Wentworth (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wentworth
Titolo originaleWentworth
PaeseAustralia
Anno2013 – in produzione
Formatoserie TV
Generedrammatico
Stagioni5
Episodi58
Durata43 min
Lingua originaleinglese
Crediti
IdeatoreLara Radulovich, David Hannam, Reg Watson
Interpreti e personaggi
MusicheRichard Pleasance
ProduttoreAmanda Crittenden
Produttore esecutivoJo Porter
Casa di produzioneFremantleMedia Australia
Prima visione
Dal1º maggio 2013
Alin corso
Rete televisivaSoHo (st. 1-4)
Showcase (st. 5-in corso)

Wentworth è una serie televisiva australiana di genere drammatico. L'episodio pilota è andato in onda su SoHo il 1 Maggio 2013. Lara Radulovich e David Hannam svilupparono Wentworth dall'idea originale di Reg Watson, creatore della serie Prisoner, andata in onda dal 1979 al 1986. La serie inizia con i primi giorni da detenuta di Bea Smith (Danielle Cormack).

Wentworth viene girata su un set creato appositamente nella periferia di Melbourne, precisamente a Clayton, Victoria. Ha ricevuto critiche prevalentemente positive dagli addetti ai lavori e il primo episodio è stato l'episodio pilota più visto nella storia della Foxtel.[1] La serie è stata esportata in diversi Paesi, tra cui Regno Unito e Nuova Zelanda, dove è stata rinominata Wentworth Prison.

La terza stagione è iniziata il 7 aprile 2015, con una quarta già commissionata dal 26 febbraio dello stesso anno e messa in onda a partire dal 10 maggio 2016. Il 19 luglio 2016 la serie viene ufficialmente rinnovata per una quinta stagione. La sesta stagione è stata commissionata da Foxtel il 9 maggio 2017, e sarà presentata in anteprima il 19 giugno 2018 in Australia. E' già stato annunciato che ci sarà anche la settima stagione che andrà in onda nel 2019.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Wentworth è ambientata in Australia ed è incentrata sul personaggio di Bea Smith (Danielle Cormack) che viene rinchiusa in carcere con l'accusa di tentato omicidio ai danni del marito. Bea viene separata dalla figlia e portata a Wentworth in custodia cautelare, dove vive in una sorta di limbo in attesa di essere processata. Bea è quindi costretta a comprendere le regole secondo le quali funziona la prigione.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

  • Bea Smith (stagione 1-4), interpretata da Danielle Cormack.
  • Franky Doyle (stagione 1-in corso), interpretata da Nicole da Silva.
  • Vera Bennett (stagione 1-in corso), interpretata da Kate Atkinson.
  • Liz Birdsworth (stagione 1-in corso), interpretata da Celia Ireland.
  • Doreen Anderson (stagione 1-5), interpretata da Shareena Clanton.
  • Will Jackson (stagione 1-in corso), interpretato da Robbie Magasiva.
  • Sue "Boomer" Jenkins (ricorrente st. 1, principale st. 2-in corso), interpretata da Katrina Milosevic.
  • Matthew Fletcher (stagioni 1-3), interpretato da Aaron Jeffery.
  • Joan Ferguson (stagioni 2-in corso), interpretata da Pamela Rabe.
  • Jacs Holt (stagione 1), interpretato da Kris McQuade.
  • Erica Davidson (stagione 1), interpretata da Leeanna Walsman.
  • Meg Jackson (stagione 1), interpretata da Catherine McClements.
  • Maxine Conway (ricorrente st. 2-3, principale st. 4-5), interpretata da Socratis Otto.
  • Karen 'Kaz' Proctor (ricorrente st. 3, principale st. 4-in corso), interpretata da Tammy Macintosh.
  • Allie Novak (stagione 4-in corso), interpretata da Kate Jenkinson.
  • Jake Stewart (stagione 4-in corso), interpretato da Bernard Curry.

Personaggi secondari[modifica | modifica wikitesto]

  • Kim Chang (stagione 1-in corso), interpretato da Ra Chapman.
  • Linda Miles (stagione 1-in corso), interpretata da Jacqueline Brennan.
  • Derek Channing (stagione 1-in corso), interpretato da Martin Sacks.
  • Nash Taylor (stagione 2-in corso), interpretato da Luke McKenzie.
  • Rose Atkins (stagioni 2-3), interpretata da Maggie Naouri.
  • Bridget Westfall (stagione 3-in corso), interpretata da Libby Tanner.
  • Jodie Spiteri (stagione 3), interpretata da Pia Miranda.
  • Sophie Donaldson (stagioni 2-3), interpretata da Edwina Samuels.
  • Lucy "Juice" Gambaro (stagione 3-in corso), interpretata da Sally-Anne Upton.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

A Marzo del 2012 è stato annunciato che la Foxtel avesse commissionato una rivisitazione della serie australiana degli anni '80 Prisoner. Brian Walsh, il direttore esecutivo Foxtel, affermò che Wentworth non sarebbe stato un remake di Prisoner, che fu trasmesso da Network Ten dal 1979 al 1986. Lara Radulovich e David Hannam hanno sviluppato Wentworth dall'idea originale di Reg Watson, creatore di Prisoner. FremantleMedia ed il direttore Jo Porter avrebbero prodotto Wentworth. Il primo episodio, e diversi altri, sono scritti da Pete McTighe. Il critico televisivo Michael Idato venne scelto come consulente televisivo e Kerry Tucker come consulente sull'autenticità.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la trasmissione dell'episodio pilota per i media nel febbraio 2013, Ben Pobjie di The Age disse che Wentworth fosse "un trionfio"[2] Ne elogiò inoltre la scrittura ed il cast. Holly Byrnes, da Herald Sun, la paragonò addirittura alle pluripremiate serie statunitensi Breaking Bad e Sons of Anarchy. Byrnes elogiò anche la recitazione degli attori, in particolare quella della Cormack.[3]

Il primo episodio di Wentworth venne visto da 244000 spettatori, facendolo diventare l'esordio di una serie televisiva più visto nella storia della Foxtel.

Remake[modifica | modifica wikitesto]

  • In Germania un remake della serie è in pre-produzione.
  • Celblok H, remake olandese della serie, va in onda dal 3 marzo 2014. Una terza stagione è in produzione nel 2015.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gritty New Drama Series ‘Wentworth Prison’ set to captivate audiences on TV3, su tv3.ie, 20 giugno 2014. URL consultato il 10 luglio 2015.
  2. ^ Ben Pobjie, Back on the inside: Prisoner reboot a no-holds-barred triumph, in The Age, Fairfax Media, 28 febbraio 2013. URL consultato il 1º marzo 2013.
  3. ^ Holly Byrnes, Foxtel's Prisoner remake Wentworth makes Underbelly look tame, in Herald Sun, The Herald and Weekly Times, 28 febbraio 2013. URL consultato il 22 marzo 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]