Will Bratt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Will Bratt
Will bratt silverstone2013.JPG
Nome William Bratt
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria Euroseries 3000, GP2 Asia Series
 

William "Will" Bratt (Banbury, 13 aprile 1988) è un pilota automobilistico britannico.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

T Cars[modifica | modifica wikitesto]

Dopo tre stagioni in Super 1 karting, Bratt passa alle T Cars campionato riservato per giovani piloti, nel 2003. Finì quarto nella stagione di esordio, vincendo in una gara a Snetterton.[1] Vinse la stagione 2004 finendo sempre a podio in 18 gare, conquistando 15 gare, con 58 punti di vantaggio sul secondo, Ruth Senior.

Formula Renault[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la T Cars, Bratt disputa nel 2004 la Formula Renault UK Winter Series, con la Scorpio Motorsport. Termina undicesimo nel campionato, uscendo per un solo punto dai primi dieci della classifica finale. L'anno seguente partecipa alla serie principale del campionato. Termina quindicesimo nella classifica finale, e secondo nella Graduate Cup riservata ai rookie. Sempre con la Scorpio paretcipa alla Winter Series, terminando nono con 54 punti.

Nel 2006 resta nella categoria in cui vince una gara sul Circuito di Oulton Park. Finisce a podio anche a Donington Park conquistando così l'ottavo posto finale. Nel 2007 Bratt diviene uno dei pretendenti al titolo nella categoria vista ormai la sua esperienza: vince due volte a Croft, a Oulton Park e sul Circuito di Brands Hatch, ma lo strapotere delle vetture del team Fortec lo fa chiudere in classifica solo terzo, con 32 punti di margine sul quarto, Adam Christodoulou. Questi risultati lo fanno entrare nel programma "Rising Star" del British Racing Drivers' Club.[2]

Al termine della stagione Bratt corre nell'Autumn Trophy della Formula Palmer Audi, terminando secondo ma senza vittorie in gara. Nel 2008 corre ancora in F.Renault, rimpiazzando Sho Hanawa nella gara svolta a Silverstone.

Formula 3[modifica | modifica wikitesto]

Bratt emigra in Spagna per gareggiare nella F3 col team di Emilio de Villota.[3] Dopo un buon debutto nelle gare di Jarama, Bratt ottiene pole e primo podio a Spa. Dopo un periodo di appannamento, Bratt finisce bene la stagione con alcuni podi nelle gare finali a Barcellona e Jerez, chiudendo quinto in classifica generale.

Euroseries 3000[modifica | modifica wikitesto]

Sempre con de Villota, passa nel 2009 all'Euroseries 3000.[4] L'inglese si aggiudica il campionato con 71 punti e quattro vittorie, così come Marco Bonanomi. Il britannico prevale per un maggior numero di secondi posti, 3 contro 2.[5]

GP2 Series[modifica | modifica wikitesto]

Come premio per la vittoria nel campionato, Bratt ottiene un volante nella GP2 Asia Series del 2009-2010 grazie all'appoggio della Coloni Motorsport.

Formula 2[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 Bratt parteciperà al campionato di Formula 2.[6]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Sommario[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Serie Team Gare Vittorie Pole GPV Podi Pt. Pos.
2003 T Cars 20 1 0  ? 6 308
2004 T Cars 18 14 16  ? 18 350
Formula Renault Britannica Scorpio Motorsport 4 0 0 0 0 40 11°
2005 Formula Renault Britannica Scorpio Motorsport 20 0 0 0 0 95 15°
Formula Renault Britannica Winter Series 4 0 0  ? 0 54
2006 Formula Renault Britannica Apotex Scorpio Motorsport 20 1 0 0 2 263
2007 Formula Renault Britannica Apotex Scorpio Motorsport 20 4 2 1 7 416
Formula Palmer Audi Winter Trophy 6 0 2 1 3 97
2008 F3 spagnola EmiliodeVillota.com Motorsport 17 0 1 2 5 67
Formula Renault Britannica Apotex Scorpio Motorsport 2 0 0 0 0 14 23°
2009 Euroseries 3000 EmiliodeVillota.com Motorsport 13 4 2 3 9 71
2009–10 GP2 Asia Series Scuderia Coloni 8 0 0 0 0 0 25°

GP2 Asia[modifica | modifica wikitesto]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Gare in corsivo indicano Gpv)

Stagione Team 1 2 3 4 5 6 7 8 Cl. Punti
2009-2010 Scuderia Coloni ABU1
FEA

12
ABU1
SPR

Rit
ABU2
FEA

11
ABU2
SPR

21
BHR1
FEA

16
BHR1
SPR

Rit
BHR2
FEA

15
BHR2
SPR

16
25° 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Snetterton - 4/5 October 2003, in jamesjakes.com, James Jakes, 4 ottobre 2003. URL consultato il 13 ottobre 2009.
  2. ^ Single-seater ace Bratt named BRDC Rising Star, in willbratt.com, Will Bratt, 14 settembre 2009. URL consultato il 13 ottobre 2009.
  3. ^ Bratt set for race debut, in crash.net, Crash Media Group, 28 aprile 2008. URL consultato il 13 ottobre 2009.
  4. ^ Bratt confirms step-up to Euroseries 3000 for 2009 season, in willbratt.com, Will Bratt, 24 aprile 2009. URL consultato il 13 ottobre 2009 (archiviato il 22 giugno 2009).
  5. ^ BRATT È CAMPIONE, LA STAGIONE IN GP2 ASIA È SUA BONANOMI CI PROVA FINO ALLA FINE E VINCE GARA 2, euroseries3000.com, 18 ottobre 2009. URL consultato il 19 ottobre 2009.
  6. ^ Will Bratt passa in Formula 2, in italiaracing.net, InPagina, 15 marzo 2010. URL consultato il 22 marzo 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie