Yuppie Flu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Yuppie Flu
Paese d'origineItalia Italia
GenereLo-fi
Indie rock
Rock alternativo
Periodo di attività musicale1995 – in attività
Album pubblicati4
Studio4
Live0
Raccolte0

Gli Yuppie Flu sono un gruppo musicale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo nasce da un'amicizia di lungo corso. L'album di esordio è Automatic But Static, (Vurt/ Valium 1997), nel quale compariva in veste di ospite A. Cambuzat della band francese Ulan Bator. L'album ottenne perlopiù buone recensioni, anche se in questo primo periodo risultava evidente a molti uno stile fortemente ricalcato su quello dei Pavement che ne sembrava la principale fonte d'ispirazione. Fu solo con i dischi successivi che la band sviluppò gradualmente un loro peculiare stile compositivo che secondo parte della critica culminò nel terzo album dal titolo Days Before The Day[1].

Nel 1999 gli Yuppie Flu pubblicarono il loro secondo album Yuppie Flu at the zoo per la Flop Records, accompagnato da 2 split: un 7 con i Fuck (Rhesus Records, 1999) ed un 12 con i canadesi Three Pieces (Extreme Sports Armchair Enthusiasts, 1999). Nel maggio 2000 uscì la raccolta Hollow Beep su marchio Doxa Records per il solo mercato europeo, promosso da un videoclip (della canzone Boat or Swim) e da 2 tour europei. Il video è stato premiato al MEI per miglior regia nella categoria videoclip indipendenti. Nello stesso anno Homesleep pubblica the boat ep e Yuppie Flu partono per un nuovo tour europeo che tocca Inghilterra, Germania, Austria, Svizzera, Belgio, Paesi Bassi, Russia. La band partecipa poi a Mtv Roma Live, Mtv Supersonic, Brand new, Viva 2 - Germany.

Ad inizio 2002 esce un 7 split con la band tedesca Tarwater e nell'estate un singolo 10 nel Regno Unito.

All'inizio del 2003 è uscito il nuovo album Days before the day, considerato l'album che meglio rappresenta il loro lavoro[1]. Due videoclip a supporto dell'album: spring to downcomers e il secondo tratto dal singolo ‘food for the ants'.

Nel 2003 sono in un tour europeo, partecipano a festival estivi, tra cui il Neapolis Festival di supporto ai R.E.M., Tora Tora! fest con la partecipazione a 3 date. Numerose sono le session radiofoniche londinesi tra cui la XFM e la BBC.

Toast Masters, il quarto album degli Yuppie Flu, esce nel 2005: la band compie un ulteriore passo verso un approccio più melodico e solare.

Nel 2008 esce Fragile Forest.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Membri attuali[modifica | modifica wikitesto]

  • Matteo Agostinelli - chitarra, voce
  • Simone Cavina - batteria
  • Matteo Portelli - basso

Membri passati[modifica | modifica wikitesto]

  • Simone Ottonaro AKA Otto - batteria
  • Enrico Ferroni - chitarra, synth
  • Gianluca Schiavon - batteria
  • Geoff Soule - Batteria
  • Paolo Agostinelli AKA Dodo - synths, percussioni
  • Kyle Statham - chitarra
  • Francescopaolo Chielli AKA Gabbo - basso, chitarra, tastiere, voce

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 7" - Split w/Fuck (1999 Home/Rhesus)
  • 12" - Split w/Three Pieces (1999 Extreme Sports Channel)
  • CD - The Blue Experiment Maxi Single (2000 Doxa)
  • CD - The Boat e.p. (2000 Homesleep)
  • 10" - The Blue Experiment (2002 Rex Records)
  • 7" - Split w/ Tarwater (2003 Unhip Records)
  • 7" - Split w/ Giardini di Mirò (2003 Jonathon Whiskey#28)
  • CD - Food For The Ants (2004 Homesleep)
  • CD - Our Nature (2005 Homesleep)
  • Digital Download - Sensitive EP (2009 Homesleep)

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

  • Play Loud vol 1 (1999 Vurt Recordz)
  • Mucchio vol 2 (1999 allegato a Il Mucchio Selvaggio)
  • Music With Attitude vol 14 (1999 allegato a Rocksound)
  • Extreme Sports - Ché Records Compilation (1999 extreme sports/ché rec-uk)
  • Side B (2000 Q-tape records - Francia)
  • HomesleepHome (autunno 2000 homesleep)
  • Everything is Ending Here: A Tribute to Pavement (2003 [Homesleep records])
  • Indies against IN(VI)DIE (2004 Sub Records)
  • Losingtoday vol 1 (2004 allegato a Losing Today)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Federico Guglielmi, Rock (non in) italiano: 50 album fondamentali, in Mucchio Extra, Stemax Coop, #38 estate 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianluca Polverari: Marche doc, Rockerilla # 400 pag. 22, dicembre 2013, Editore: Edizioni Rockerilla

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock