Willem Hondius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autoritratto da Antoon van Dyck

Willem Hondius, o Guilhelmus Hondius (L'Aia, 1598 circa – Danzica, 1658 circa), è stato un incisore, editore e cartografo olandese che visse a lungo in Polonia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mappa generale dell'Ucraina
Ritratto di Hendrik Lonck

Figlio di Hendrik, operò nella sua città natale dal 1629, anno in cui entrò a fa parte della locale Corporazione di San Luca, al 1636[1]. Nel 1632 sposò all'Aia Cornelia van den Enden, figlia di Martin van den Enden[1]. Nel 1634 divenne decano della locale chiesa riformata[1]. Nel 1636 si trasferì a Danzica[1][2], lavorando anche con suo padre all'Aia[1]. Nel 1646 si sposò per la seconda volta con la figlia dell'orefice Andreas Mackensen proveniente da Cracovia[1].

Produsse soprattutto mappe[1] geografiche, storiche e militari sia nei Paesi Bassi che in Polonia, eseguì anche incisioni di ritratti, illustrazioni e frontespizi per libri, come ad esempio per Spiegel van den ouden en nieuwen tijd di Jacob Cats[2]. 31 suoi disegni sono conservati presso il Museo di Danzica, tra cui ritratti a penna e disegni ad inchiostro rappresentanti scene popolari[2]. Fu uno dei più apprezzati incisori del periodo: Antoon van Dyck si servì di lui per riprodurre in stampa i suoi dipinti[3].

Furono suoi allievi David Loggan, Steven de Praet e Jakob von Sandrart[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN22954136 · GND: (DE119559811 · ULAN: (EN500008042 · CERL: cnp00406763