Wynonie Harris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wynonie Harris
Wynonie Harris publicity photo.jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereBlues
Rhythm and blues
Periodo di attività musicaleanni 1940 – anni 1960
EtichettaAladdin, Apollo, Atco, Bullet, King Records

Wynonie Harris (Omaha, 24 agosto 1915Los Angeles, 14 giugno 1969) è stato un cantante statunitense.

Considerato uno dei precursori del rock 'n' roll e fra i maggiori ispiratori di Elvis Presley,[1] Harris fu autore di molti successi scritti durante gli anni quaranta, tra cui Wynonie's Blues (1946), una cover di Good Rockin' Tonight (1948), e All She Wants to Do Is Rock (1949).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Wynonie Harris nacque da una ragazza afroamericana di 15 anni e un padre amerindio. Quando essa sposò Luther Harris, questi prese in custodia il bambino.[1][2][3] Dopo il liceo, Harris entrò all'Università di Creighton per studiare medicina, ma interruppe gli studi nel 1934 per diventare un ballerino di tip tap, e formò un gruppo di danza con Velda Shannon, assieme alla quale iniziò a esibirsi nei locali di Omaha.[2][4] Nel 1940 Harris si unì all'orchestra di Baron Moorehead di Los Angeles dove veniva soprannominato "Mister Blues".[4] Nel 1944 fece una breve comparsa nel film Hit Parade interpretando un ballerino[5] e ritornò nella East Coast. Nello stesso anno fu reclutato dal bandleader Lucky Millinder e divenne il cantante del suo complesso insieme a Trevor Bacon.[1][5] Insieme all'entourage di Millinder, Harris registrò i singoli Hurry, Hurry e Who Threw the Whiskey in the Well per la Decca, e venne dimesso dall'orchestra poco tempo dopo.[2]

Il successo[modifica | modifica wikitesto]

Harris iniziò la sua carriera solista nei primi anni quaranta dopo aver firmato con l'etichetta Philo (che verrà ribattezzata Aladdin Records).[4] Nel 1946 registrò due dischi per la Bullet Records di Nashville e altri due singoli per la Hamp-Tone del jazzista Lionel Hampton.[6] I primi successi da solista furono però Playful Baby e Wynonie's Blues, usciti per la Apollo nel 1946.[4]

Tra il 1948 e il 1954 Harris incise per la King Records di Cincinnati, e divenne un affermato esponente del rhythm and blues[7] nonché uno degli artisti preferiti dal pubblico afroamericano.[1] La sua cover di Good Rockin' Tonight di Roy Brown, pubblicata nel 1948, riuscì a raggiungere la posizione numero uno della casistica dei race record più venduti stilata da Billboard.[7] Si piazzarono in classifica anche la sua versione di Drinkin' Wine Spo-Dee-O-Dee di Stick McGhee e All She Wants to Do Is Rock.[2][4]

Gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Gli ultimi successi di Harris furono Bloodshot Eyes, una cover di Hank Penny, e Loving Machine.[8] Durante gli anni cinquanta, la notorietà del cantante diminuì considerevolmente anche a causa del boom del rock 'n' roll, che aveva adombrato l'R&B.[1][2][9] Pubblicò i suoi ultimi singoli per la Atco e la Roulette e, durante gli anni sessanta, divenne il proprietario di un bar di Brooklyn.[10]

Fra gli artisti che collaborarono insieme a Harris nel corso della sua vita si possono citare numerosi jazzisti come il sassofonista Teddy Edwards, il contrabbassista Oscar Pettiford, il trombettista Howard McGhee e il pianista Herman Blount, meglio conosciuto come Sun Ra.[2]

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Harris morì nel 1969 all'età di cinquantatré anni.[8][11]

Nel 1994, Wynonie Harris fu introdotto nella Blues Hall of Fame.[12] Durante lo stesso anno, la Rhino Records pubblicò Bloodshot Eyes: The Best of Wynonie Harris, prima di una serie di compilation dedicate al cantante di Omaha.

Stile e influenze[modifica | modifica wikitesto]

Wynonie Harris viene considerato da molti uno dei pionieri del rock 'n' roll[1][12][13] e la sua cover di Good Rockin 'Tonight (1948), che è più frenetica del brano originale, viene considerata una delle prime tracce di tale genere. Harris era principalmente ispirato a Big Joe Turner, e dal "blues shouter" Jimmy Rushing[1][5] e i suoi testi parlano di alcool e donne.[7][14] Le liriche allusive delle canzoni di Harris venivano considerate volgari dalla stampa dell'epoca e qualcuno asserì che "(la musica di Harris) fosse buona per i nightclub di Harlem".[15]

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1944 – Hurry Hurry!
  • 1945 – Who Threw the Whiskey in the Well
  • 1946 – Wynonie's Blues
  • 1946 – Playful Baby
  • 1948 – Good Rockin' Tonight
  • 1948 – Lollipop Mama
  • 1949 – Grandma Plays the Numbers
  • 1949 – I Feel That Old Age Coming On
  • 1949 – Drinkin' Wine, Spo-Dee-O-Dee
  • 1949 – All She Wants to Do Is Rock
  • 1949 – I Want My Fanny Brown
  • 1950 – Sittin' on It All the Time
  • 1950 – I Like My Baby's Pudding
  • 1950 – Good Morning Judge
  • 1950 – Oh Babe!
  • 1950 – Bloodshot Eyes
  • 1951 – Lovin' Machine

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1944 – Hit Parade

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g David J. Wishart; p. 15
  2. ^ a b c d e f (EN) Rock historian Ed Ward, su npr.org. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  3. ^ Sheldon Harris; p. 215
  4. ^ a b c d e Nick Talevski; p. 249
  5. ^ a b c Nick Tosches; p. 66
  6. ^ Nick Tosches; p. 69
  7. ^ a b c Nick Tosches; p. 70
  8. ^ a b Nick Talevski; p. 250
  9. ^ Jon Hartley Fox; p. 35
  10. ^ Eddy Cilìa, Enciclopedia Rock - '60 (secondo volume), Arcana, 2001, p. 150.
  11. ^ Nick Tosches; p. 72-73
  12. ^ a b (EN) Past Hall of Fame Inductees: Wynonie Harris [collegamento interrotto], su blues.org. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  13. ^ (EN) Will the creator of modern music please stand up?, su guardian.co.uk. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  14. ^ Jon Hartley Fox; p. 34
  15. ^ Nick Tosches; p. 67

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Jon Hartley Fox, King of the Queen City : the story of King Records, University of Illinois, 2009.
  • (FR) Jean-Marc Mandosio, Héros oubliés du rock'n'roll : les années sauvages du rock avant Elvis, Allia, 2008.
  • (EN) Nick Talevski, Knocking on Heaven's Door : Rock Obituaries, Omnibus, 2006.
  • (EN) David J. Wishart, Encyclopedia of the Great Plains, University of Nebraska, 2004.
  • (EN) Tony Collins, Rock Mr. Blues : The Life & Music of Wynonie Harris, Big Nickel, 1994.
  • (EN) Sheldon Harris, Blues who's who : a biographical dictionary of Blues singers, Arlington House, 1979.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12149106217668491748 · ISNI (EN0000 0000 5939 5079 · Europeana agent/base/61055 · LCCN (ENn85237359 · GND (DE134622235 · BNE (ESXX1584525 (data) · BNF (FRcb138950001 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n85237359