Willibald von Langermann und Erlencamp

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Willibald Freiherr von Langermann und Erlencamp
Bundesarchiv Bild 146-1981-101-24, Willibald Freiherr von Langermann und Erlenkamp.jpg
NascitaKarlsruhe, 29 marzo 1890
MorteStorozhevoye, 3 ottobre 1942 (52 anni)
Cause della mortemalaria
Dati militari
Paese servitoGermania Impero tedesco
Germania Repubblica di Weimar
Flag of Germany (1935–1945).svg Germania nazista
Forza armataKaiserstandarte.svg Deutsches Heer
War Ensign of Germany (1922–1933).svg Reichswehr
War Ensign of Germany (1938–1945).svg Wehrmacht
ArmaHeer
Anni di servizio1910-1942
GradoGeneral der Panzertruppe
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
CampagneCampagna di Francia
Operazione Barbarossa
BattaglieBattaglia di Mosca
Battaglia di Stalingrado
Comandante di4. Panzer-Division
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Barone Willibald Karl Rudolf von Langermann und Erlecamp (Karlsruhe, 29 marzo 1890Storozhevoye, 3 ottobre 1942) è stato un generale tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Karlsruhe da nobile famiglia dell'alta aristocrazia sveva, frequentò un collegio civile di Stoccarda, iscrivendosi successivamente all'università presso la facoltà di geologia che tuttavia lasciò dopo soli due anni per arruolarsi nel 1910 nell'esercito imperiale; con il grado di sottotenente del 5º Reggimento Dragoni partecipò alla prima guerra mondiale, raggiungendo il grado di capitano. Dopo l'armistizio rimase nella Reichswehr come ufficiale di stato maggiore, venendo nominato comandante del 4º reggimento di Cavalleria nel 1935 guadagnando, nel 1936, il grado di colonnello; nel 1938 fu nominato ispettore dei reparti di cavalleria e del trasporto.

Il 1º marzo 1940 fu promosso maggiore generale e fu posto al comando di una divisione di fanteria. Militare conservatore, non compromesso con il nazismo ma favorevole alla teoria di un ritorno all'antica grandezza della Germania Imperiale, von Langermann fu coinvolto dall'entusiasmo derivato dalle guerre di conquista e si distinse durante l'invasione della Francia come comandante delle truppe nella zona del canale tra la Marna ed il Reno. Nel settembre 1940 gli venne affidato il comando della 4ª divisione corazzata che guidò durante l'Operazione Barbarossa; nel 1942, fu promosso generale e, durante l'Operazione Blu gli venne affidato il compito di avanzare nel settore di Voronež alla guida delle due Panzer-Division del 24º Panzerkorps. Durante un'ispezione presso le truppe sul Don, fu colto da un attacco fortissimo di malaria, che lo stroncò in pochi giorni senza che avesse potuto ricevere adeguate cure mediche.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Era cugino della madre di Claus Schenk von Stauffenberg, uno dei componenti, ed esecutore materiale, del complotto del 20 luglio 1944 contro Hitler.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze tedesche[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine di Hohenzollern - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Hohenzollern
Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe
Croce di Ferro di I Classe (con fibbia 1939) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I Classe (con fibbia 1939)
Croce di Ferro di II Classe (con fibbia 1939) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II Classe (con fibbia 1939)
Croce di Cavaliere della Croce di Ferro con Fronde di Quercia - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Cavaliere della Croce di Ferro con Fronde di Quercia
Medaglia per lungo servizio militare di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per lungo servizio militare di I Classe

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232096097 · GND (DE1019470798 · BNF (FRcb169764147 (data) · WorldCat Identities (EN232096097