WireGuard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
WireGuard
software
Logo
GenereSicurezza informatica
SviluppatoreJason A. Donenfeld
Ultima versione1.0.20210219 (19 febbraio 2021)
Ultima beta0.0.20190123 (23/01/2019)
Sistema operativoMultipiattaforma
LinguaggioC
LicenzaGNU General Public License
(licenza libera)
Sito webwww.wireguard.com/

WireGuard è un programma open-source e un protocollo che implementa la tecnica della virtual private network (VPN) per creare connessioni sicure punto-punto in configurazione routed o bridged. Viene eseguito come modulo nel kernel linux e punta ad avere prestazioni migliori rispetto ad IPsec e OpenVPN.

Protocollo[modifica | modifica wikitesto]

WireGuard utilizza Curve25519 per lo scambio chiavi, ChaCha20 e Poly1305 per l'autenticazione e BLAKE2s per l'hashing[1]. Funziona al livello di rete sia per IPv4 che per IPv6 e può incapsulare IPv4 in IPv6 e viceversa. È stato scritto da Jason A. Donenfeld ed è pubblicato sotto la versione 2 della GPL.

Adozione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2018, WireGuard è stato adottato dagli operatori VPN commerciali svedesi Mullvad e AzireVPN. Ha ricevuto donazioni da Mullvad, Private Internet Access e NLnet Foundation.

Il 18 dicembre 2018 ProtonMail e ProtonVPN hanno esortato a continuare ricerca e sviluppo nella tecnologia WireGuard, mostrando l'intenzione di incrementare il sostegno finanziario.

Il senatore dell'Oregon Ron Wyden ha raccomandato al National Institute of Standards and Technology (NIST) di prendere in considerazione WireGuard quale sostituto delle tecnologie correnti come IPsec e OpenVPN.

Implementazioni[modifica | modifica wikitesto]

Fra le implementazioni del sistema WireGuard troviamo:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ WireGuard VPN - Il protocollo VPN del futuro?, su digitale.co. URL consultato il 17 settembre 2021.
  2. ^ (EN) Vlad Krasnov, BoringTun, a userspace WireGuard implementation in Rust, su Cloudflare Blog, 18 dicembre 2018. URL consultato il 29 marzo 2019.
  3. ^ CloudFlare Launches "BoringTun" As Rust-Written WireGuard User-Space Implementation, su phoronix.com. URL consultato il 29 marzo 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]