Xiadu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Xiadu
下都
Tegola del periodo Yan
Tegola del periodo Yan
Civiltà Yan
Epoca circa 697 a.C. - circa 226 a.C.
Localizzazione
Stato Cina Cina
Provincia Hebei
Dimensioni
Superficie 32 km²
Scavi
Data scoperta 1930

Coordinate: 30°41′00″N 104°00′39″E / 30.683333°N 104.010833°E30.683333; 104.010833

Xiadu ((ZH) ) è una delle principali città del regno degli Yan, che nel 311 divenne capitale del regno.[1] Intorno al 1930 un gruppo di archeologi cinesi portarono alla luce i resti di questa antica città in una vasta area del distretto di Yi, nell'Hebei centrale. I resti portati alla luce evidenziarono la presenza di due blocchi costruttivi rettangolari risalenti a due periodi storici diversi.

Il primo blocco costruttivo orientale, è costituito da mura e da canali sfocianti nel fiume Yi che attraversava la città, estesa su una superficie di 32 km². Sono emerse strutture palaziali costituite da edifici in legno con tetti in ceramica, botteghe artigianali, fonderie per produrre bronzo e ferro e una zecca per produrre monete in bronzo, officine per materiali in ceramica e armi.

Sono stati rintracciate anche strutture per riti religiosi comprendenti fosse adibite ai sacrifici animali. Una importante necropoli è stata rinvenute nella zona settentrionale del sito, ed è formata da tredici grandi tombe a tumulo fornite da ricchi corredi di vasi di ceramica e decorazioni varie. Interessante è la presenza di un buon quantitativo di armi in alcune tombe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roberto Ciarla, Atlante di Archeologia, Utet, Torino, 1998, pag.518

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]