Wolfenstein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Wolfenstein (disambigua).
Wolfenstein
videogioco
Wolfenstein2009.png
Immagine di gioco
PiattaformaPlayStation 3, Microsoft Windows, Xbox 360
Data di pubblicazioneStati Uniti 18 agosto 2009
Australia 19 agosto 2009
Europa 21 agosto 2009
GenereSparatutto in prima persona
TemaHorror, Fantascienza, Seconda guerra mondiale
SviluppoRaven Software, id Software
PubblicazioneActivision
SerieWolfenstein
Modalità di giocoGiocatore singolo, Multiplayer
Periferiche di inputTastiera, mouse (Windows)
Sisaxis o Dual Shock 3 (PS3)
Controller (Xbox 360)
Motore graficoid Tech 4[1]
Motore fisicoHavok
SupportoDVD, Blu Ray
Requisiti di sistemaprocessore Pentium 4 3.2 GHz o AMD Athlon(TM) 64 3400+; 1GB RAM; NVIDIA Geforce 6800 256MB oppure Radeon X800; DirectX 9.0c; Scheda audio; 8GB di spazio su HD[2]
Fascia di etàPEGI: 18; ESRB: Mature +17
Preceduto daReturn to Castle Wolfenstein
Seguito daWolfenstein: The New Order

Wolfenstein è un gioco sparatutto in prima persona di genere fantascientifico-horror, sviluppato da Raven Software. Il gioco è stato annunciato nel 2004 da Todd Hollenshead nel corso di un'intervista trasmessa al canale satellitare statunitense TechTV;[3] è stato pubblicato per PlayStation 3, Xbox 360 e Microsoft Windows negli Stati Uniti il 18 agosto 2009, in Australia il 19 agosto e in Europa il 21 agosto.

Il motore grafico utilizzato è una versione pesantemente modificata dell'id Tech 4, precedentemente visto in Doom 3 e Quake 4: sono infatti stati aggiunti effetti per la profondità di campo, soft shadowing e l'aggiunta della fisica tramite l'implementazione del software Havok.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gli eventi di Wolfenstein si collocano successivamente a quelli di Return to Castle Wolfenstein. Il protagonista è, come in tutti i capitoli della serie, il pluridecorato agente speciale statunitense B.J. Blazkowicz, inviato questa volta nella fittizia città tedesca di Isenstadt per investigare sulla presenza di una misteriosa nuova arma in possesso dei nazisti. Le sue indagini lo porteranno a scoprire che i nazisti stanno tentando di imbrigliare il potere di una dimensione parallela, definita "Il Velo", per poter sviluppare una terrificante arma e concludere così il conflitto a loro vantaggio. Durante il gioco anche l'agente B.J. Blazkowicz sarà in grado di utilizzare il potere stesso del Velo contro i Nazisti, muovendosi tra le due differenti dimensioni a suo piacimento.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Rispetto ai capitoli precedenti, è stata aggiunta maggiore interattività al personaggio di Blazkowicz, che oltre a pronunciare delle battute di dialogo, ha la possibilità di interagire con altri personaggi, giocanti e no, per sbloccare missioni che permettono di proseguire nella trama principale del gioco. È inoltre possibile utilizzare il mercato nero per acquistare e migliorare l'arsenale di armi a disposizione.

Armi ed equipaggiamento[modifica | modifica wikitesto]

Sono disponibili nove armi, sei delle quali effettivamente utilizzate dall'esercito tedesco durante la Seconda guerra mondiale, come la Luger P08, il Kar98k e l'MP40; a queste si aggiungono tre armi fantascientifiche, di cui due apparse precedentemente in Return to Castle Wolfenstein: il Cannone a particelle, il Fucile Tesla e il Leichenfaust 44. Le armi possono essere migliorate o potenziate attraverso l'acquisto di modifiche specifiche: ad esempio è possibile aggiungere un mirino di precisione, un silenziatore oppure aumentare danno e quantità di munizioni caricabili.

Sono inoltre disponibili quattro cristalli magici, ciascuno con un proprio potere specifico: rallentamento del tempo, migliore difesa, aumento della potenza e visione migliorata. Questi poteri, anch'essi migliorabili, sono utilizzabili per un breve periodo di tempo, rappresentato da una barra posta a sinistra dello schermo e ricaricabile tramite delle "fonti di energia" sparse nei livelli.

Multiplayer[modifica | modifica wikitesto]

La componente multiplayer del gioco è stata sviluppata da Endrant Studios con l'engine di gioco id Tech 4. Il giocatore può scegliere fra tre classi (Soldato, Medico e Ingegnere), ognuna con armi e qualità specifiche disponibili fin dall'inizio, ma migliorabili solo attraverso il punteggio ottenuto nel gioco online. Sono disponibili otto diverse mappe di gioco.

Il gioco contiene tre modalità multiplayer:

  • "Team Deathmatch": la classica modalità di combattimento a squadre;
  • "Obiettivo": in cui bisogna trovare e difendere, o attaccare, determinati obiettivi;
  • "Stopwatch": in cui è necessario completare determinati obiettivi in un periodo di tempo prestabilito.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco ha ricevuto un punteggio di 7.3/10.0[4] su IGN, che ne ha criticato soprattutto l'impressione generale di "già visto" nella storia e nella grafica del motore di gioco.

GameSpot ha assegnato al gioco un punteggio di 7.5/10.0[5], giudicando la storia noiosa, i livelli privi di vere sfide e segnalando la presenza di alcuni bug minori. Per contro, ha lodato i combattimenti con i boss, l'ampio ammontare di violenza e la qualità delle armi disponibili ai fini dell'esperienza di gioco.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco contiene alcuni riferimenti ai precedenti capitoli della serie. Ad esempio, i gerarchi nazisti (vestiti di bianco in Wolfenstein 3D e qui in uniforme verde), gridano la frase Mein leben! (la mia vita) prima di accasciarsi colpiti a morte; inoltre ritorna il boss Hans Grosse. Altri riferimenti appaiono in una conversazione con uno dei due fratelli che gestiscono il mercato nero, che si domanda "quanto varrebbe oggi la Lancia di Longino", recuperata da Blazkowicz in The Spear of Destiny. Alcuni membri dell'associazione occulta Alba d'oro, dicono inoltre a Blazkowicz di essersi informati sul suo conto e sull'esito dell'Operazione Resurrection, al centro delle vicende di Return to Castle Wolfenstein.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è elencato il doppiaggio del videogioco.[6]

Personaggio Doppiatore
B.J. Blazkowicz Daniele Ornatelli
Direttore Lorenzo Scattorin
Jack Straw Fabio Ingrosso
Wilhelm 'deathshead' Strasse Lorenzo Scattorin
Caroline Becker Patrizia Scianca
Erik Engle Francesco Mei
Stefan Kriege Pietro Ubaldi
Anton Kriege Andrea Bolognini
Sergei Kovlov Ruggero Andreozzi
Hans Grosse Marco Balbi
Leonid Alexandrov Diego Sabre
Generale Zetta Gianni Gaude
Hans Schmidt Federico Zanandrea
Pavel Cherny Alessandro Zurla
Voci membri della resistenza Matteo Zanotti
Voci membri della resistenza Diego Sabre
Voci membri della resistenza Claudio Ridolfo
Voci soldati nazisti Alberto Olivero

Armi[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è elenacata la lista delle armi utilizzabili all'interno del gioco.

  • MP40: mitra.
  • MP43: fucile d'assalto.
  • KAR98: fucile di precisione.
  • Panzerschreck: lanciarazzi.
  • Flammenwerfer: lanciafiamme.
  • Cannone Particellare: arma che rilascia una potente onda di energia.
  • Fucile Tesla: arma che rilascia potenti scosse elettriche.
  • Leichenfaust 44: potentissima arma che spara sfere di energia.
  • Stielhandgranate: granata a frammentazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi