Working on a Dream Tour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Working on a Dream Tour
WorkingOnADreamHartford042409.jpg
Bruce Springsteen e la E Street Band all'XL Center di Hartford, 24 aprile 2009.
Tour di Bruce Springsteen
Album Working on a Dream
Inizio Stati Uniti San Jose
1º aprile 2009
Fine Stati Uniti Milwaukee
15 novembre 2009
Tappe 3
Spettacoli 81
Cronologia dei tour di Bruce Springsteen
Magic Tour (2007-2008) Wrecking Ball World Tour (2012-2013)

Il Working on a Dream Tour fu un tour musicale tenuto da Bruce Springsteen e la E Street Band iniziato nel mese di aprile 2009 e terminato nel mese di novembre dello stesso anno. Seguì la pubblicazione dell'album Working on a Dream, avvenuta nel gennaio del 2009.

Il tour fu più corto rispetto ad una tipica tournée di Springsteen, ma per la prima volta nella sua carriera, si pose l'accento sulle performance nei festival musicali, specialmente in Europa. Ancora più diversamente dai precedenti tour, nelle scalette furono inclusi pochi brani del suo nuovo album. Invece, furono portati avanti alcuni schemi delle ultime fasi del precedente Magic Tour: la focalizzazione sui temi di attualità, questa volta la crisi economica; alcuni colpi di scena e sceneggiate grottesche e, più visibilmente, l'inserimento di uno spazio per i 'cenni', in cui alcuni membri del pubblico richiedevano canzoni rare o vecchie di Springsteen imitandole con dei segni e la band le improvvisava. La tappa finale del tour spesso ne includeva uno prima che Springsteen iniziasse a suonare uno dei suoi classici degli anni settanta e ottanta. Le reazioni critiche rispetto agli spettacoli del tour furono generalmente positive, anche se fu notata l'assenza del nuovo materiale. Il tour fu un successo commerciale, fatturando più di 156 milioni di dollari[1], per un totale di più di 1 milione e mezzo di spettatori; diventò il terzo tour per incasso nel 2009.

Il tour ebbe alcuni problemi logistici. La vendita dei biglietti fu gestita malamente da "Ticketmaster"; la situazione fu aggravata dal suo mercato secondario "TicketsNow". In poco tempo, legislature e procuratori generali di diversi stati, così come i membri del Congresso degli Stati Uniti e agenzie federali di regolamentazione, influenzarono la questione, con varie cause legali, compromessi e leggi proposte come risultato.

Il batterista della E Street Band Max Weinberg non fu disponibile per parti del tour a causa dei suoi obblighi con il Tonight Show. Lo sostituì suo figlio Jay, che a quel tempo aveva diciotto anni, per parti o per una serie di concerti; la critica, così come la band e il pubblico, reagì positivamente nei suoi confronti.

Il tour diede a Springsteen la possibilità di dire addio a due luoghi famosi, in cui aveva suonato molte volte - lo Spectrum di Filadelfia e il Giants Stadium, nel New Jersey.

Scenario[modifica | modifica wikitesto]

Il tour fu immaginato dai fan di Springsteen non come "una maratona totale"[2]; fu infatti notevolmente più breve del solito per Springsteen, in particolare nell'America del Nord, dove furono previste solo 26 tappe,[3] tra cui anche una data in Oklahoma, dove Springsteen non aveva mai suonato in tre decenni di carriera e dove i funzionari del BOK Center di Tulsa avevano cercato di attirare il Boss per anni.[3]

Il 23 febbraio 2009, fu confermato che Springsteen avrebbe suonato per primo il sabato sera nel Glastonbury Festival nel giugno dello stesso anno.[4] Springsteen inoltre suonò al Pinkpop Festival nei Paesi Bassi e al Bonnaroo Music Festival negli Stati Uniti d'America; suonare a dei festival fu un aspetto che caratterizzò questo tour.[5]

Conan O'Brien

Uno dei continui problemi con la programmazione del tour fu la disponibilità del batterista della E Street Band, Max Weinberg, già occupato come leader di una band, chiamata The Max Weinberg 7, per Conan O'Brien, dato che durante il primo semestre del 2009 il Late Night with Conan O'Brien a New York stava finendo e il Tonight Show a Los Angeles stava per cominciare.[6] L'annuncio, avvenuto a metà gennaio, che il Late Night sarebbe durato fino al 20 febbraio, escludeva qualsiasi idea di iniziare il tour subito dopo la comparsa di Springsteen al Super Bowl XLIII,[7] oltre alla sensazione della band, che aveva appena finito il Magic Tour e "Aspetta, fermiamoci un minuto."[8] Nel frattempo, la data d'inizio del Tonight Show, annunciata per il 1º giugno, pose problemi per la presenza fissa durante il tour di Weinberg.[9] O'Brien disse al tempo dell'annuncio ad un reporter della rivista Variety che sperava che Weinberg l'avrebbe seguito a Los Angeles ed inoltre sperava che potesse essere raggiunto un accordo per consentire a Weinberg di andare in tour con Springsteen, come era stato fatto per gli altri tour.[6] Alla NBC, canale che ospitava i programmi di O'Brein, la coesistenza fra i due boss del batterista era conosciuta come la Regola Weinberg-Springsteen.[9] In una intervista apparsa sul Rolling Stone, Springsteen fu vago sull'argomento: "Tutto quello che so è questo - tutto funzionerà, in un modo o nell'altro. Se le persone vogliono uscire e vedere la E Street Band, loro potranno uscire e vedere la E Street Band."[9] Sulla questione vi furono molte notizie contrastanti[10][11] fino a quando O'Brien, il 18 febbraio, confermò che Weinberg e la band sarebbero venuti con lui.[12] Qualche giorno dopo, il chitarrista della E Street Steven Van Zandt disse a proposito della disponibilità di Weinberg per il periodo successivo al 1º giugno, cioè durante la tappa Europea: "Stiamo ancora cercando di capire. Vedremo. Credo che Max ci sarà per la maggior parte del tour...so che lui stava cercando molto di capire."[13] Weinberg non aveva mai perso uno spettacolo della E Street Band dalla sua entrata nel gruppo nel 1974 e Van Zandt disse che nessun altro batterista avrebbe potuto rimpiazzare la comprensione intuitiva di Weinberg nei confronti di Springsteen.[13]

L'Asbury Park Convention Hall, considerato luogo storico degli Stati Uniti d'America[14] e sala delle prove di Bruce Springsteen e della E Street Band.

Come da prassi sin dal 1999 in occasione del Reunion Tour, Springsteen e la band cominciarono le prove all'Asbury Park Convention Hall, la Sala delle Conferenze di Asbury Park, considerato luogo d'interesse storico degli USA.[15] L'11 marzo, in occasione dell'inizio delle prove, alcuni fan di Springsteen si appostarono fuori dall'edificio, visto che le porte erano chiuse, per ascoltare le canzoni che avrebbero potuto far parte della scaletta del tour.[15] La presenza alle prove del figlio diciottenne di Max Weinberg, Jay, una matricola allo Stevens Institute of Technology[16] ed anche un batterista, indicò che lui sarebbe potuto essere il sostituto di suo padre per gli spettacoli della tappa Europea quando sarebbero subentrati gli impegni al Tonight Show di Max.[17] Jay suonò alla batteria Born To Run in un concerto del precedente Magic Tour.[17] Questo fu confermato da Springsteen il 20 marzo, che disse che Jay Weinberg avrebbe suonato la batteria ad un piccolo numero di spettacoli durante il tour.[18] Springsteen aggiunse: "ancora una volta, voglio esprimere il mio apprezzamento a Conan O'Brien e a tutto il suo team, per aver reso possibile a Max di continuare a fare il suo doppio dovere per noi e per lui."[19] Van Zandt disse: "Ho evitato questo problema per settimane! Grazie a Dio l'hanno finalmente annunciato. Abbiamo già fatto tre giorni di prove. Jay è un fantastico batterista. È nel DNA dei Weinberg."[20]

Fan fuori dall'Asbury Park Convention Hall mentre ascoltano una prova di Outlaw Pete, 18 marzo 2009.

La prima tappa Americana era ben avviata; ci fu un'ipotesi riguardo a degli altri possibili spettacoli in Nord America alla fine dell'estate e durante l'autunno, ma il chitarrista della E Street Band Nils Lofgren disse che Springsteen e sua moglie Patti Scialfa avrebbero preso una decisione più tardi.[21]

Il 21 maggio 2009, alla fine del concerto all'Izod Center, ad East Rutherford, nel New Jersey, Springsteen annunciò che avrebbe fatto tre spettacoli nel vicino Giants Stadium tra la fine di settembre e l'inizio di ottobre, dicendo che la band "avrebbe detto addio al vecchio Giants Stadium...prima che arrivi la palla che demolisce, tornerà il gruppo che demolisce!"[22] Gli schermi video sul palco mostrarono un enorme striscione appeso sullo stadio, che fu il precursore delle notizie delle televisioni locali. I biglietti furono venduti molto velocemente e furono aggiunte due date in più, finendo così il 9 ottobre.[23] Questi sarebbero dovuti essere gli ultimi concerti di sempre nello stadio.[23] Lo spettacolo fece il tutto esaurito in fretta, ma non quello prima.[24] Successivamente furono annunciate le date negli USA della fine dell'estate, focalizzandosi sugli anfiteatri all'aperto nel Nord Est. A metà luglio, fu annunciata un'ulteriore proroga del tour negli Stati Uniti, aggiungendo spettacoli nelle arene al coperto fino a novembre.[25]

Lo spettacolo a Buffalo, nel New York, avvenuto il 22 novembre 2009, era previsto per la fine del tour.[26] Dopo di che la E Street Band si aspettava di prendere una pausa di 1-2 anni, mentre Springsteen lavorò su un altro progetto.[26]

Lo spettacolo del 26 ottobre 2009 a Kansas City, nel Missouri, fu annullato un'ora prima dell'orario di inizio previsto a causa della morte di Lenny Sullivan, cugina di Springsteen e road manager per dieci anni.[27][28] Non fu riprogrammato.[27]

Vendita dei biglietti[modifica | modifica wikitesto]

Il pubblico lascia l'Izod Center il 21 maggio 2009 dopo un concerto del Boss, mentre compare l'annuncio degli spettacoli al Giants Stadium.

Anche prima di qualsiasi annuncio ufficiale del tour, i biglietti furono in vendita in Norvegia e Svezia. La forte domanda causò un blocco totale nel sistema scandinavo di vendita dei biglietti.[29] Una situazione simile a causa di una forte domanda si verificò in Finlandia con il sistema "Lippupiste" della vendita dei biglietti.[30]

Il 27 gennaio 2009, il giorno della pubblicazione di Working on a Dream negli Stati Uniti, arrivò l'annuncio ufficiale del tour.[31][32]

Il 1º febbraio 2009, Springsteen e la E Street Band suonarono durante l'intervallo del Super Bowl XLIII. Il giorno seguente, i biglietti per molti dei concerti negli USA furono messi in vendita. Nonostante la crisi in corso, la domanda era pesante in un certo numero di zone, sia per la continua popolarità di Springsteen, che per la grande visibilità della sua apparizione al Super Bowl.[33] In altre zone, invece, non si mostrò il fervore delle passate tournée.[34] I due show in New Jersey e a Filadelfia fecero il tutto esaurito in circa un'ora.[33][35] Le vendite online dei biglietti nell'East Coast tramite la Ticketmaster, inclusi quelli dello spettacolo nel New Jersey, furono piuttosto problematiche, in quanto molti clienti aspettarono molto o rimasero nel bel mezzo di una transizione di acquisto, solo perché sul sito della Ticketmaster compare una scritta che spiegava che il sito non era disponibile "a causa di manutenzione ordinaria."[33] Ticketmaster riconobbe che il problema tecnico con le vendite "non era il nostro momento migliore."[36] I biglietti per gli spettacoli nel New Jersey erano disponibili in quantità limitata sin dall'inizio, siccome il 27% di questi erano stati trattenuti dalla casa discografica.[37] In effetti, la casa discografica trattenne i biglietti di uno degli spettacoli tranne 108 dei 1126 nelle quattro sezioni più vicine al palco.[24]

La frustrazione divenne una vera e propria protesta pubblica, in cui molti dei clienti di Ticketmaster, informati che i biglietti degli spettacoli erano finiti, furono spinti su TicketsNow, un sito di proprietà di Ticketmaster, dove i prezzi dei biglietti erano venduti sul mercato secondario a prezzi estremamente gonfiati.[33][36][38] Inoltre Ticketmaster spinse i fan su TicketsNow anche quando c'erano ancora biglietti disponibili per uno spettacolo programmato.[39] Bill Pascrell, membro della Camera dei Rappresentanti dall'ottavo distretto del New Jersey, chiese alla Commissione Federale del Commercio e al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti d'America di investigare sulla relazione tra Ticketmaster e TicketsNow,[38][40] dicendo: "Penso che l'affiliazione commerciale tra Ticketmaster e TicketsNow possa rappresentare un conflitto di interessi che è dannoso per i fan. C'è un significativo potenziale di abuso, quando una società è in grado di monopolizzare il mercato primario di un prodotto e anche manipolare direttamente, e trarne profitto da, il mercato secondario."[41]

Springsteen ha rilasciato una dichiarazione sul suo sito web dove ha castigato Ticketmaster e ha chiarito che lui non ha alcuna affiliazione con loro (la casa discografica ne è affiliata).[42] La direzione di Springsteen, o meglio le compagnie discografiche e i promotori, trattenne un numero consistente di biglietti da pubbliche vendite e resero il loro rifornimento sempre più bloccato, specialmente di quelli per gli spettacoli nel New Jersey.[33] Nello stesso giorno in cui i membri dell'Assemblea Generale del New Jersey Gary Schaer e Wayne DeAngelo chiesero un'inchiesta,[43] il procuratore generale del New Jersey Anne Milgram disse che la sua carica e la Divisione degli Affari dei Consumatori del New Jersey avrebbero indagato sulla vendita dei biglietti dei concerti di Springsteen, poiché erano già arrivate molte denunce.[38][44] Quando la questione guadagnò l'attenzione nazionale,[45][46] diventò quello che il Washington Post descrisse come un "incubo delle pubbliche relazioni" per Ticketmaster.[47] Il 5 febbraio, Ticketmaster diffuse una "lettera aperta di scuse" per Springsteen e i suoi fan, dicendo che non avrebbe più collegato TicketsNow da Ticketmaster durante le vendite dalla grande domanda e promise che avrebbe rimborsato i clienti che inavvertitamente comprarono i biglietti sul mercato secondario.[48] Pascrell, il cui ufficio ricevette oltre 1000 denunce sulla questione, e il procuratore generale del Connecticut Richard Blumenthal utilizzarono i racconti dei biglietti per mostrare la loro preoccupazione sulla fusione tra Ticketmaster e Live Nation, promotore di eventi musicali.[38][48] Springsteen mostrò le sue obiezioni sulla fusione ed inoltre i suoi commenti guadagnarono l'attenzione nazionale.[49]

Il Governatore del Minnesota Tim Pawlenty, che firmò "the Bruce Springsteen bill", ossia "la legge di Bruce Springsteen".

Il 23 febbraio, Ticketmaster fece un accordo legale al di fuori del formale processo giudiziario con Anne Milgram.[50] Ticketmaster accettò di rimborsare i pagamenti effettuati a TicketsNow e di ridurre la sua visibilità; rese circa 2.000 biglietti per gli spettacoli nel New Jersey ai denunciatori tramite lotteria casuale, con promesse di risarcimenti supplementari se Springsteen avesse programmato una terza tappa negli Stati Uniti durante l'estate.[50] La società non fu multata, ma rimborsò l'attorney general di 350.000 dollari per spese di istruttoria.[50] Oltre 1.800 persone si qualificarono per la lotteria del 31 marzo,[51] e coloro i quali li ricevettero ritirarono i propri biglietti prima degli spettacoli.[52] Nel marzo del 2009, il manager di Springsteen Jon Landau sottolineò che Springsteen non rilascia direttamente i biglietti sul mercato secondario, sulla scia delle rivelazioni su altri artisti.[53] Nel maggio del 2009 - nello stesso giorno in cui Springsteen avrebbe suonato all'arena Xcel Energy Center a Saint Paul - il Governatore del Minnesota Tim Pawlenty firmò "la legge di Bruce Springsteen", che proibì ai venditori online di biglietti di spingere clienti frustrati su siti che offrono biglietti a prezzo gonfiato sul mercato secondario.[54]

Un caso simile a questo si verificò il 20 marzo, quando furono messi in vendita i biglietti per i due concerti di prova di Springsteen all'Asbury Park Convention Hall. Decine di fan dissero che le linee automatizzate di Ticketmaster avevano dato messaggi in cui si diceva che non c'erano biglietti degli spettacoli in vendita, mentre quelli che usarono i call center furono in grado di acquistare i biglietti.[55] Ticketmaster negò che qualcosa era andato storto.[55]

La "saga" dei biglietti sul mercato secondario riemerse a metà maggio durante la prima tappa del tour quando TicketsNow rivelò che erano stati venduti 300 biglietti dello spettacolo al Verizon Center di Washington dallo stesso sito.[56] TicketsNow offrì il doppio dei rimborsi e dei biglietti ad un prezzo inferiore alla media per gli altri spettacoli di Springsteen, ma il manager del Boss fu molto infelice: "Vorremmo far capire al nostro pubblico che questo è un problema causato interamente da Ticketmaster e da TicketsNow. Né Bruce né la sua gestione hanno un controllo su queste due problematiche entità, ma ci risentiamo profondamente dell'abuso sui nostri fan."[56]

Quando, alla fine di maggio, furono annunciati gli spettacoli di Springsteen al Giants Stadium, che si sarebbero svolti in autunno, i venditori sul mercato secondario annunciarono che avrebbero alzato fortemente il prezzo dei biglietti prima che questi fossero messi in vendita.[57] Ciò spinse il procuratore generale Milgram a sporgere denuncia contro tre venditori per comportamenti fraudolenti; in particolare alcune sedi pubblicizzate neanche esistevano.[58] Il membro del Congresso Pascrell annunciò che aveva proposto una legge federale, chiamata "BOSS ACT" (Better Oversight of Secondary Sales and Accountability in Concert Ticketing),[59] che avrebbe richiesto ai venditori dei biglietti sul mercato primario di rivelare quanti biglietti erano stati trattenuti dalla vendita, avrebbe proibito ai broker di comprare biglietti durante le prime 48 ore dalla messa in vendita dei biglietti e avrebbe proibito ai venditori dei biglietti sul mercato primario, ai promotori e agli artisti di entrare nel mercato secondario.[60]

Nel febbraio del 2010, Ticketmaster raggiunse un accordo con la Commissione Federale del Commercio, che aveva denunciato la società per "tattiche ingannevoli", riguardanti i biglietti fantasma e fece riferimento ad un episodio, in cui sempre gli stessi 38 biglietti di uno spettacolo a Washington furono venduti 1600 volte.[61] Ticketmaster non ammise nessun illecito, ma accettò di porre fine alla pratica; inoltre accettarono di spendere 1 milione di dollari per eccessivi finanziamenti alle vendite del mercato secondario tramite TicketsNow.[61][62]

Gli spettacoli[modifica | modifica wikitesto]

Progettazione e prove[modifica | modifica wikitesto]

Lo scenario prima del primo dei due concerti di prova di Bruce Springsteen all'Asbury Park Convention Hall, il 23 marzo 2009.

Una prima idea sotto considerazione era quella di suonare uno dei classici album di Springsteen per intero ad ogni spettacolo.[2] Van Zandt disse che avrebbero suonato la maggior parte di Working on a Dream durante la parte iniziale del tour, ma per quanto riguarda i restanti spettacoli erano incerti.[8] Se l'idea dell'album intero fosse andata avanti, pensò che il doppio album The River avrebbe occupato di per sé un intero spettacolo.[8] Nulla venne fuori da questa idea e dovette aspettare fino alla terza tappa del tour negli USA per materializzarsi.

Per prassi, Springsteen eseguì un paio di concerti pubblici di prova all'Asbury Park Convention Hall prima di iniziare il tour.[63] I concerti furono aperti da "Outlaw Pete" da Working on a Dream e furono suonate altre canzoni contenute in questo album,[64] ma gli spettacoli in generale inclusero schemi del precedente Magic Tour.[65][66] Jay Weinberg suonò alcuni pezzi alla batteria, mentre alla E Street Band si affiancarono i coristi Curtis King e Cindy Mizelle (entrambi collaboratori di Springsteen durante il Session Band Tour).[65]

Prima tappa (Nord America)[modifica | modifica wikitesto]

Un maxischermo mostra Springsteen, mentre fa cantare Waitin' on a Sunny Day ad un bambino durante un concerto all'Izod Center. Springsteen era solito far cantare ai bambini nel pubblico questa canzone insieme al coro.

Quando il tour cominciò a San Jose, in California, il 1º aprile, la canzone di apertura era Badlands[67] - il cui finale era caratterizzato dalla domanda al pubblico "C'è qualcuno là fuori?"[68][69] - e molte cose furono evidenti. Gli spettacoli, in genere, contenevano solo tre canzoni incluse in Working on a Dream: Outlaw Pete (inizialmente accompagnata da una macchina del fumo),[70] Working on a Dream e Kingdom Of Days.[71] Poiché fu poco incluso il materiale dell'ultimo album realizzato, questo tour rappresenta un allontanamento dagli schemi di tutti gli altri tour di Springsteen. Uno degli ultimi singoli di Springsteen, The Wrestler, facente parte della colonna sonora dell'omonimo film, fu incluso solo in metà delle liste delle canzoni del tour, nonostante non condividesse lo stile romantico del nuovo album.[71] Riguardo alle altre canzoni di Working on a Dream, due non furono mai provate privatamente; alcune altre provate furono provate privatamente ma mai pubblicamente; This Life e Surprise Surprise non furono più suonate dopo il primo concerto di prove all'Asbury Park Convention Hall; Good Eye non fu più suonata dopo il secondo concerto di prove, mentre My Lucky Day fu abbandonata dopo tre concerti.[72] La scomparsa di This Life e My Lucky Day fu particolarmente notevole, visto che la prima aveva un elaborato ed esteso finale in stile Beach Boys di King e Mizelle nella sua performance di prova, mentre My Lucky Day è il secondo singolo estratto dall'album.[65][73][74] Neanche il materiale dell'album precedente, Magic, fu eseguito, inclusa Radio Nowhere.[72] Le scalette si basavano sul materiale di Born in the U.S.A. e The Rising e su canzoni di altri periodi.[72]

Commentando la scarsità del nuovo materiale, l'Atlanta Journal-Constitution suggerì che sarebbe stato meglio se l'intera produzione si fosse chiamata "Havin' a Blast Tour".[75][76] Il Pittsburgh Post-Gazette disse che "La cosa strana... è che il 'Working on a Dream Tour' non sembra più essere un 'lavoro su un sogno'" e suggerì che l'album fu impopolare tra molti fan e, come risultato, "Springsteen, da grande showman, non infierì su questo esito."[73] I fan di Springsteen analizzarono e discussero subito le scalette di ogni concerto, non appena apparve la lista degli spettacoli su "Backstreet.com", sito del fanzine di Springsteen.[77] Il bassista della E Street Band Gary Tallent e il chitarrista Nils Lofgren si divertirono nel paragonare questa situazione con quella del 2008. Al termine del Magic Tour, infatti, i fan si arrabbiarono, perché, nelle scalette, la presenza del nuovo materiale era stata eccessiva.[73][77] Il chitarrista Steve Van Zandt disse che le canzoni di Working on a Dream che furono suonate erano "grandi" canzoni, per compensare la mancanza del nuovo materiale.[78]

Bruce Springsteen e la E Street Band suonano "Hard Times Come Again No More" il 21 maggio 2009 all'Izod Center, ad East Rutherford.

Un tema evidenziato durante gli spettacoli era la recessione in corso. La parte iniziale degli spettacoli conteneva un cosiddetto "pacchetto della recessione", che era formato dalle canzoni Seeds (non era più stata suonata dagli anni ottanta), Johnny 99 (allungata da un insolito finale)[79] e o Youngstown o The Ghost of Tom Joad[67][73][80] (entrambe contenenti un focoso assolo di chitarra di Nils Lofgren).[79][81] Gli spettacoli continuavano con un riarrangiamento del classico del 1850 di Stephen Foster Hard Times Come Again No More[79][82] - che fu una delle poche canzoni accompagnate dal coro di King e Mizelle,[52][80] costretti altrimenti a suonare il tamburello - e successivamente erano suonate due canzoni che trattano della lotta, della sopravvivenza e della speranza americane, Land of Hope and Dreams and American Land.[80] Van Zandt disse che l'emergere del tema della recessione fu in parte il motivo per cui il nuovo materiale non trovò spazio nelle scalette.[78] Durante gli spettacoli, un momento regolare di ottimismo era rappresentato da Waitin' on a Sunny Day, singolo estratto da The Rising, quando Springsteen faceva cantare uno o più bambini nelle prime file assieme al coro.[83][84][85]

Una novità dal precedente Magic Tour fu il cosiddetto 'signs' segment, cioè una parte del concerto dedicato a delle richieste fatte con dei cenni fatte dal pubblico.[86] Questo sarebbe cominciato quando Springsteen collezionò delle richieste tramite dei cenni da parte del pubblico delle prime file durante un'estesa introduzione della popolare canzone Raise Your Hand.[67] Una volta completata la canzone, Springsteen selezionò due o tre richieste del pubblico. Spesso le richieste erano dei classici del garage rock come Wild Thing, 96 Tears, o Mony Mony o del punk rock come I Wanna Be Sedated o London Calling.[86] Questa attività fu chiamata "Stump the Band",[71][75][87] e portò la band a suonare delle improvvisazioni sul palco.[78] Springsteen delle volte schernì il pubblico in seguito alle dichiarazioni che la E Street Band non poteva essere messa in difficoltà, come disse al concerto nella Philips Arena di Atlanta: "...questa è la più grande band da bar del mondo, e se non lo pensano noi conosciamo questa cazzo di 96 Tears!" L'immediata introduzione della parte per i cenni, comunque, sorprese il chitarrista della band Nils Lofgren, che pensava che Springsteen l'avrebbe posticipato alla fine del tour.[86] Il preciso grado di sfida di questa novità non fu chiaro, visto che, anche se la band improvvisava, Springsteen leggeva i testi su un teleprompter[75][86] e in alcuni casi le canzoni erano state provate con il soundcheck prima del concerto.[88] In ogni caso, le richieste includevano soprattutto canzoni degli anni sessanta, specialmente della British invasion, della Motown e della Stax-Volt.[77] Le altre richieste erano, di solito, per canzoni di Springsteen non incluse generalmente nelle scalette.[75][77]

Le date[modifica | modifica wikitesto]

Data Città Luogo Affluenza[senza fonte] Guadagno lordo (US$)[senza fonte]
Spettatori Posti in vendita % P/S
1º aprile 2009 Stati Uniti San Jose HP Pavilion 16.713 17.196 97,2% 1.535.889
3 aprile 2009 Stati Uniti Glendale Jobing.com Arena 15.433 15.433 100% 1.377.875
5 aprile 2009 Stati Uniti Austin Frank Erwin Center 15.654 15.654 100% 1.302.672
7 aprile 2009 Stati Uniti Tulsa BOK Center 12.382 12.382 100% 1.039.926
8 aprile 2009 Stati Uniti Houston Toyota Center 12.488 12.488 100% 1.106.977
10 aprile 2009 Stati Uniti Denver Pepsi Center 17.202 17.414 99% 1.555.204
15/16 aprile 2009 Stati Uniti Los Angeles L.A. Memorial Sports Arena 31.080 33.094 94% 2.807.010
21/22 aprile 2009 Stati Uniti Boston TD Garden 33.035 33.477 98,7% 3.006.655
24 aprile 2009 Stati Uniti Hartford XL Center 15.168 15.168 100% 1.405.050
26 aprile 2009 Stati Uniti Atlanta Philips Arena 14.361 15.190 94,5% 1.324.980
28/29 aprile 2009 Stati Uniti Filadelfia Wachovia Spectrum 35.165 35.165 100% 3.389.857
2 maggio 2009 Stati Uniti Greensboro Greensboro Coliseum 18.987 19.462 97,6% 1.573.072
4 maggio 2009 Stati Uniti Uniondale Nassau Coliseum 16.223 16.223 100% 1.548.658
5 maggio 2009 Stati Uniti Charlottesville John Paul Jones Arena - - - -
7 maggio 2009 Canada Toronto Air Canada Centre 18.103 18.103 100% 1.438.244
8 maggio 2009 Stati Uniti University Park Bryce Jordan Center 14.238 14.238 100% 1.305.880
11 maggio 2009 Stati Uniti Saint Paul Xcel Energy Center - - - -
12 maggio 2009 Stati Uniti Chicago United Center - - - -
14 maggio 2009 Stati Uniti Albany Times Union Center 15.096 15.096 100% 1.377.450
15 maggio 2009 Stati Uniti Hershey Hersheypark Stadium 29.745 29.745 100% 2.859.106
18 maggio 2009 Stati Uniti Washington Verizon Center 17.859 18.261 98% 1.680.376
19 maggio 2009 Stati Uniti Pittsburgh Mellon Arena - - - -
21/23 maggio 2009 Stati Uniti East Rutherford Izod Center 38.502 38.502 100% 3.559.260
30 maggio 2009 Paesi Bassi Landgraaf Pinkpop Festival - - - -
2 giugno 2009 Finlandia Tampere Stadio Ratina 31.402 31.402 100% 3.326.646
4/5/7 giugno 2009 Svezia Stoccolma Stadio Olimpico 97.024 97.024 100% 7.877.161
9/10 giugno 2009 Norvegia Bergen Koengen 47.000 51.000 93% 4.613.805
13 giugno 2009 Stati Uniti Manchester (TN) Bonnaroo Music Festival - - - -
27 giugno 2009 Regno Unito Glastonbury Glastonbury Festival 135.000 135.000 100% -
28 giugno 2009 Regno Unito Londra Hard Rock Calling - - 100% -
30 giugno 2009 Svizzera Berna Stade de Suisse 36.538 36.538 100% 3.816.416
2 luglio 2009 Germania Monaco di Baviera Stadio Olimpico 39.896 44.186 90% 3.723.108
3 luglio 2009 Germania Francoforte sul Meno Commerzbank-Arena 40.471 40.471 100% 3.765.940
5 luglio 2009 Austria Vienna Ernst Happel Stadion 37.798 42.380 89% 3.324.987
8 luglio 2009 Danimarca Herning Herning MCH - Outdoor Arena 49.947 49.947 100% 4.770.172
11/12 luglio 2009 Irlanda Dublino RDS Arena 80.428 80.428 100% 8.760.349
14 luglio 2009 Regno Unito Glasgow Hampden Park 50.544 50.544 100% 4.378.752
16 luglio 2009 Francia Carhaix-Plouguer Festival Vieilles Charrues - - - -
19 luglio 2009 Italia Roma Stadio Olimpico 37.834 42.479 90% 2.944.904
21 luglio 2009 Italia Torino Stadio Olimpico 32.774 32.774 100% 2.639.310
23 luglio 2009 Italia Udine Stadio Friuli - - - -
26 luglio 2009 Spagna Bilbao Stadio San Mamés - - - -
28 luglio 2009 Spagna Siviglia la Cartuja - - - -
30 luglio 2009 Spagna Benidorm Estadio Municipal de Foietes - - - -
1º agosto 2009 Spagna Valladolid Stadio José Zorrilla - - - -
2 agosto 2009 Spagna Santiago de Compostela Monte do Gozo - - 100% -
19 agosto 2009 Stati Uniti Hartford Comcast Theatre - - - -
22 agosto 2009 Stati Uniti Mansfield Comcast Center - - - -
23 agosto 2009 Stati Uniti Mansfield Comcast Center - - - -
25 agosto 2009 Stati Uniti Saratoga Springs Saratoga Performing Arts Center - - - -
10 settembre 2009 Stati Uniti Nashville Sommet Center - - - -
12 settembre 2009 Stati Uniti Tampa Ford Amphitheatre - - - -
13 settembre 2009 Stati Uniti Fort Lauderdale BankAtlantic Center - - - -
16 settembre 2009 Stati Uniti Greenville BI-LO Center - - - -
20 settembre 2009 Stati Uniti Chicago United Center - - - -
30 sett./2/3/8/9 ott. 2009 Stati Uniti East Rutherford Giants Stadium - - - -
13/14/19/20 ottobre 2009 Stati Uniti Filadelfia Wachovia Spectrum - - - -
25 ottobre 2009 Stati Uniti Saint Louis Scottrade Center - - - -
26 ottobre 2009 Stati Uniti Kansas City (MO) Sprint Center - - - -
2 novembre 2009 Stati Uniti Washington Verizon Center - - - -
3 novembre 2009 Stati Uniti Charlotte Time Warner Cable Arena - - - -
7/8 novembre 2009 Stati Uniti New York Madison Square Garden - - - -
10 novembre 2009 Stati Uniti Cleveland Quicken Loans Arena - - - -
13 novembre 2009 Stati Uniti Auburn Hills The Palace - - - -
15 novembre 2009 Stati Uniti Milwaukee Bradley Center - - - -
colspan="3" align="right"|TOTALE 969.000 980.374 97% 85.369.751

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 2009 Top 50 Worldwide Concert Tours (PDF), Pollstar. URL consultato l'8 maggio 2011.
  2. ^ a b Fricke, David, The E Street Band Keep Rolling in '09, Rolling Stone, 22 gennaio 2009.
  3. ^ a b Allen, Barbara, Springsteen finally adds Tulsa to his tour[collegamento interrotto], Tulsa World, 28 gennaio 2009. URL consultato l'8 maggio 2011.
  4. ^ Springsteen tops Glastonbury bill, BBC News, 23 febbraio 2009. URL consultato l'8 maggio 2011.
  5. ^ Springsteen – born to run and born for Glastonbury, The Bath Chronicle, 1º luglio 2009. URL consultato l'8 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2010).
  6. ^ a b Max Watch '09: A Tale of Two Bosses, Backstreets.com, 16 gennaio 2009. URL consultato l'8 maggio 2011.
  7. ^ Conan O’Brien Saying Goodbye To ‘Late Night’ In February, WRC-TV, 16 gennaio 2009. URL consultato l'8 maggio 2011.
  8. ^ a b c Greene, Andy, Van Zandt on Springsteen Tour, Super Bowl Rumors and How Garage Bands Can Blow Up, Rolling Stone, 3 marzo 2009. URL consultato l'8 maggio 2011.
  9. ^ a b c Fricke, David, Bringing It All Back Home (PDF), Rolling Stone, 5 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2009).
  10. ^ Buckman, Adam, Max to Keep Beat in LA, New York Post, 12 aprile 2008. URL consultato il 9 maggio 2011.
  11. ^ Kaplan, Don, 'Tonight' Tries to Woo Max, New York Post, 4 febbraio 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  12. ^ Serpe, Gina, Conan 'n' Andy Back Together for Tonight, E!, 24 febbraio 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  13. ^ a b Greene, Andy, Van Zandt on Max Weinberg’s Busy Dance Card, Rolling Stone, 23 febbraio 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  14. ^ Laura Kiniry, Moon New Jersey, 2nd, PublicAffairs, 2009, p. 137, ISBN 1-59880-156-2.
  15. ^ a b Goldstein, Stan, Bruce Springsteen rehearses in Asbury Park, The Star Ledger, 12 marzo 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  16. ^ Wolfson, Melanie, Jay Weinberg Feels 'Super Fortunate' To Play On Bruce Springsteen Tour, MTV News, 4 maggio 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  17. ^ a b Mikle, Jean, A Tale of Two Weinbergs, in Asbury Park Press, 18 marzo 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  18. ^ Greene, Andy, Max Weinberg’s Son to Sub in at a Handful of Springsteen Gigs, Rolling Stone, 20 marzo 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  19. ^ Statement About Tour Personnel, Shore Fire Media, 20 marzo 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  20. ^ Brunner, Rob, Springsteen news: Steve Van Zandt talks about the E Street Band's new drummer, EW.com, 20 marzo 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  21. ^ Graff, Gary, Springsteen's Audibles Can't Stump Nils Lofgren And E Street Band, Billboard, 13 maggio 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  22. ^ Clancy, Michael, Bruce & the "Wrecking Crew" to Say Goodbye, WNBC-TV, 22 maggio 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  23. ^ a b Jordan, Chris, More Springsteen shows announced, Asbury Park Press, 3 giugno 2009.
  24. ^ a b McGlone, Peggy, Springsteen withheld best tickets from the public at NJ concert, records show, The Star-Ledger, 14 giugno 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  25. ^ Kreps, Daniel, Springsteen Adds More 'Working on a Dream' Shows To Tour, Rolling Stone, 14 luglio 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  26. ^ a b Graff, Gary, Springsteen, E-Street Band Taking Time Apart After Tour, Billboard, 17 settembre 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  27. ^ a b Springsteen Concert Canceled Due To Death In Family, KMBC-TV, 26 ottobre 2009. URL consultato il 9 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2010).
  28. ^ Lenny Sullivan, BruceSpringsteen.net, 26 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2012).
  29. ^ Bruce Springsteen And The E Street Band To Launch Tour; New Album Out Today, Starpulse, 27 gennaio 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  30. ^ Rush for Springsteen ticket sales causes online system to crash, Helsingin Sanomat, 27 gennaio 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  31. ^ Bruce Springsteen And The E Street Band To Launch 2009 US And European Tour, Shore Fire Media, 27 gennaio 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  32. ^ Satariano, Adam, Springsteen Will Start U.S. Tour April 1, Europe on May 30, Bloomberg News, 27 gennaio 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  33. ^ a b c d e McGlone, Peggy, Ticket buying process frustrates Springsteen fans, The Star-Ledger, 2 febbraio 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  34. ^ Boucher, Geoff, Bruce Springsteen, tour 2009: working on a dream, in Los Angeles Times, 5 aprile 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  35. ^ Luce, Paul, Springsteen tickets remain a hot item for Spectrum show (TXT), Delaware County Daily Times, 3 febbraio 2009. URL consultato il 9 maggio 2011.
  36. ^ a b Greene, Andy, Ticketmaster Admits Springsteen Sale 'Wasn’t Our Finest Hour', Rolling Stone, 3 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011.
  37. ^ McGlone, Peggy, Getting into a N.J. Bruce Springsteen concert is harder than imagined, The Star-Ledger, 20 maggio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011.
  38. ^ a b c d Satariano, Adam and Bensinger, Greg, Springsteen, Fans Decry Ticketmaster’s ‘Scalping’, Bloomberg News, 6 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011.
  39. ^ Failing the Smell Test: Ticket Woes Worsen, Backstreets.com, 4 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011.
  40. ^ Springsteen ticket glitch has pol calling for federal probe, Newsday, 3 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2009).
  41. ^ Pascrell, Bill, Pascrell Seeks Investigation Into Ticketmaster Business Practice, Camera dei Rappresentanti, 3 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2011).
  42. ^ A Letter to Our Fans, Brucespringsteen.net, 4 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2010).
  43. ^ Shaer, DeAngelo to Ask AG to Determine Whether Jilted Springsteen Fans Have an Ally in State Law (PDF), New Jersey State Assembly, 4 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011.
  44. ^ Attorney General Investigating Ticket Sales for Springsteen Concert, New Jersey Division of Consumer Affairs, 4 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  45. ^ Duke, Alan, Ticketmaster-Live Nation talks raise concerns, CNN, 5 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011.
  46. ^ Jenison, David, Bruce Springsteen Shows Taylor Swift, Ticketmaster Who's Boss, E!, 4 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011.
  47. ^ David Montgomery and J. Freedom du Lac, Ticketmaster Practices Not Taken at Face Value, The Washington Post, 12 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011.
  48. ^ a b McGlone, Peggy, Ticket firm apologizes to Bruce and fans, The Star-Ledger, 6 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2011).
  49. ^ Colker, David, Tiffany Hsu and Randy Lewis, Possible Ticketmaster-Live Nation merger draws boos from concert fans, Los Angeles Times, 5 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011.
  50. ^ a b c Thompson, Brian, Ticketmaster Won't Be Fined for Springsteen Ticket Flap, WNBC-TV, 23 febbraio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011.
  51. ^ Random Ticket Selection for Springsteen Concert Tickets Scheduled for March 31, Gabinetto del Procuratore Generale del New Jersey, 19 marzo 2009. URL consultato il 10 maggio 2011.
  52. ^ a b Greene, Andy, Bruce Springsteen Closes Out Tour With Hometown Marathon, Rolling Stone, 26 maggio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011.
  53. ^ Smith, Ethan, Concert Tickets Get Set Aside, Marked Up by Artists, Managers, The Wall Street Journal, 11 marzo 2009. URL consultato il 10 maggio 2011.
  54. ^ Van Sternberg, Bob, The Boss rocked the X hours after state's 'Springsteen Law' was signed, Star Tribune, 12 maggio 2009. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2009).
  55. ^ a b Mikle, Jean and Bowman, Bill, Fans complain about Ticketmaster, Asbury Park Press, 21 marzo 2009. URL consultato l'11 maggio 2011.
  56. ^ a b Smith, Jay, Springsteen's Manager Comments On Latest TicketsNow Snafu, Pollstar, 14 maggio 2009. URL consultato l'11 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  57. ^ McGlone, Peggy, Springsteen's Giants Stadium tickets are already offered by online brokers, The Star-Ledger, 26 maggio 2009. URL consultato l'11 maggio 2011.
  58. ^ Attorney General Milgram Files Suit in Response to Deceptive Sales of Springsteen Concert Tickets Before Initial Public Sales Date, Divisione degli Affari dei Consumatori del New Jersey, 27 maggio 2009. URL consultato l'11 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  59. ^ cioè Quadro più chiaro sulle vendite secondarie e sulla responsabilità nella vendita dei concerti; da notare che "Boss" è il soprannome di Bruce Springsteen.
  60. ^ McGlone, Peggy, The BOSS ACT rewrites rules on ticket sales, The Star-Ledger, 1º giugno 2009. URL consultato l'11 maggio 2011.
  61. ^ a b Chmielewski, Dawn C., Ticketmaster accused of selling 'phantom' Springsteen tickets, Los Angeles Times, 19 febbraio 2009. URL consultato l'11 maggio 2011.
  62. ^ Ticketmaster settles over marked-up Springsteen tickets, in Houston Chronicle, Associated Press, 18 febbraio 2009. URL consultato l'11 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2011).
  63. ^ Mikle, Jean, Springsteen returns to the Asbury boardwalk, in Courier News, 19 marzo 2009. URL consultato il 12 maggio 2011.
  64. ^ Boucher, Geoff, Bruce Springsteen, tour 2009: working on a dream, in Los Angeles Times, 5 aprile 2009. URL consultato il 12 maggio 2011.
  65. ^ a b c Cotter, Kelly-Jane, Springsteen and crew tune up in Asbury, in Courier News, 24 marzo 2009. URL consultato il 12 maggio 2011.
  66. ^ March 23 / Asbury Park, NJ / Convention Hall, Backstreets.com, 23 marzo 2009. URL consultato il 12 maggio 2011.
  67. ^ a b c Miller, Jay N., Boss and band cover a lot of ground in Boston, The Patriot Ledger, 22 aprile 2009. URL consultato il 13 maggio 2011.
  68. ^ Niester, Alan, Less power, more preach, but the Boss still satisfies[collegamento interrotto], The Globe and Mail, 9 maggio 2009. URL consultato il 13 maggio 2011.
  69. ^ DeLuca, Dan, Springsteen returns to the Spectrum, The Philadelphia Inquirer, 29 aprile 2009. URL consultato il 12 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2009).
  70. ^ Gottlieb, Jed, Bruce Springsteen raises Cain at sold-out Garden show, Boston Herald, 22 aprile 2009. URL consultato il 13 maggio 2011.
  71. ^ a b c Spillane, Sean, Springsteen concert good, not great, in Connecticut Post, 25 aprile 2009. URL consultato il 13 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2009).
  72. ^ a b c Si vedano su Backstreets.com, sito ufficiale dei fan di Bruce Springsteen, le liste delle canzoni delle prime due tappe e della terza tappa. Queste dimostrano il generale interesse per il materiale incluso in Born in the U.S.A. e negli album precedenti, con alcune canzoni di The Rising diventate dei pilastri. Le voci da "March 23 / Asbury Park, NJ / Convention Hall" a "April 7 / Tulsa, OK / BOK Center" descrivono il rapido abbandono del materiale di Working on a Dream dagli spettacoli all'inizio del tour. Riguardo alle apparizione delle canzoni dell'album nel corso del tour, Working on a Dream e Outlaw Pete furono le uniche ad essere presenti spesso nelle scalette, mancando alcune volte durante la terza tappa del tour. Kingdom Of Days fu regolarmente eseguita durante la prima tappa, sporadicamente durante la seconda ed infine scomparve alla terza. The Wrestler, canzone bonus dell'album, seguì un modello in qualche modo simile. Dopo la scomparsa nella prima tappa, My Lucky Day apparì per una serie di spettacoli in Europa prima di essere eseguita solo una volta nella seconda tappa americana. Surprise Surprise apparve una manciata di volte prima di essere abbandonata. This Life apparve una volta nella prima tappa ed un'altra nella seconda. Queen of the Supermarket fu eseguita una sola volta, per soddisfare una richiesta durante un concerto a Stoccolma. What Love Can Do fu suonata una sola volta, a Filadelfia durante la terza tappa. Good Eye non riapparve mai dopo il primo spettacolo. Life Itself, Tomorrow Never Knows e The Last Carnival non furono mai suonate in pubblico, anche se le prime due furono suonate durante le prove a porte chiuse - si veda Goldstein, Stan, Bruce Springsteen's Tuesday Asbury Park rehearsal show, Newark Star-Ledger, 25 marzo 2009. URL consultato il 13 maggio 2011.
  73. ^ a b c d Mervis, Scott, Bruce Springsteen and E Street Band break tradition by improvising set list, Pittsburgh Post-Gazette, 17 maggio 2009. URL consultato il 14 maggio 2011.
  74. ^ Preview of January/February 2009 album releases, Billboard/Reuters, 16 gennaio 2009. URL consultato il 13 maggio 2011.
  75. ^ a b c d Kloer, Phil, Springsteen rocks hard, The Atlanta Journal-Constitution, 28 aprile 2009. URL consultato il 14 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2011).
  76. ^ "Havin' a Blast" significa esplodere.
  77. ^ a b c d du Lac, J. Freedom, Nils Lofgren on Springsteen's Audibles, Audience Energy, Set List Criticism, TicketsNow and More, The Washington Post, 15 maggio 2009. URL consultato il 14 maggio 2011.
  78. ^ a b c Little Steven's State of the Tour, Backstreets.com, 27 maggio 2009. URL consultato il 14 maggio 2011.
  79. ^ a b c Gehman, Geoff, Concert Reviews: Bruce Springsteen, The Morning Call, 2 maggio 2009. URL consultato il 14 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2009).
  80. ^ a b c DeLuca, Dan, Review: Springsteen plays to his strengths, The Philadelphia Inquirer, 29 aprile 2009. URL consultato il 14 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2011).
  81. ^ Kot, Greg, Concert review: Bruce Springsteen at United Center, Chicago Tribune, 12 maggio 2009. URL consultato il 14 maggio 2009.
  82. ^ Eck, Michael, Bruce Springsteen @ Times Union Center 5/14/09, Times Union, 15 maggio 2009. URL consultato il 15 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2009).
  83. ^ Levin, Jordan, Review: Bruce Springsteen plays on into overtime, The Miami Herald, 14 settembre 2009. URL consultato il 15 maggio 2011.
  84. ^ Review: Springsteen & the E Street Band Give Fans Something to Remember @ MSG, Glide Magazine, 7 novembre 2009. URL consultato il 15 maggio 2011.
  85. ^ (EN) John Soeder, 'Born to Run' is reborn when Bruce Springsteen and the E Street Band rock The Q, The Plain Dealer, 11 novembre 2009. URL consultato il 15 maggio 2011.
  86. ^ a b c d Behe, Rege, Springsteen brings a rejuvenated E Street Band, su pittsburghlive.com, 13 maggio 2009. URL consultato il 17 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2011).
  87. ^ In effetti "Stump the Band" significa "mettere in difficoltà la band"
  88. ^ April 29 / Philadelphia, PA / Wachovia Spectrum, Backstreets.com, 30 aprile 2009. URL consultato il 17 maggio 2011.
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica