islam tra i profeti che precedettero Maometto. La tradizione vuole la sua tomba nella moschea degli Omayyadi di Aleppo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c La Bibbia, ed. Piemme, Casale Monferrato (AL), 1996, ISBN 88-384-2400-4, p. 2245

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN70811276 · ISNI (EN0000 0000 3677 9475 · LCCN (ENn2006008808 · GND (DE118642103 · BAV (EN495/128149 · WorldCat Identities (ENlccn-n2006008808