Ya'qub ibn Tariq

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Yaʿqūb ibn Ṭāriq (in arabo: يعقوب بن طارق‎; Baghdad, VIII secoloBaghdad, 796) è stato un astronomo, astrologo, matematico e traduttore persiano.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

I lavori attribuiti a Yaʿqūb ibn Ṭāriq includono:[1]

  • Zīj maḥlūl fī al‐Sindhind li‐daraja daraja (in arabo: زيج محلول في السندهند لدرجة درجة‎, "Tavole astronomiche nel Sindhind, risolte per ogni grado"),
  • Tarkīb al‐aflāk (in arabo: تركیب الأفلاك‎, "Sistemazione delle stelle"),
  • Kitāb al‐ʿilal (in arabo: كتاب العلل‎, "Libro delle prove"),
  • Taqṭīʿ kardajāt al‐jayb (in arabo: تقطيع كردجات الجيب‎, "Distribuzione delle kardaja[2] del seno"), e
  • Mā irtafaʿa min qaws niṣf al‐nahār (in arabo: ما إرتفع من قوس نصف النهار‎, "Elevazione dell'arco di meridiano").

Un lavoro astrologico, intitolato al‐maqālāt (in arabo: المقالات‎, "I Capitoli") gli viene parimenti attribuito da una fonte non autorevole.[1]

Il Zīj al-Sindhind, tradotto con Ibrahim al-Fazari e suo figlio Muhammad, fu portato a compimento attorno al 773 ed era basato su uno studio scientifico redatto in Lingua sanscrita,[1] che si ritiene derivasse dal Brāhmasphuṭasiddhānta.[3] Il lavoro fu portato da studiosi indiani dal Sindh nella corte del califfo abbaside al-Mansur,[3] e si dice fosse l'opera di un astronomo del Sindh di nome Kankah.[4]

Il Tarkīb al‐aflāk si occupa di cosmografia.[1] Esso calcola le dimensioni e le distanze dei corpi celesti che tabellate nell'opera di al-Bīrūnī sull'India: basandosi su questa opera Yaʿqūb ibn Ṭāriq aveva fornito il raggio della Terra, indicandolo in 1 050 farsakh, il diametro della Luna e di Mercurio, indicandolo in 5 000 farsakh (4.8 del raggio terrestre), e il diametro di altri copri celesti (Venere, Sole, Marte, Giove e Saturno), indicandolo in 20 000 farsakh (19.0 del raggio terrestre).[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Plofker
  2. ^ L'incremento dell'arco.
  3. ^ a b Pingree, p. 97
  4. ^ Kennedy 1956, p. 134, 71
  5. ^ Pingree, pp. 105–106

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN18066192 · GND (DE120942615 · CERL cnp00423709