Yamaha Tmax

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Yamaha Tmax
Yamaha Tmax 2007.jpg
Tmax modello 2008
CostruttoreGiappone Yamaha Motor
TipoScooter
Produzionedal 2001
Modelli similiAprilia Scarabeo
Gilera Nexus
Honda Silver Wing 600
Kymco Xciting
Suzuki Burgman

Tmax è uno scooter bicilindrico dell'azienda nipponica Yamaha Motor.

Il suo debutto risale al 2001, dopo essere stato presentato alla stampa europea nel luglio 2000 in Italia.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

La lettera T che contraddistingue lo scooter identifica l'uso di un motore bicilindrico da 499 cm³ (530 dal 2012) al quale è stato aggiunto un terzo pistone di bilanciamento contrapposto ai primi 2.

A partire dal suo debutto il mezzo ha subito diverse modifiche sia estetiche che tecniche che hanno contribuito non poco al suo miglioramento

  • 2001 - 2003: Prima versione a carburatori (Mikuni dotati di starter automatico), monta un solo freno a disco anteriore.
  • 2004 - 2007: Seconda edizione ad iniezione. Monta 2 dischi freno anteriori, il copertone posteriore maggiorato e una strumentazione diversa e ampliata, con il contagiri e un display multifunzione digitale. Yamaha introduce nuove colorazioni.
  • 2008: Terza revisione, rivista completamente l'estetica e l'impianto frenante, che ora adotta nuove pinze freno, uguali a quelle utilizzate nella R6 o R1[senza fonte]. L'azienda inoltre introduce il nuovo telaio in alluminio, con maggiore interasse, un cerchio anteriore maggiorato (15 pollici).
  • 2009 - 2010: Quarta edizione del TMAX, rivista nuovamente l'estetica anche se per dettagli e qualche particolare meccanico.
  • 2012: nuovo motore, maggiorato di 31 cm³, nuovo sistema di trasmissione finale a cinghia, invece della doppia catena a bagno d'olio[1][2].
  • 2017: presentato all'EICMA 2016, Yamaha inizia la distribuzione di questa nuova versione radicalmente rivista nell'estetica. Il vano sottosella diventa più capiente, il motore è omologato Euro 4, vengono migliorati telaio ed elettronica. Si presenta in tre diverse versioni: TMax “base”, TMax SX (sport), e TMax DX (lusso)[3].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Yamaha Tmax 2010
Yamaha TMAX 2007TMS.jpg
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 2195 × 775 × 1445 mm
Altezze Sella: 800 mm - Minima da terra: 125 mm
Interasse: 1580 mm Massa a vuoto: (in ordine di marcia) 221 kg Serbatoio: 15 l
Meccanica
Tipo motore: Bicilindrico 4 tempi Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 499 cm³ (Alesaggio 66,0 x Corsa 73,0 mm)
Distribuzione: doppio albero a camme, 8 valvole Alimentazione: iniezione elettronica
Potenza: 43,5 CV a 7.500 giri al minuto Coppia: 45 N m a 6.500 giri Rapporto di compressione: 11:1
Frizione: Cambio: variatore automatico
Trasmissione a doppia catena acciaio
Avviamento elettrico
Ciclistica
Sospensioni Anteriore: Forcella telescopica / Posteriore: Forcellone oscillante
Freni Anteriore: doppio disco da 267 mm / Posteriore: disco singolo da 267 mm
Pneumatici Anteriore: 120/70-15 - Posteriore: 160/60-15
Prestazioni dichiarate
Velocità massima 160 km/h
Accelerazione 0-100km/h 7,5 sec s
Consumo medio 15 km/l
Altro
Omologazione Euro 3
Fonte dei dati: Caratteristiche tecniche sul sito ufficiale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Yamaha TMax 2012: due video ufficiali, su motociclismo.it, 15 novembre 2011. URL consultato il 22 marzo 2018.
  2. ^ (JA) TMAX500, su tmax500club.blogspot.it. URL consultato il 22 marzo 2018.
  3. ^ Yamaha TMax 2017: tutto quello che c'è da sapere, su motociclismo.it, 7 novembre 2016. URL consultato il 22 marzo 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]