Yoon Yeo-jeong

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Yoon Yeo-jeong[1] (윤여정?; Kaesŏng, 19 giugno 1947) è un'attrice sudcoreana, prima interprete della Corea del Sud della storia ad essersi aggiudicata un Premio Oscar per una prova attoriale, grazie alla vittoria nella categoria di miglior attrice non protagonista nell'acclamato film Minari (2020).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Yoon Yeo-jeong è nata nel 1947 a Kaesŏng ed è cresciuta a Seoul. Suo padre è morto quando lei era giovane. Ha due sorelle, una delle quali, Youn Yeo-soon è un'ex dirigente di LG Group. Ha frequentato le scuole superiori alla Ewha Girls High School e si è poi laureata all'Università Hanyang di Seul in lingua e letteratura coreana.[2]

Nel 1966, mentre studiava all'Università, partecipò con successo a un'audizione dell'emittente TBC. Messi da parte gli studi, esordì dunque come attrice in un drama televisivo l'anno seguente. Nel 1971, recitò in due ruoli principali da femme fatale che le diedero una notevole popolarità in patria: il primo fu nel successo di pubblico e critica Hwanyeo di Kim Ki-young, per il quale vinse diversi premi, mentre il secondo fu quello di Jang Hui-bin, concubina reale della dinastia Joseon, in un drama in costume per la MBC. Yoon era apprezzata in modo particolare per la sua lontananza dai canoni di bellezza e recitazione tipici dell'industria dell'intrattenimento coreana dell'epoca, rendendola simbolo della "donna moderna della nuova generazione". All'apice della sua fama, si ritirò dalle scene dopo aver sposato il cantante Jo Young-nam nel 1975, andando a vivere negli Stati Uniti. Tornò in patria nel 1984 e riprese a recitare, divorziando dal marito nel 1987.[3]

Yoon riuscì poi a imporsi nuovamente con una serie di ruoli da non protagonista, a partire da La moglie dell'avvocato (2003) fino a vincere un Asian Film Award per The Housemaid (2010).[4][5]

Ha ottenuto molti riconoscimenti in Occidente col film indipendente americano Minari, tra cui lo Screen Actors Guild Award per la migliore attrice non protagonista, il premio BAFTA e l'Oscar nella medesima categoria.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in lingua italiana dei suoi film, Yoon Yeo-jeong è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica coreana il cognome precede il nome. "Yoon" è il cognome.
  2. ^ [Interview Yoon Yeo-soon, LG's first female executive,'Don't be swayed by emotions']
  3. ^ (KO) 1970년대 '충무로 누벨 바그' 윤여정, su The Dong-a Ilbo, 29 gennaio 2004. URL consultato il 9 febbraio 2010.
  4. ^ (EN) Kim Hyo-eun e Cho Jae-eun, At 64, Yoon Yeo-jeong won't let age get in the way of a sex scene, su koreajoongangdaily.joins.com, 18 maggio 2012. URL consultato il 20 novembre 2012.
  5. ^ a b (EN) Winners Announced for Asian Film Awards, su Beijing Review, 22 marzo 2011. URL consultato il 14 dicembre 2020.
  6. ^ (EN) Oscar 2021, su Oscars.org. URL consultato il 30 aprile 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Oscar alla miglior attrice non protagonista Successore
Laura Dern
per Storia di un matrimonio
2021
per Minari
in carica
Controllo di autoritàVIAF (EN49508068 · ISNI (EN0000 0003 5468 7250 · LCCN (ENno2011144302 · GND (DE1063136032 · BNF (FRcb150404719 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2011144302