Xanti Schawinsky

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alexander "Xanti" Schawinsky (Basilea, 26 marzo 1904Locarno, 11 settembre 1979) è stato un designer, fotografo e pittore svizzero.

Olivetti Studio 42

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente grafico pubblicitario, dopo aver studiato architettura e pittura partecipò all'esperienza del Bauhaus a Dessau: qui si distingue in particolare negli allestimenti teatrali e perfeziona gli studi fotografici e tipografici.

Nel 1933 si trasferì a Milano, iniziando una collaborazione con lo Studio Boggeri, in cui nel giro di poco tempo risultò essere una "presenza decisiva[1]" per l'apporto alla realizzazione di celebri campagne pubblicitarie.

Si ricordano di questo fruttuoso periodo i manifesti per Cinzano e le pubblicità sui pieghevoli di Motta e soprattutto della Olivetti, con l'applicazione dell'innovativa tecnica del fotomontaggio. Per la Olivetti inoltre partecipò alla realizzazione della macchina per scrivere Olivetti Studio 42.

Invitato al Black Mountain College negli Stati Uniti nel 1936[2] vi rimase due anni come docente, introducendo la sua esperienza al Bauhaus, prima di trasferirsi a New York. Qui insegnò arti grafiche, disegno e pittura presso il City College Of New York e alla New York University tra il 1943 e il 1945[3]. In questo periodo risultano notevoli i lavori per il MoMA di New York (Bali Exhibit), quelli governativi (Mostra sull'Elettricità) e per il Smithsonian Institution (U.S. Exhibit on color)[3]. Dagli anni sessanta in poi portò avanti la sua ininterrotta attività grafica di sperimentazione, riprendendo anche la dimensione più artistica con le sue opere come pittore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D. Baroni-M. Vitta, Storia del design grafico, p. 137
  2. ^ [1] Biografia da V&A Museum, Londra
  3. ^ a b Schawinsky.com Archiviato il 15 ottobre 2013 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • D. Baroni-M. Vitta, Storia del design grafico, Longanesi 2003

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Artef.com - Scheda biografica - giugno 2007 - Consultato il 30 agosto 2010
  • Contemporary Art daily - 29 gennaio 2010 - Consultato il 30 agosto 2010
  • Articoweb[collegamento interrotto] - 9 gennaio 2010 - Consultato il 30 agosto 2010
Controllo di autoritàVIAF (EN59877139 · ISNI (EN0000 0000 8139 6801 · LCCN (ENn82047680 · GND (DE118606700 · BNF (FRcb13556931p (data) · ULAN (EN500005052