Will You Be There

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Will You Be There
Michael Jackson Will You Be There.jpg
Screenshot del video del brano
Artista Michael Jackson
Tipo album Singolo
Pubblicazione 28 giugno 1993
Durata 3 min : 40 s
(Radio/Single Edit)
7 min : 40 s
(Album Version)
Album di provenienza Dangerous
Dischi 1
Genere Gospel
Ballata
Etichetta Epic Records
Produttore Michael Jackson
Formati CD
Michael Jackson - cronologia
Singolo precedente
(1993)
Singolo successivo
(1993)

Will You Be There è una canzone di Michael Jackson che fu pubblicata come singolo nel 1993. Venne estratto come ottavo singolo dall'album Dangerous pubblicato nel 1991. La canzone è la colonna sonora del film Free Willy - Un amico da salvare.

La canzone è una delle canzoni di maggior successo dell'album Dangerous, rimanendo nella top 40 per più di sei settimane nel Regno Unito. Ha avuto anche molto successo negli USA, dove ha ricevuto il disco d'oro per aver venduto più di 500.000 copie rimanendo della top 10 per 6 settimane alla posizione numero 7.[1] In Europa, il singolo si piazzò alla numero uno nella MTV Eurochart. Il singolo ha venduto 1 milione e 200.000 copie in tutto il mondo.[2] Il brano è stato successivamente inserito, come lato B del singolo "Heal The World", nel cofanetto in edizione limitata Visionary: The Video Singles, del 2006.

La canzone[modifica | modifica sorgente]

La canzone comincia con un pezzo della Sinfonia numero 9 di Beethoven eseguita dalla Cleveland Orchestra.

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Classifica (1993) Posizione
massima
Australia 58
Austria 10
Canada 3
Norvegia 3
Europa 3
Francia 29
Germania 12
Irlanda 3
Nuova Zelanda 2
Svizzera[3] 11
Regno Unito 8
Stati Uniti 7
Stati Uniti (R&B) 53
Stati Uniti (Adult) 5

Video[modifica | modifica sorgente]

Nel video si vedono delle scene del film Free Willy - Un amico da salvare, altre tratte dal Dangerous World Tour ed altre ancora tratte dall'esibizione di Jackson al 10º compleanno di MTV nel 1991.

Premi[modifica | modifica sorgente]

"Will You Be There" ha vinto gli MTV Movie Award per la "Miglior Colonna Sonora". È stata successivamente inclusa nell'album All Time Greatest Movie Songs, pubblicato dalla Sony nel 1999.

Tracce del singolo[modifica | modifica sorgente]

versioni vinile 7" ed audiocassetta[modifica | modifica sorgente]

  1. Will You Be There (Radio Edit) – 3:40
  2. Will You Be There (Instrumental) – 3:40

Durata totale: 7:20

versione CD[modifica | modifica sorgente]

  1. Will You Be There (Radio Edit) – 3:40
  2. Girlfriend – 3:04

Durata totale: 6:44

versioni CD Maxi e vinile 12"[modifica | modifica sorgente]

  1. Will You Be There (Radio Edit) – 3:40
  2. Man in the Mirror – 5:15
  3. Girlfriend – 3:04
  4. Will You Be There (Album Version) – 7:40

Durata totale: 19:39

Versioni Ufficiali[modifica | modifica sorgente]

Le accuse di plagio[modifica | modifica sorgente]

Nel 1992 Albano Carrisi denuncia Michael Jackson poiché la canzone Will You Be There sarebbe una copia di I cigni di Balaka.

A seguito di ciò, l'album Dangerous (che conteneva la canzone) venne sequestrato in tutta Italia dalla pretura civile di Roma, con un'ordinanza del 21 dicembre del 1994 revocata in seguito dalla prima sezione del Tribunale[5]; dopo aver espresso la sua disponibilità ad essere interrogato in merito in Italia[6], Jackson nel 1997 si presentò al processo in corso a Roma[7], nell'aula numero cinque della Pretura di piazzale Clodio, rispondendo alle domande delle due parti.

I periti stabilirono che le due canzoni avevano 37 note di seguito identiche nel ritornello, e quindi il plagio sussisteva; Jackson venne condannato a pagare quattro milioni di lire di multa[8], ma non venne esaudita la richiesta di Carrisi di ricevere come indennizzo per i danni subiti cinque miliardi di lire.

Una sentenza successiva della Corte di appello civile di Milano stabilì infine che entrambi i cantanti si erano ispirati alla canzone del 1939, sprovvista di copyright, "Bless You For Being An Angel" degli Ink Spots. Questo gruppo, in voga negli anni '30, si era a sua volta ispirato ad una musica tradizionale dei Nativi Americani[9], circostanza che Albano ha sempre smentito. La Corte di appello civile di Milano stabilì inoltre che Albano dovesse pagare le spese processuali.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ HIStory: 1990's in Official Michael Jackson site. URL consultato il 6 gennaio 2007.
  2. ^ Chart Action Wanted in MJJ Charts. URL consultato il 6 gennaio 2007.
  3. ^ Swiss Singles Chart Archives, hitparade.ch. URL consultato il 18 luglio 2009.
  4. ^ THE JACKSONFAMILY-DATABASE - Michael Jackson
  5. ^ Carlo Moretti, Albano-Jackson, il giudice: nessuna prova del plagio, da La Repubblica del 20 marzo 1997, pag. 43
  6. ^ Elsa Vinci, Albano: grazie Jackson, da La Repubblica del 21 giugno 1996, pag. 40
  7. ^ Paolo Boccacci ed Elsa Vinci, L'imputato Jackson un giorno in pretura, da La Repubblica del 5 febbraio 1997, pag. 9
  8. ^ Elsa Vinci, Sì, Jackson ha copiato, la Repubblica, 12 maggio 1999
  9. ^ Albano e Michael Jackson colpevoli entrambi copiarono vecchi blues, da La Repubblica del 5 novembre, pag. 48