Xixiasaurus henanensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Xixiasaurus
Stato di conservazione: Fossile
Xixiasaurus.jpg
Ricostruzione di Xixiasaurus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Divisione Maniraptora
Classe Reptilia
Superordine Dinosauria
Ordine Saurischia
Sottordine Theropoda
Infraordine Tetanurae
Famiglia Troodontidae
Genere Xixiasaurus
Specie X. henanensis

Lo xixiasauro (Xixiasaurus henanensis) è un dinosauro carnivoro teropode, appartenente ai troodontidi. Visse nel Cretaceo superiore (Coniaciano/Campaniano, circa 82 milioni di anni fa) e i suoi resti sono stati ritrovati in Cina.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Conosciuto per uno scheletro incompleto comprendente un cranio parziale e una zampa anteriore, questo dinosauro doveva possedere un corpo piuttosto snello e un collo lungo e sottile. La lunghezza dell’animale doveva aggirarsi intorno ai due metri. Il cranio, basso e lungo, era dotato di numerosi piccoli denti aguzzi che, al contrario di quanto avviene normalmente nei dinosauri carnivori, non avevano il margine seghettato.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Fossile della mascella di Xixiasaurus henanensis

Lo xixiasauro è stato descritto per la prima volta nel 2010, ed è stato attribuito alla famiglia dei troodontidi, piccoli carnivori particolarmente diffusi nel Cretaceo superiore e posti vicino all’origine degli uccelli. Le caratteristiche della mascella di Xixiasaurus lo avvicinano al genere Urbacodon, i cui resti sono stati ritrovati in Asia centrale, così come al troodontide della Mongolia Byronosaurus; come Xixiasaurus, entrambi questi animali possedevano denti non seghettati.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Junchang Lü, Li Xu, Yongqing Liu, Xingliao Zhang, Songhai Jia, and Qiang Ji (2010). "A new troodontid (Theropoda: Troodontidae) from the Late Cretaceous of central China, and the radiation of Asian troodontids.". Acta Palaeontologica Polonica 55 (3): 381–388.