Xenicus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Xenicus
History of the birds of NZ 1st ed p114.jpg
In alto X. longipes (femmina in alto)
In basso X. gilviventris (femmina a destra)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Passeriformes
Famiglia Acanthisittidae
Genere Xenicus
(Gray, 1855)
Specie

Xenicus (Gray, 1855) è un genere di uccelli passeriformi della famiglia degli Acantisittidi[1].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome scientifico del genere, deriva dal greco ξενικος (xenikos, "deviante"), in riferimento al fatto che nel momento della loro scoperta questi uccelli vennero considerati forme aberranti di altri passeriformi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Illustrazione di X. gilviventris.

Le specie ascritte al genere presentano piccole dimensioni (sotto i 10 cm) ed aspetto caratteristico, robusto e paffuto, con grossa testa allungata e munita di becco sottile e appuntito, ali corte e arrotondate, zampe forti e allungate con lunghe dita artigliate e cortissima coda squadrata.

Il piumaggio è verdastro nei maschi e bruno nelle femmine, con area dorsale più scura e area ventrale più chiara: è presente un sopracciglio chiaro ed una mascherina scura.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di uccelletti diurni e vivaci, tendenzialmente solitari, che vivono perlopiù al suolo, dimostrandosi mediocri volatori (che dopo l'atterraggio si comportano in modo caratteristico, sbattendo tutto il corpo in avanti) ma veloci camminatori.
Le specie ascritte al genere sono insettivore, nutrendosi di piccoli insetti ed invertebrati rinvenuti sondando i detriti al suolo o le cortecce degli alberi col becco.

Le due specie di Xenicus sono monogame, con le coppie che rimangono assieme per lungo tempo e collaborano nella costruzione del nido (globoso o dalla caratteristica forma tubolare), nella cova e nell'allevamento della prole.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il genere è endemico della Nuova Zelanda, con l'unica specie ancora vivente (lo scricciolo dell'Isola del Sud) diffusa nelle aree subalpine e nelle boscaglie delle Alpi neozelandesi dell'Isola del Sud, mentre l'estinto scricicolo del bush abitava ambedue le isole maggiori e buona parte di quelle minori nei dintorni.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Al genere vengono ascritte due specie, di cui una sola ancora vivente[1]:

Genere Xenicus

In passato, al genere è stato a più riprese ascritto anche l'affine ed estinto scricciolo di Stephens Island, attualmente classificato nel proprio genere monotipico Traversia[1], col nome di X. lyalli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Acanthisittidae, in IOC World Bird Names (ver 6.2), International Ornithologists’ Union, 2016. URL consultato il 6 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]