Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Yumiko Igarashi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Yumiko Igarashi

Yumiko Igarashi いがらしゆみこ (Igarashi Yumiko?) (Asahikawa, 26 agosto 1950) è una fumettista giapponese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1968, come studentessa del terzo anno della scuola superiore Asahi Gaoka di Sapporo, viene introdotta nell'ambiente dei fumetti dalle amiche Waki Yamato e Yoko Tadatsu, e a 18 anni pubblica Shiroi same no iru shima presso l'editore Shūeisha con lo pseudonimo di Hitomi Igakishi.

Con il manga Candy Candy del 1975 e soprattutto con Georgie del 1982 raggiunge la notorietà internazionale. Disegnare Candy Candy le è valsa tra l'altro la vittoria al primo Kodansha Manga Award.

Sue sono anche numerose reinterpretazioni di fiabe e romanzi per ragazzi: Biancaneve, Cenerentola, La bella addormentata nel bosco, Pollicina, La piccola fiammiferaia, La sirenetta, ma anche Heidi, Il piccolo Lord, Alice nel Paese delle Meraviglie, L'uccellino azzurro ed Anna dai capelli rossi. Inoltre con Anna Karenina di Lev Tolstoi e Romeo e Giulietta di William Shakespeare, sul finire degli anni '80 si dedica anche alla rivisitazione dei classici della letteratura[1].

L'autrice si firma con cognome (Igarashi) e nome proprio (Yumiko) interamente scritti in hiragana anziché in kanji. In un'intervista pubblicata su Kappa Magazine N. 30 l'artista dichiarò di aver fatto questa scelta perché il suo nome (五十嵐優美子) è formato da kanji troppo complessi per un pubblico composto in prevalenza da ragazzine in età scolare.

Controversie legali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Candy Candy § Controversie legali.

Dal 1990 è in corso una battaglia legale con Kyoko Mizuki (Candy Candy) e Mann Izawa (Georgie), relativi ai diritti di sfruttamento delle due serie. Questo ha interferito anche nella distribuzione dell'anime Candy Candy della Toei e ha pregiudicato negli anni il merchandising collegato, anche se l'apparizione sul mercato nel 2004 di prodotti riguardanti Candy Candy potrebbe far presupporre il raggiungimento di un accordo tra le tre autrici[2][3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Yumiko Igarashi
  2. ^ Candy Candy legal issues continue, animenewsnetwork.com. URL consultato il 21 giugno 2008.
  3. ^ New Candy Candy merchandise sees daylight, animenewsnetwork.com. URL consultato il 21 giugno 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN39497568 · LCCN: (ENnr96027706 · ISNI: (EN0000 0000 7834 6520 · BNF: (FRcb12614022z (data)