Xu Lizhi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Xu Lizhi[1] (许立志S; 199030 settembre 2014) è stato un poeta cinese.

Xu Lizhi ha lavorato per l'impresa telematica multinazionale Foxconn come operaio elettronico migrante e ha attirato l'attenzione dei media mondiali in seguito al suo suicidio nel 2014, dopodiché i suoi amici hanno pubblicato una raccolta di sue poesie che sono state tradotte in varie lingue.[2][3][4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Xu" è il cognome.
  2. ^ The poetry and brief life of a Foxconn worker: Xu Lizhi (1990-2014), libcom.org, 29 ottobre 2014.
  3. ^ The haunting poetry of a Chinese factory worker who committed suicide, The Washington Post, 12 novembre 2014.
  4. ^ Read The Heartbreaking Poems Of A Man Who Committed Suicide After Working In A Foxconn Factory, Business Insider, 6 novembre 2014.
  5. ^ Xu Lizhi, Mangime per le macchine. Poesie, Istituto Onorato Damen, Catanzaro, 2015 http://www.istitutoonoratodamen.it/joomla/images/stories/libro%20poesie%20mangime%20per%20le%20macchine.pdf
Controllo di autoritàVIAF (EN10146573961238102640 · BNF (FRcb17039669j (data) · WorldCat Identities (EN10146573961238102640