Willem de Sitter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Willem de Sitter

Willem de Sitter (Sneek, 6 maggio 1872Leida, 20 novembre 1934) è stato un matematico, fisico e astronomo olandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Frisia, de Sitter studiò matematica all'Università di Groningen, lavorando poi al laboratorio astronomico locale. Divenne professore all'Università di Leida nel 1908 e poi direttore dell'Osservatorio di Leida dal 1918 fino alla sua morte.

Studi[modifica | modifica wikitesto]

Notevoli e numerosi sono stati i contributi di de Sitter alla cosmologia. Nel 1932, insieme ad Albert Einstein, scrisse un articolo su dati cosmologici e curvatura dell'universo.

Notevoli gli studi sulla teoria della relatività generale e sulle applicazioni all'espansione dell'universo e alle sue origini. Introdusse un modello di universo, definito quindi Universo di de Sitter, sferico nello spazio-tempo avente una superficie limite a distanza finita.

Svolse importanti studi sulle orbite dei satelliti di Giove e diede contributi nello studio della velocità della luce. De Sitter mostrò che la velocità della luce proveniente da due stelle, di cui una in allontanamento ed una in avvicinamento al punto di osservazione, rimane costante (Paradosso di De Sitter) evidenziando che la velocità della luce è una costante universale e non dipende dal moto della sorgente emettente. Lo studio avvenne con l'osservazione di un sistema stellare binario nel quale la velocità di propagazione della luce rimane invariato.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

In suo onore sono stati nominati:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN190428276 · ISNI: (EN0000 0001 1759 6136 · LCCN: (ENn88100039 · GND: (DE118935569 · BNF: (FRcb12370674m (data)