Yossi Benayoun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Yossi Benayoun
Yossibenayounch.jpg
Dati biografici
Nome Yosef Shai Benayoun
Nazionalità Israele Israele
Altezza 178 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra QPR QPR
Carriera
Giovanili
Hapoel Be'er Sheva Hapoel Be'er Sheva
Ajax Ajax
Squadre di club1
1997-1998 Hapoel Be'er Sheva Hapoel Be'er Sheva 25 (15)
1998-2002 Maccabi Haifa Maccabi Haifa 137 (55)
2002-2005 Racing Santander Racing Santander 101 (21)
2005-2007 West Ham West Ham 63 (8)
2007-2010 Liverpool Liverpool 92 (18)
2010-2011 Chelsea Chelsea 8 (1)
2011-2012 Arsenal Arsenal 19 (4)
2012-2013 West Ham West Ham 6 (0)
2013 Chelsea Chelsea 6 (0)
2013- QPR QPR 10 (2)
Nazionale
1997
1998-2001
1998-
Israele Israele U-18
Israele Israele U-21
Israele Israele
8 (12)
11 (5)
93 (24)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 10 dicembre 2013

Yosef Shai "Yossi" Benayoun (in ebraico: יוסף שי "יוסי" בניון[?]; Dimona, 5 maggio 1980) è un calciatore israeliano, centrocampista del Queens Park Rangers e della Nazionale israeliana.

Soprannominato "Il bambino",[1] ricopre il ruolo di centrocampista offensivo o di ala. È il capitano della Nazionale israeliana, di cui è considerato uno dei maggiori talenti.[1]è di origine marocchina, possiede anche il passaporto spagnolo.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Centrocampista offensivo, può giocare sia come trequartista, sia come esterno, sia come mezzala in un centrocampo a tre. Per la sua velocità e il suo dribbling è paragonato a Kakà.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Giovanili[modifica | modifica sorgente]

Benayoun cominciò la sua carriera all'età di 9 anni, con il Hapoel Be'er Sheva: per presentarsi con regolarità agli allenamenti, vista la mancanza di mezzi pubblici, era costretto a fare ogni volta col padre 60 km di strada con l'autostop.[1] Si fece notare presto, ed il primo talent scout ad approcciarlo fu quello dell'Ajax. La società olandese invitò la famiglia di Yossi, al momento quindicenne, a trasferirsi nei Paesi Bassi, per entrare a far parte delle giovanili dei Lancieri. Già a 16 anni Benayoun era il cannoniere della squadra e il miglior giocatore, perciò l'Ajax a tempo debito gli offrì un contratto professionistico quadriennale. Non essendosi ben ambientati ad Amsterdam, lui e la sua famiglia preferirono rifiutare il contratto e tornare in Israele dopo soli 8 mesi.[1]

Hapoel Be'er Sheva[modifica | modifica sorgente]

All'età di 17 anni e mezzo Yossi venne promosso nella prima squadra del Hapoel Be'er Sheva, non riuscendo però a evitare alla sua squadra la retrocessione nella seconda divisione del campionato israeliano.

Nell'ultima partita della stagione, contro il Maccabi Haifa, Benayoun riuscì a guadagnare un calcio di rigore al 90' e il portiere del Maccabi, Nir Davidovich, riuscì a pararglielo, ma Yossi riuscì comunque a segnare sulla respinta. Benayoun pensava di aver salvato la sua squadra dalla retrocessione, ma quando gli venne comunicato che i rivali per la salvezza avevano anch'essi vinto, le lacrime di gioia si trasformarono in lacrime di tristezza.[1] Benayoun totalizzò 25 presenze con l'Hapoel, segnando 15 reti.

Tra i 18 e i 21 anni dovette rimanere in Israele per attendere al servizio di leva obbligatoria.[2]

Maccabi Haifa[modifica | modifica sorgente]

Dopo la stagione 1998-1999 venne ceduto al Maccabi Haifa con un contratto firmato sia da Ya'akov Shahar (presidente del Maccabi) che da Eli Zino (presidente del Hapoel Be'er Sheva).

Militò nel Maccabi Haifa per tre stagioni. Nel 1999, sotto la guida di Dusan Uhrin e di Daniel Brailovsky, il Maccabi Haifa raggiunse i quarti di finale di Coppa delle Coppe: Benayoun segnò contro Paris Saint-Germain e Ried.

Nella stagione 2000-2001, con in panchina il coach Avraham Grant, Benayoun condusse il Maccabi Haifa alla vittoria in campionato dopo sette anni di insuccesso; lui stesso venne scelto come miglior giocatore dell'anno.[2] Nella stagione successiva la squadra vinse nuovamente il titolo nazionale, prima che il giocatore lasciasse Israele per trasferirsi nella Primera División.

In campionato mise a referto con il Maccabi un totale di 130 presenze e 55 gol (con due triplette).

Racing Santander[modifica | modifica sorgente]

Nel 2002 Benayoun si trasferì al Racing Santander, in Spagna, contribuendo al raggiungimento della salvezza nella stagione 2003-2004[1] e affermandosi come uno dei principali realizzatori del club nella stagione 2004-2005 (9 reti). Con la divisa del Racing ha totalizzato 101 presenze e 21 gol in tre stagioni, prima che i problemi finanziari costringessero il club a svenderlo.[2]

West Ham[modifica | modifica sorgente]

Dopo le prestazioni con la maglia della Nazionale israeliana e con quella del Racing Santander, il nome di Benayoun venne collegato a squadre spagnole, russe e inglesi.[1] Il West Ham riuscì a metterlo sotto contratto nel luglio 2005, con un'offerta di 2,5 milioni di sterline: Benayoun firmò un contratto di quattro anni[3].

Giunto al West Ham sulle orme di Eyal Berkovic,[1] che vi aveva giocato tra 1997 e 1999, Benayoun, ha dimostrato di essere, non solo un assistman di grande valore, ma anche un discreto realizzatore, segnando 4 gol alla prima stagione in Premier League. Per gli Hammers ha anche messo a referto, all'ultima giornata di campionato, la rete che ha impedito ai rivali londinesi del Tottenham di qualificarsi per la Champions League.

Scese in campo in occasione della 125a finale di FA Cup contro i Campioni d'Europa in carica del Liverpool. Alla fine la sua squadra perse ai calci di rigore, dopo che il risultato alla fine dei tempi supplementari era di 3-3.

Liverpool[modifica | modifica sorgente]

Benayoun durante il riscaldamento con il Liverpool

Nel maggio 2007 Benayoun trovò un accordo per rinnovare il contratto col West Ham per altri cinque anni: non aveva però ancora firmato quando il Liverpool confermò nel luglio 2007 di aver iniziato le trattative per assicurarselo[4]. Il club londinese rifiutò un'offerta iniziale di 3 milioni di sterline , costringendo i Reds ad aumentarla fino a 4,5 milioni. Il 10 luglio i media israeliani uscirono con la notizia che il manager del giocatore, Ronen Katsav, aveva accettato l'offerta dei Reds: il talento di Dimona, pur di passare nel Merseyside, ha accettato uno stipendio inferiore alle 50.000 sterline a settimana offertegli dal West Ham in maggio[5].

Il 12 luglio il sito ufficiale del Liverpool annunciò che Yossi Benayoun era stato messo sotto contratto[6]. L'israeliano firmò un contratto di quattro anni per una cifra di 5 milioni di sterline. Benayoun venne presentato come nuovo giocatore del Liverpool insieme a Ryan Babel (proveniente dall'Ajax) il 13 luglio: gli venne data la maglia numero 11, mentre all'olandese fu assegnato il numero 19. Proprio con il Liverpool debuttò in Champions League nel 2007, segnando, alla 4ª giornata del girone di qualificazione, una tripletta al Beşiktaş.

Chelsea[modifica | modifica sorgente]

Benayoun ha firmato per il Chelsea il 2 luglio 2010, con un accordo triennale, e dunque rimarra allo Stamford Bridge fino all'estate del 2013.[7][8][9] I due club hanno concordato il trasferimento su una base di £ 5.5m. Ha detto, in una dichiarazione al sito ufficiale del club: "Sono molto entusiasta di venire in un club come il Chelsea, è un grande club e credo che sia un sogno per ogni giocatore. Speriamo di avere successo".

Benayoun ha fatto il suo debutto contro l'Eintracht Francoforte in una amichevole pre-campionato[10] prima di fare la sua prima presenza competitiva l'8 agosto in una sconfitta per 3-1 contro il Manchester United nel Community Shield 2010, sostituendo Florent Malouda. Il 21 agosto, Benayoun ha segnato il suo primo gol in campionato al 93 'per il Chelsea in una vittoria per 6-0 Wigan Athletic al DW Stadium di Wigan, a Greater Manchester.[11] Il 22 settembre, Benayoun si rompe il tallone d'Achille durante Chelsea - Newcastle in una sconfitta per 4-3 in una partita di Carling Cup.[12] Benayoun quando venne recuperato completamente da questo infortunio fu mandato in campo nel secondo tempo contro il Wigan Athletic il 9 aprile 2011.

Il 26 agosto 2011, Benayoun, ha offerto a Juan Mata la sua maglia numero 10. Il capitano di Israele disse: "Ho deciso di dare a Mata, il numero 10 - è la sua preferita, per me è solo un numero, la mia fortunata ha il numero 15.." (Florent Malouda del Chelsea indossa la maglia numero 15.) Juan Mata da Valencia ha espresso così la sua gratitudine verso il calciatore israeliano: "E 'un numero molto importante per me, quindi sono contento di indossarlo. Voglio ringraziare Yossi," ha detto. Benayoun ha cambiato la maglia con il numero 30.

Benayoun durante il riscaldamento con l'Arsenal

Arsenal[modifica | modifica sorgente]

Il 31 agosto 2011 passa alla formazione londinese dell'Arsenal con la formula del prestito.[13] Benayoun ha fatto il suo debutto il 10 settembre 2011 iniziando dalla panchina e scese in campo alla seconda metà di gara sostituendo il russo Andrei Arshavin, nella partita del girone di andata contro lo Swansea City. Il 20 settembre 2011, Benayoun ha segnato il suo primo gol per l'Arsenal dopo 78 minuti durante una partita di Carling Cup contro lo Shrewsbury Town, vinta poi dai gunners per 3-1.[14] Il 29 novembre, nella partita dei quarti di finale di League Cup persa per 1-0 con il Manchester City, Benayoun ha indossato per la prima volta la fascia di capitano dei gunners, mentre il 6 dicembre successivo, nella gara persa per 3-1 ad Atene con l'Olympiakos ha messo a segno il suo primo gol in Champions con la nuova maglia. La prima rete in campionato è invece arrivata il 21 dicembre nell'incontro vinto 2-1 con l'Aston Villa. Terminata la stagione con 25 gare giocate ed 8 gol realizzati, ha fatto ritorno al Chelsea.

Prestito al West Ham e ritorno al Chelsea[modifica | modifica sorgente]

Il 31 agosto 2012 Benayoun è tornato al West Ham, a seguito della sua cessione in prestito dal Chelsea. Nella finestra di mercato di gennaio ha però subito fatto ritorno al Chelsea. Vince l'Europa League 2012-2013 con i Blues. A fine stagione, si è svincolato dal team londinese.[15]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Benayoun è stato membro della Nazionale israeliana Under-16 che ha raggiunto il terzo posto agli europei del 1996. Ha fatto il suo debutto nella Nazionale maggiore in un match contro il Portogallo nel novembre 1998.

Durante le qualificazioni al campionato del mondo 2006, Benayoun si è affermato come leader della nazionale del suo paese, grazie soprattutto alla rete del pareggio in un incontro casalingo con Cipro (terminato col punteggio di 2-1 per Israele) e alle due realizzazioni contro la Svizzera.[1] Nella gara di ritorno con Cipro, giocata a Nicosia, Benayoun fu autore dell'assist nell'azione del gol decisivo, dopo che il portiere di Israele Nir Davidovich aveva parato un rigore.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate all'11 gennaio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1997-1998 Israele Hapoel Be'er Sheva LhA 25 15 CI 0 0 - - - - 25 15
1998-1999 Israele Maccabi Haifa LhA 29 16 CI 0 0 CdC 5 2 - - 34 18
1999-2000 LhA 38 19 CI 0 0 - - - - 38 19
2000-2001 LhA 37 13 CI 0 0 - - - - 37 13
2001-2002 LhA 33 7 CI 0 0 - - - - 33 7
Totale Maccabi Haifa 137 55 5 2 142 57
2002-2003 Spagna Racing Santander PD 31 5 CR 0 0 - - - - 31 5
2003-2004 PD 35 7 CR 0 0 - - - - 35 7
2004-2005 PD 35 9 CR 0 0 - - - - 35 9
Totale Racing Santander 101 21 0 0 - - - - 101 21
2005-2006 Inghilterra West Ham PL 34 5 FACup+CdL 6+0 0 - - - - - - 40 5
2006-2007 PL 29 3 FACup+CdL 1+0 0 CU 2 0 - - - 32 3
2007-2008 Inghilterra Liverpool PL 30 4 FACup+CdL 3+3 3+1 UCL 11 3 - - 47 11
2008-2009 PL 32 8 FACup+CdL 1+0 0 UCL 9 1 - - 42 9
2009-2010 PL 30 6 FACup+CdL 2+1 0 UCL+UEL 6+6 2+1 - - 45 9
Totale Liverpool 92 18 10 4 32 7 - - 134 29
2010-2011 Inghilterra Chelsea PL 7 1 FACup+CdL 0+1 0 UCL 1 0 CS 1 0 10 1
ago. 2011 PL 1 0 FACup+CdL - - UCL - - - - - 1 0
ago. 2011-2012 Inghilterra Arsenal PL 19 4 FACup+CdL 0+3 1 UCL 3 1 - - - 25 6
2012-gen. 2013 Inghilterra West Ham PL 6 0 FACup+CdL 0 0 - - - - - - 6 0
Totale West Ham 69 8 7 0 2 0 - - 78 8
gen.-giu. 2013 Inghilterra Chelsea PL 6 0 FACup+CdL 2+0 0 UCL+UEL 0+5 0 CS - - 13 0
Totale Chelsea 14 1 3 0 6 0 1 0 24 1
dic. 2013-2014 Inghilterra Queens Park Rangers FLC 5 0 FACup+CdL 1+0 0 - - - - - - 6 0
Totale carriera 462 122 24 5 48 10 1 0 535 137

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Chelsea: 2012-2013

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i Ofer Ronen-Abels, Il 'bambino' israeliano in it.uefa.com, 22 luglio 2005. URL consultato il 1º febbraio 2009.
  2. ^ a b c (EN) Liverpoolfc.tv: Profile - Yossi Benayoun. URL consultato il 1º febbraio 2009.
  3. ^ (EN) "West Ham complete Benayoun swoop"
  4. ^ "Liverpool admit Benayoun approach" - BBC Sport
  5. ^ "Benayoun leaves West Ham for Liverpool" - YnetNews.com, 10 luglio 2007
  6. ^ Notizia su LiverpoolFC.tv
  7. ^ Premier League, Liverpool winger Yossi Benayoun to ink £6.5m deal at Chelsea today – report, Goal.com, 2 luglio 2010. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  8. ^ YOSSI BENAYOUN SIGNS in Chelsea FC, 2 luglio 2010. URL consultato l'8 aprile 2011.
  9. ^ Yossi joins Chelsea in Liverpool FC, 2 luglio 2010. URL consultato l'8 aprile 2011.
  10. ^ MATCH REPORT: EINTRACHT FRANKFURT 2 CHELSEA 1, Chelsea FC. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  11. ^ MATCH REPORT: WIGAN ATHLETIC 0 CHELSEA 6, Chelsea FC. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  12. ^ 22 September 2010, Chelsea 3 – 4 Newcastle, Chelseafc.com. URL consultato il 6 gennaio 2011.
  13. ^ (EN) chelseafc.com, BENAYOUN COMPLETES ARSENAL LOAN, 31 agosto 2011. URL consultato il 1º settembre 2011.
  14. ^ Arsenal 3 - 1 Shrewsbury, BBC Sport, 20 settembre 2011. URL consultato il 21 settembre 2011.
  15. ^ Benayoun exits, chelseafc.com. URL consultato il 1° luglio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]