Wendy Darling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wendy Darling
Wendy Darling.PNG
Wendy, mentre racconta una storia ai bambini perduti, rappresentata da Oliver Herford, "The Peter Pan Alphabet", Charles Scribner's Sons, New York, 1907.
UniversoPeter Pan
Nome orig.Wendy Darling
Lingua orig.Inglese
AutoreJames Matthew Barrie
SpecieUmana
SessoFemmina
EtniaBritannica

Wendy Darling è la protagonista del romanzo Peter e Wendy di James Matthew Barrie.

Personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Wendy nella versione disneyana

Wendy Darling è una ragazzina tra i 12 e i 13 anni.
È la primogenita figlia dei signori Mary e George Darling; e sorella di John e Michael e fidanzata di Peter Pan
Vive a Londra con la sua famiglia e con il cane “babysitter” Nana.
Viene descritta come una bambina dolce, ordinata, precisa e molto matura per la sua età.
Sappiamo poco del suo aspetto fisico anche se, solitamente, nelle illustrazioni di alcune edizioni del libro la vediamo come una bambina dai capelli tra il biondo e il castano e gli occhi azzurri o verdi (tale descrizione combacia con quella del film Disney).
Ogni sera racconta ai suoi fratelli delle fantastiche storie che, di nascosto, vengono ascoltate da Peter Pan.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Una notte, quando i signori Darling sono usciti per recarsi a cena, Peter entra nella camera dei bambini accompagnato dalla fatina Trilli Campanellino (TinkerBell) per trovare l'ombra perduta la sera precedente poiché presa da Nana. Tuttavia i tre ragazzi si svegliano accorgendosi della loro presenza e Wendy ricuce l'ombra a Peter che, per ringraziarla, decide di portarla con sé all'Isola che non c'è (Neverland), in modo che faccia da madre a lui e ai Bambini Smarriti (Lost Boys). Così Peter, Trilly e i tre fratelli Darling raggiungono il luogo incantato ma vengono avvistati dai pirati capitanati dal perfido Capitan Uncino (Captain Hook), acerrimo nemico di Peter. Wendy è vittima della gelosia di Trilli che, approfittandosi di un attimo di smarrimento, per poco non la uccide sfruttando gli ingenui Bambini Smarriti ma che fortunatamente viene salvata da Peter, infuriato con la fata. Sull'isola Wendy e i suoi fratellini vivono incredibili avventure in compagnia di Peter Pan e dei Bambini Smarriti compreso lo scontro con i pirati nella Laguna delle Sirene (Mermaids Lagoon) e il salvataggio della principessa Giglio Tigrato (Princess Tiger Lily), figlia del Gran Capo Indiano (Indian Chief). Ma dopo un po' di tempo Wendy inizia a stancarsi della vita sull'Isola che non c'è e della superficialità di Peter decidendo, così, di tornare a casa con i fratelli poiché preoccupata per i genitori. Ma, scovato il nascondiglio di Peter, Uncino rapisce i ragazzi e tenta di avvelenare Peter, salvato tempestivamente da Trilli. Peter Pan raggiunge il veliero dei pirati, sconfigge definitivamente Uncino e la sua ciurma e riesce a salvare Wendy e gli altri. La ragazza è riconoscente a Peter ma è ugualmente decisa a tornare a Londra dai suoi cari. Finalmente Wendy, John e Michael si riuniscono ai genitori che adottano anche i Bambini Smarriti. Wendy vorrebbe rimanesse con loro anche Peter ma il ragazzo le promette che sarebbe venuto a prenderla ogni anno per le pulizie di primavera, grazie al consenso della signora Darling. Così Peter torna sull'isola e Wendy spera che egli non si dimentichi di lei nel frattempo.

Finale[1][modifica | modifica wikitesto]

L'opera di Barrie si conclude con l'epilogo "When Wendy Grew Up - An Afterthought" ovvero "Quando Wendy crebbe - Un ripensamento" poiché spinto dal produttore Charles Frohman dato il successo della storia. In questa parte Peter Pan torna a trovare Wendy ma la trova adulta e madre di una bambina di nome Jane. Peter allora decide di "sostituire" Wendy con la figlia Jane per portarla con sé sull'isola e per avere qualcuno che si occupi di lui; lo stesso avverrà alla figlia di Jane, quindi nipote di Wendy, Margaret e così via, questo renderà felice Wendy poiché almeno qualcuno continuerà ad occuparsi di Peter. Inoltre in questo epilogo è scritto che, così come Wendy, anche i fratelli di quest'ultima e i Bambini Smarriti sono diventati grandi e hanno fatto carriera.

Il nome Wendy[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Wendy.
Margaret Henley. La sua amicizia con J. M. Barrie, che chiamò "fwendy" (invece di "friendy"), fu di ispirazione per la creazione del personaggio di Wendy Darling.

Il nome Wendy non era quasi per nulla utilizzato nei paesi anglosassoni prima dell'opera di J. M. Barrie e la sua grande popolarità successiva ha spinto diverse persone ad accreditare l'"invenzione" di questo nome allo scrittore. Tuttavia il nome Wendy veniva usato in maniera molto limitata come diminutivo nel nome gallese Gwendolyn. Nel suo caso Barrie lo trasse da un soprannome datogli dalla sua amica d'infanzia Margaret Henley (la figlia di William Henley che morì a cinque anni, nel 1894): Margaret lo chiamò "my friendly" ("il mio amichevole)" ma, non essendo in grado di pronunciare bene la R, le uscì "fwendy"[2][3][4]. Barrie deciderà di chiamare la nipote di Wendy come questa sua amica, Margaret.

Anche se fu certamente l'opera di Barrie a dare ampia diffusione al nome, esso era utilizzato occasionalmente già prima[2][3]; è rilevato negli Stati Uniti sin dagli inizi del XIX secolo dove Wendy Gram, una bimba dell'Ohio, venne registrata con questo nome nel 1828, ed il nome Wendy appare nel censimento U.S. Census del 1880[3]. Nel Regno Unito, Wendy appare come nome di ragazzo nel censimento del 1881[3]: in questi casi è probabilmente riconducibile al nome di origine gaelica Guendalina, o ad altri contenenti l'elemento gwen, "bianco", "puro"[2][3][4]. Per quanto riguarda la sua diffusione, nelle liste dei più usati nomi per i neonati del Social Security Administration statunitense, Wendy appare nel 1936, e dal 1965 al 1976 entra nella lista dei quaranta nomi femminili più popolari[5]. Va notato che diversi imperatori cinesi hanno avuto il nome di Imperatore Wen, che in cinese si legge Wen(-)di (文帝)[3].

Gli interpreti del personaggio (teatro, cinema, televisione)[modifica | modifica wikitesto]


Anno Attrice Opera
1904 Hilda Trevelyan Peter Pan, spettacolo teatrale di James Matthew Barrie. Duke of York Theatre, Londra (UK). Produzione originaria.
1905 Mildred Morris Peter Pan, spettacolo teatrale di James Matthew Barrie. Empire Theatre, Broadway, New York (USA). Produzione originaria americana.
1924 Mary Brian Peter Pan, film muto (USA), regia di Herbert Brenon.
1924 Dorothy Hope Peter Pan, spettacolo teatrale di James Matthew Barrie. Knickerbocker Theatre, Broadway, New York (USA). Revival.
1928 Josephine Hutchinson Peter Pan, spettacolo teatrale di James Matthew Barrie. Civic Repertory Theatre, Broadway, New York (USA). Revival.
1950 Marcia Henderson Peter Pan, musical di Leonard Bernstein, basato sull'opera teatrale di James Matthew Barrie. Imperial Theatre, Broadway, New York (USA). Produzione originaria.
1951 Kathryn Beaumont The Walt Disney Christmas Show, film TV (USA), regia di Robert Florey.
1953 Kathryn Beaumont (voce) Le avventure di Peter Pan (Peter Pan), film d'animazione (USA), prodotto dalla Disney.
1954 Kathleen Nolan / Sally Brophy (adulta) Peter Pan, musical di Mark "Moose" Charlap basato sull'opera teatrale di James Matthew Barrie, regia di Jerome Robbins. Winter Garden Theatre, Broadway, New York (USA). Produzione originaria.
1955 Kathleen Nolan Peter Pan, film TV (USA), regia di Clark Jones. Ripresa televisiva del musical di Mark "Moose" Charlap.
1960 Maureen Bailey Peter Pan, film TV (USA), regia di Vincent J. Donehue.
1962 Helga Anders Peter Pan, film TV (Germania Ovest), regia di Paul Verhoeven.
1976 Briony McRoberts / Jill Gascoine (adulta) Peter Pan, film musicale TV (USA), regia di Dwight Hemion.
1979 Marsha Kramer / Neva Rae Powers (adulta) Peter Pan, musical di Mark "Moose" Charlap, regia di Rob Iscove. Lunt-Fontanne Theatre, Broadway, New York (USA). Revival.
1987 Elena Popkova Piter Pen, film TV (URSS), regia di Leonid Nechaev.
1988 Olivia Martin (voce) Peter Pan, film d'animazione (Australia)
1989 Naoko Matsui (voce) The Adventures of Peter Pan, serie d'animazione TV (Giappone)
1990 Christina Lange (voce) Peter Pan and the Pirates, serie d'animazione TV (USA), regia di John Wilson.
1990 Cindy Robinson / Lauren Thompson (adulta) Peter Pan, musical di Mark "Moose" Charlap, regia di Fran Soeder. Lunt-Fontanne Theatre, Broadway, New York (USA). Revival.
1991 Gwyneth Paltrow / Maggie Smith (adulta) Hook - Capitan Uncino (Hook), film (USA), regia di Steven Spielberg
1998 Elisa Sagardia / Barbara McCulloh (adulta) Peter Pan, musical di Mark "Moose" Charlap, regia di Glenn Casale. Marquis Theatre, Broadway, New York (USA). Revival.
2000 Elisa Sagardia Peter Pan, film TV (USA), regia di Glenn Casale e Gary Halvorson.
2002 Harriet Owen / Kath Soucie (adulta) Peter Pan - Ritorno all'isola che non c'è (Return to Never Land), film d'animazione, prodotto dalla Disney - Wendy qui è adulta, sposata, madre di due bambini ed ha un ruolo marginale poiché la protagonista è sua figlia Jane.
2003 Melany Bell Neverland, film (USA), regia di Damion Dietz
2003 Rachel Hurd-Wood Peter Pan, film (USA), regia di P.J. Hogan
2004 Kate Maberly Neverland - Un sogno per la vita (Finding Neverland), film (USA-UK), regia di Marc Forster
2008 America Young (voce) Trilli, film d'animazione TV (USA), regia di Bradley Raymond.
2015 Leni Zieglmeier Pan - Viaggio sull'isola che non c'è (Pan), film (USA), regia di Joe Wright

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • James M.Barrie, Le avventure di Peter Pan (ed.integrale), Newton Compton Editori, 2015, ISBN 978-88-541-7464-1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ J.M Barrie, When Wendy Grew Up - An Aftertought, Nelson, 1957.
  2. ^ a b c (EN) Wendy, su Behind the Name. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  3. ^ a b c d e f (EN) Was the name Wendy invented for the book "Peter Pan"?, su The Straight Dope. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  4. ^ a b (EN) The History of the Name "Wendy", su The Wendy Channel. URL consultato l'8 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2009).
  5. ^ (EN) Wendy, su Online Etymology Dictionary. URL consultato l'8 gennaio 2015.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura