XXX Universiade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
XXX Universiade
Italia Napoli 2019
Logo della FISU
Periodo dal
al
Paesi partecipanti ~170
Sport
Discipline
14
Atleti ~10.000
Cronologia
Precedente
XXIX Universiade
Successiva
XXXI Universiade
Taipei Cinese Taipei Romania Bucarest
 

La XXX Universiade si svolgerà a Napoli, in Italia, nel 2019.

Napoli è stata scelta come città ospitante il 5 febbraio 2016 a seguito della rinuncia di Brasilia.

Assegnazione[modifica | modifica wikitesto]

L'11 dicembre 2012 il ministro per lo sport e la gioventù dell'Azerbaigian, Azad Rəhimov, ha annunciato l'intenzione di volere candidare Baku per l'Universiade 2019: la capitale azera pochi giorni prima era stata scelta per ospitare la prima edizione dei Giochi europei[1].

Il 14 giugno 2012 il ministro dello sport del Brasile, Aldo Rebelo, e il presidente della Confederação Brasileira do Desporto Universitário, Luciano Cabral, hanno annunciato[2] che, dopo l'esclusione di Brasilia per la XXIX Universiade, assegnata a Taipei, candideranno nuovamente la capitale brasiliana per l'edizione 2019[3].

Il 31 gennaio 2013 Miklós Tóth, vicepresidente del comitato olimpico ungherese, ha dichiarato che l'Ungheria ha intenzione di ospitare l'edizione 2019 o 2021 dell'Universiade: il 19 febbraio dello stesso anno Budapest è stata ufficialmente candidata[4].

Il 3 aprile 2013 la FISU ha reso ufficiali le tre città candidate[5]:

Il 31 ottobre 2013 Baku ha rinunciato alla candidatura a causa del fatto che nel periodo compreso tra il 2015 e il 2017 la città abbia già da ospitare numerosi eventi sportivi[6]; analogamente, l'8 ottobre 2013 è arrivata la rinuncia di Budapest dettata degli elevanti costi della manifestazione[7]. Il 9 novembre 2013 la FISU ha assegnato la XXX Universiade a Brasilia[8].

A causa di problemi finanziare il 23 novembre 2014 la capitale brasiliana ha rinunciato all'organizzazione dell'evento[9], costringendo la federazione universitaria alla scelta di una nuova sede[10].

Nel gennaio 2016 l'unica città che si è candidata ad ospitare la XXX Universiade è stata Napoli[11][12]: nel mese di febbraio gli ispettori della FISU hanno visitato la città partenopea per tre giorni al fine di visionare la qualità degli impianti sportivi, l'efficienza delle infrastrutture e della rete di trasporto pubblico e i vari progetti proposti[13]. Il 5 marzo 2016 la FISU, riunitasi a Bruxelles, ha assegnato ufficialmente l'organizzazione dell'evento a Napoli[14].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) La candidatura di Baku, su Fisu.net. URL consultato il 6 marzo 2016.
  2. ^ (PT) Candidatura del Brasile per l'Universiade, su Esportes.estadao.com.br. URL consultato il 6 marzo 2016.
  3. ^ (EN) La candidatura di Brasilia, su Fisu.net. URL consultato il 6 marzo 2016.
  4. ^ (HU) La candidatura di Budapest, su Index.hu. URL consultato il 6 marzo 2016.
  5. ^ Le città candidate per la XXX Universiade, su Insidethegames.biz, James Crook. URL consultato il 6 marzo 2016.
  6. ^ (EN) Baku rinuncia alla candidatura, su fisu.net. URL consultato il 6 marzo 2016.
  7. ^ (EN) Budapest rinuncia alla candidatura, su Insidethegames.biz, Duncan Mackay. URL consultato il 6 marzo 2016.
  8. ^ (EN) Assegnazioni dell'Universiade 2019 estiva e invernale, su Fisu.net, Eric Saintrond. URL consultato il 6 marzo 2016.
  9. ^ (EN) Brasilia rinuncia all'organizzazione dell'Universiade 2019, su Insidethegames.biz, Daniel Etchells. URL consultato il 6 marzo 2016.
  10. ^ (EN) FISU alla ricerca di una nuova sede per l'Universiade 2019, su Insidethegames.biz, Daniel Etchells. URL consultato il 6 marzo 2016.
  11. ^ Universiadi del 2019, Napoli unica candidata, su Ilmattino.it, Gianluca Agata. URL consultato il 6 marzo 2016.
  12. ^ Universiadi: Napoli vicina alla candidatura per l’edizione 2019, su Gazzetta.it, Gianluca Monti. URL consultato il 6 marzo 2016.
  13. ^ Universiadi a Napoli, arrivano gli ispettori, su Ilmattino.it, Gerardo Ausiello. URL consultato il 6 marzo 2016.
  14. ^ Universiadi 2019: assegnate a Napoli e alla Campania, su Repubblica.it. URL consultato il 6 marzo 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]