Yumjaagiin Tsedenbal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Yumjaagiin Tsedenbal
Tsedenbal BundesArchiv.jpg

Segretario generale del Partito Rivoluzionario del Popolo Mongolo
Durata mandato 22 novembre 1958 –
24 agosto 1984
Predecessore Dashiin Damba
Successore Jambyn Batmönkh

Durata mandato 8 aprile 1940 –
4 aprile 1954
Predecessore Dashiin Damba
Successore Dashiin Damba

Presidente del Praesidium del Grande Khural di Stato
Durata mandato 11 giugno 1974 –
23 agosto 1984
Predecessore Sonomyn Luvsan
Successore Nyamyin Jagvaral

Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Popolare Mongola
Durata mandato 26 gennaio 1952 –
11 giugno 1974
Predecessore Horloogijn Čojbalsan
Successore Jambyn Batmönkh

Dati generali
Partito politico Partito Rivoluzionario del Popolo Mongolo
Yumjaagiin Tsedenbal

Yumjaagiin Tsedenbal (mongolo: Юмжаагийн Цэдэнбал) (Davst, 17 settembre 1916Mosca, 20 aprile 1991) è stato un politico mongolo, Presidente della Mongolia dal 1974 al 1984.

Durante la sua vita politica, ha servito come primo ministro e segretario generale del Partito Rivoluzionario del Popolo Mongolo.

Anni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Tsedenbal è nato in una povera famiglia nomade della tribù Dörvöd.

Era il quinto di undici figli nella sua famiglia (tre dei suoi fratelli morirono in tenera età).

Nel 1925 Tsedenbal divenne uno dei primi studenti della scuola pubblica appena organizzata a Ulaangom, diplomandosi nel 1929.

Lo stesso anno Tsedenbal andò a Irkutsk per continuare la sua educazione.

Trascorse circa nove anni tra Irkutsk e Ulan-Ude.

Ha conseguito una laurea presso l'Istituto di finanza ed economia siberiana.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1939, rientrato a Ulan Bator, Tsedenbal lavorò prima come vice ministro e poi come ministro delle finanze.

Nel 1940, al 10 ° Congresso del Partito rivoluzionario popolare mongolo, divenne segretario generale del partito all'età di 23 anni e ancora nel 1958 durante la sua premiership.

Dopo aver assunto la leadership nel 1952 dopo la morte del maresciallo Khorloogiin Choibalsan, Tsedenbal sconfisse con successo i suoi rivali politici: Dashiin Damba nel 1958-59, Daramyn Tömör-Ochir nel 1962, Luvsantserengiin Tsend nel 1963 e nel dicembre 1964 il cosiddetto "Lookhuuz-Nyambuu-Surmaajav" ovvero "gruppo anti-partito".

Ha ricoperto questo incarico fino all'11 giugno 1974, quando divenne capo di stato, diventando così il capo supremo della Repubblica popolare mongola.

Linea politica[modifica | modifica wikitesto]

La sua politica estera è stata contrassegnata dagli sforzi per portare la Mongolia in una cooperazione sempre più stretta con l'Unione Sovietica.

Tuttavia, Tsedenbal e il suo gruppo di leader di partito (come Tsagaan-Lamyn Dugersuren e Damdinjavyn Maidar) erano insoddisfatti del ruolo economico che la leadership sovietica assegnava alla Mongolia.

Mentre l'URSS incitava il governo mongolo a concentrare i suoi sforzi sullo sviluppo dell'agricoltura e del settore minerario, Tsedenbal e i suoi seguaci cercarono di favorire una rapida industrializzazione anche di fronte all'opposizione sovietica.

Tsedenbal nei rapporti sia con Mosca che nei confronti dei critici in seno al partito fu abbastanza prudente esprimendo rassicurazione e lealtà al primo e al contempo reprimendo le critiche all'interno del partito attuate in particolare da Daramyn Tömör-Ochir, Tsogt-Ochiryn Loohuuz, bollandoli come "filo-cinesi" e "nazionalisti".

Termine della carriera politica e morte[modifica | modifica wikitesto]

Tsedenbal fu costretto al ritiro nell'agosto 1984 in una mossa sponsorizzata dall'Unione Sovietica, ufficialmente sul conto della sua vecchiaia e della sua debolezza mentale, ma almeno in parte a causa della sua opposizione al processo di riavvicinamento sino-sovietico che era iniziato con il discorso di Leonid Brezhnev di Tashkent nel marzo 1982.

Jambyn Batmönkh divenne il nuovo segretario generale del PRPM.

Tsedenbal rimase a Mosca fino alla sua morte; il suo corpo fu portato in Mongolia, dove venne sepolto.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze mongole[modifica | modifica wikitesto]

Eroe della Repubblica Popolare di Mongolia - nastrino per uniforme ordinaria Eroe della Repubblica Popolare di Mongolia
— 1966
Eroe del Lavoro della Repubblica Popolare di Mongolia - nastrino per uniforme ordinaria Eroe del Lavoro della Repubblica Popolare di Mongolia
— 1961
Ordine di Sukhbaatar (5) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Sukhbaatar (5)
Ordine della Bandiera Rossa (2) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera Rossa (2)
Ordine della Bandiera Rossa del Lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera Rossa del Lavoro

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di Georgi Dimitrov (2 - Bulgaria) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Georgi Dimitrov (2 - Bulgaria)
Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Leone Bianco (Cecoslovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Leone Bianco (Cecoslovacchia)
Ordine della Bandiera Nazionale di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera Nazionale di I Classe
Ordine di José Martí (Cuba) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di José Martí (Cuba)
Cavaliere di gran stella dell'Ordine della grande stella di Iugoslavia (Iugoslavia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran stella dell'Ordine della grande stella di Iugoslavia (Iugoslavia)
Gran Croce dell'Ordine della Polonia Restituta (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine della Polonia Restituta (Polonia)
Ordine di Karl Marx (Repubblica Democratica Tedesca) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Karl Marx (Repubblica Democratica Tedesca)
Grande Stella dell'Ordine della Stella dell'Amicizia tra i Popoli (Repubblica Democratica Tedesca) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Stella dell'Ordine della Stella dell'Amicizia tra i Popoli (Repubblica Democratica Tedesca)
Ordine di Lenin (3 - URSS) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin (3 - URSS)
— 1944, 1976 e 1986
Ordine della Rivoluzione d'Ottobre (URSS) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Rivoluzione d'Ottobre (URSS)
Ordine di Kutuzov di I Classe (URSS) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Kutuzov di I Classe (URSS)
— 8 settembre 1945

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN84032794 · ISNI (EN0000 0001 1878 7508 · LCCN (ENn80124828 · GND (DE132225158 · BNF (FRcb15584146x (data)