Xilografia (rivista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Xilografia (1924-1926) è stata una rivista italiana dedicata a questa tecnica incisoria.

Nei primi anni del XX secolo, contribuendo al risvegliato un interesse per l'incisione xilografica, in Italia nacquero alcune pubblicazioni sull'argomento: le principali sono state L'Eroica di Cozzani (1911) e Xilografia di Nonni (1924).

Stampata in trecento esemplari a Faenza, presso lo stabilimento tipografico dei Fratelli Lega, la rivista Xilografia ebbe come ispiratore e direttore lo stesso xilografo Francesco Nonni.
L'intendimento era stato quello di raccogliere nei suoi fascicoli il meglio della produzione xilografica italiana del periodo, rivolgendo l'attenzione a tutte le tendenze artistiche contemporanee.

Tutte le principali correnti artistiche vi erano rappresentate: da quella espressionista con le incisioni di Domenico Baccarini, Ebba Holm, Emilio Mantelli e Lorenzo Viani, al genere Déco con i lavori di Carlo Gino Sensani, Alfredo Morini e naturalmente dello stesso Francesco Nonni.
Il gusto estetizzante era presentato dalle xilografie di Adolfo De Carolis e dal famoso ritratto di D'Annunzio, realizzato da Gino Barbieri.
Altri incisori di primo piano che hanno collaborato alla rivista sono stati Benito Boccolari, Remo Branca, Bruno da Osimo, Mino Maccari, Giannetto Malmerendi, Diego Pettinelli, Luigi Servolini.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stefano Liberati, Xilografia (1924-1926) Catalogo Generale - Barbieri/Selvaggi Editori, Manduria, 2007, ISBN 886187001-5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]