Xanthichthys auromarginatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Xanthichthys auromarginatus
Xanthichthys auromarginatus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Tetraodontiformes
Famiglia Balistidae
Genere Xanthichthys
Specie X. auromarginatus
Nomenclatura binomiale
Xanthichthys auromarginatus
(Bennett, 1832)

Xanthichthys auromarginatus (Bennett, 1832) è un pesce marino appartenente alla famiglia Balistidae[1].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nell'Indo-Pacifico, dalle coste africane alla Nuova Caledonia. Abita le barriere coralline e le lagune atollifere spingendosi fino a 150 metri di profondità.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Xanthichthys auromarginatus presenta i caratteri somatici tipici dei Balistidi: corpo romboidale compresso ai fianchi, becco tagliente, la doppia pinna dorsale, la prima delle quali è una spina erettile robusta e le pinne dorsale e anale simmetriche ed opposte. La pinna caudale è a delta.
Come gli altri Balistidi è sprovvisto di pinna ventrale (o meglio, è presenta ma modificata e quasi inutilizzabile) ma riesce a raggiungere grandi velocità grazie al moto ondulatorio delle pinne simmetriche.
Raggiunge una lunghezza massima di 30 cm.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre prevalentemente di zooplancton e di piccoli crostacei.

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

Nei luoghi d'origine è pescato per l'alimentazione umana.

Acquariofilia[modifica | modifica wikitesto]

Come molti altri Balistidi è allevato e commercializzato per acquari marini pubblici e privati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Xanthichthys auromarginatus: scheda su FishBase, su fishbase.org. URL consultato il 16 settembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]