Yū Kobayashi (calciatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Yū Kobayashi
Kobayashi Yu Kawasaki.jpg
Nazionalità Giappone Giappone
Altezza 177 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Kawasaki Frontale
Carriera
Giovanili
200?Machida JFC
200?non conosciuta Azabu University High School
2006-2008Takushoku Daigaku
2008Mito HollyHock
2009Takushoku Daigaku
Squadre di club1
2008Mito HollyHock5 (0)
2010-Kawasaki Frontale305 (131)
Nazionale
2014-2018Giappone Giappone14 (2)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 agosto 2021

Yū Kobayashi (小林 悠 Kobayashi Yū?; Aomori, 23 settembre 1987) è un calciatore giapponese, attaccante del Kawasaki Frontale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nella città di Aomori, Kobayashi finite le superiori si è iscritto alla Takushoku University, già in quel periodo ambisce a diventare un calciatore professionista, all'università conosce tramite amicizie comuni Naoko, i due si sposeranno nel 2011 e dal loro matrimonio nasceranno tre figli.[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Può essere impiegato come punta centrale o la destra, pur essendo di piede destro è in grado di fare gol calciando pure con sinistro, oltre ad andare a rete tirando anche di testa. Kobayashi può segnare calciando sotto porta, o dalla media distanza, altre volta anche da fuori area, oltre a essere anche un bravo assistman. Ha una notevole percentuale di successo sul penalty, con una media di 17 su 22 messi a segno.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera nel professionismo inizia nella stagione 2008 al Mito HollyHock, militante nella cedetteria nipponica, giocando solo cinque partite, la prima il 20 luglio perdendo per 2-0 contro il Ventforet Kofu. Con il club del Mito ottenne l'undicesimo posto finale. Ritornato ancora un anno alla Takushoku University, nella stagione 2010 passa al Kawasaki Frontale, società militante in massima serie. Nella prima annata con il club di Kawasaki ottiene il quinto posto finale, segnerà per la prima volta nella Coppa dell'Imperatore il 5 settembre con una doppietta nella vittoria per 4-0 contro il NIFS Kanoya. a cui segue l'undicesimo nella stagione seguente, dove segnerà il suo primo gol nel campionato giapponese con la rete del 1-0 battendo il Júbilo Iwata, e per il medesimo risultato vinceranno anche contro il Montedio Yamagata e il Ventforet Kofu sempre per merito delle reti di Kobayashi, il quale segnerà dei gol pure contro il Kashima Antlers, il Sanfrecce Hiroshima, il Shimizu S-Pulse e Kashiwa Reysol, vincendo tutte le partite con il risultato di 3-2. Nell'edizione J. League Division 1 2012 Kobayashi con il Frontale giunse ottavo, piazzamento migliorato la stagione seguente con il terzo posto finale, che diede al club l'accesso alla AFC Champions League 2014.

Nell'AFC Champions League 2014 Kobayashi con il suo club giunse agli ottavi di finale, Kobayashi ha segno in tutto tre reti, la prima battendo per 3-1 l'Ulsan Hyundai,[2] segnerà le altre due reti agli ottavi di finale contro il FC Seoul prima perdendo per 3-2 la partita d'andata e poi vincendo quella di ritorno per 2-1.[3] Nell'edizione 2014 del campionato segnerà una doppietta in ben tre occasioni, battendo per 4-0 il FC Tokyo, sconfiggendo per 4-1 il Kashima Antlers e prevalendo in una partita molto combattuta per 5-4 il Cerezo Osaka, ottenne il sesto posto finale. Kobayashi trascinerà la squadra alla sua prima vittoria della J1 League, nell'edizione 2017 con un record personale di 23 reti in campionato, Kobayashi è stato infatti il miglior marcatore del torneo, segnando una doppietta battendo per 3-2 il Vegalta Sendai, per 4-1 l'Urawa Red Diamonds e per 5-0 il Vissel Kobe, oltre a mettere a segno una tripletta vincendo per 5-0 contro l'Omiya Ardija.

Come miglior marcatore del Kawasaki Frontale, con 13 reti, contribuirà alla vittoria dell'edizione 2019 del campionato, segnando una rete battendo per 2-1 sia il Vissel Kobe che il Consadole Sapporo, farà un gol pure contro il Júbilo Iwata e l'Oita Trinita vincendo entrambe le partite per 3-1, col medesimo risultato si concluderà anche il match contro il Vegalta Sendai dove segnerà una doppietta, e farà il gol del 2-0 battendo l'Urawa Red Diamonds. Sempre nello stesso anno aiuterà la squadra a vincere la sua prima Coppa del Giappone, nella finale contro il Consadole Sapporo segnerà una doppitta e la partita finirà per 3-3 e ai rigori Kobayashi segnerà dal dischetto e la squadra vincerà per 5-4. Ancora una volta, come miglior marcatore della sua squadra, con 14 gol, otterrà la vittoria dell'edizione 2020 del campionato nipponico, segnando una doppietta battendo per 6-1 il Consadole Sapporo,[4] per 3-2 il Vegalta Sendai e per 5-1 lo Yokohama FC,[5] con il suo gol la squadra vincerà per 1-0 ai danni dello Shonan Bellmare,[6] e nella partita contro lo Yokohama F·Marinos calcerà un rigore che verrà parato dal portiere Powell Obinna Obi, sebbene pochi minuti dopo Kobayashi grazie a un passaggio di Kaoru Mitoma segnerà il gol del 3-1 sugellando la vittoria.[7] Segnerà la rete del 3-2 nei minuti di recupero del secondo tempo supplementare battendo il Gamba Osaka vincendo la Supercoppa del Giappone.[8]

Conquista anche l'edizione 2021 del campionato nipponico, dove segna una doppietta in varie vittorie battendo per 2-0 lo Yokohama FC,[9] per 5-1 il Vegalta Sendai[10] per 5-0 l'Urawa Red,[11] inoltre segnerà il gol de 2-0 battendo il Consadole Sapporo,[12] e farà la rete del 2-1 vincendo ai danni del Kashima Antlers.[13]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014, il 10 ottobre, ottiene la sua prima convocazione nella nazionale di calcio del Giappone, nella vottoria in amichevole contro la Giamaica vincendo per 1-0. mentre l'anno seguente viene selezionato per fare parte della spedizione nipponica alla Coppa d'Asia 2015 anche se non giocherà nemmeno una partita. Il 12 dicembre 2017 segnerà il suo primo gol con la nazionale nella vittoria per 2-1 contro la Cina,[14] e segnarà una rete pure nella partita successiva, persa per 4-1 contro la Corea del Sud.[15]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Giappone
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
10-10-2014 Niigata Giappone Giappone 1 – 0 Giamaica Giamaica Amichevole - Ingresso al 59’ 59’
14-10-2014 Singapore Brasile Brasile 4 – 0 Giappone Giappone Amichevole - Uscita al 52’ 52’
24-3-2016 Saitama Giappone Giappone 5 – 0 Afghanistan Afghanistan Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 80’ 80’
3-6-2016 Toyota Giappone Giappone 7 – 2 Bulgaria Bulgaria Amichevole - Uscita al 59’ 59’
7-6-2016 Suita Giappone Giappone 1 – 2 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Amichevole - Ingresso al 88’ 88’
6-9-2016 Bangkok Thailandia Thailandia 0 – 2 Giappone Giappone Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 86’ 86’
6-10-2016 Saitama Giappone Giappone 2 – 1 Iraq Iraq Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 81’ 81’
11-10-2016 Melbourne Australia Australia 1 – 1 Giappone Giappone Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 81’ 81’
9-12-2017 Chōfu Giappone Giappone 1 – 0 Corea del Nord Corea del Nord Coppa dell'Asia orientale 2017 -
12-12-2017 Chōfu Giappone Giappone 2 – 1 Cina Cina Coppa dell'Asia orientale 2017 1
16-12-2017 Chōfu Giappone Giappone 1 – 4 Corea del Sud Corea del Sud Coppa dell'Asia orientale 2017 1 1 autogol
23-3-2018 Liegi Giappone Giappone 1 – 1 Mali Mali Amichevole - Ingresso al 65’ 65’
27-3-2018 Liegi Giappone Giappone 1 – 2 Ucraina Ucraina Amichevole - Ingresso al 56’ 56’
11-9-2018 Ōsaka Giappone Giappone 3 – 0 Costa Rica Costa Rica Amichevole - Uscita al 68’ 68’
Totale Presenze 14 Reti 2

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Kawasaki Frontale: 2017, 2018, 2020, 2021
Kawasaki Frontale: 2019
Kawasaki Frontale: 2019, 2021
Kawasaki Frontale: 2020

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ japantimes.co.jp, https://www.japantimes.co.jp/sports/2017/12/06/soccer/j-league/kawasaki-frontales-yu-kobayashi-named-j-league-mvp/.
  2. ^ bangkokpost.com, https://www.bangkokpost.com/sports/406118/elkeson-puts-champs-guangzhou-into-afc-champions-league-last-16.
  3. ^ lechampions.it, https://www.lechampions.it/gia-fuori-giapponesi-hilal-velluto/.
  4. ^ cooljapansoccer.wordpress.com, https://cooljapansoccer.wordpress.com/2020/08/15/j1-frontale-hit-six-past-consadole/.
  5. ^ allasianfootball.com, https://www.allasianfootball.com/2020/07/20/afc-weekly-riparte-il-calcio-in-australia-persepolis-ad-un-punto-dal-titolo-crisi-nera-per-lo-yokohama-f-marinos/.
  6. ^ reddit.com, https://www.reddit.com/r/soccer/comments/j13qlb/shonan_bellmare_01_kawasaki_frontale_yu_kobayashi/.
  7. ^ footballburp.com, https://footballburp.com/stories/video-kawasakis-manabu-saito-bounces-ball-off-ref-to-get-round-player/.
  8. ^ english.kyodonews.net, https://english.kyodonews.net/news/2021/02/a3eeaf4b633f-soccer-frontale-open-2021-campaign-with-super-cup-win-over-gamba.html.
  9. ^ footballchannel.jp, https://www.footballchannel.jp/2021/06/02/post423828/.
  10. ^ mainichi.jp, https://mainichi.jp/english/articles/20210306/p2g/00m/0sp/084000c.
  11. ^ africafootunited.com, https://africafootunited.com/japon-j1-league-kawasaki-etrille-urawa-et-conforte-sa-position/.
  12. ^ soccer-king.jp, https://www.soccer-king.jp/news/japan/jl/20210516/1428543.html.
  13. ^ nikkansports.com, https://www.nikkansports.com/soccer/column/data/news/202105310000899.html.
  14. ^ the-afc.com, https://www.the-afc.com/news/afcsection/halilhodzic-satisfied-with-japan-s-performance-in-eaff-e-1-2017.
  15. ^ apnews.com, https://apnews.com/article/1f25000ed99e422ba353bbdcf0403438.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN6057153834760264450005