Wend Kuuni - Il dono di Dio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wend Kuuni - Il dono di Dio
Titolo originale Wend Kuuni
Lingua originale Moré
Paese di produzione Burkina Faso
Anno 1982
Durata 75 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Gaston Kaboré
Sceneggiatura Gaston Kaboré
Casa di produzione Direction du Cinema de Haute Volta
Fotografia Issaka Thiombiano, Sékou Ouedraogo
Montaggio Andrée Davanture, S: Boubakar Koné
Musiche René B. Guirma
Interpreti e personaggi
  • Rosine Yanogo: (Pughneere)
  • Serge Yanogo: (Wend Kuuni)
  • Joseph Nikiema: (Tinga)
  • Collette Kaboré: (Lalé)
  • Simone Tapsoba: (Koudbila)
Premi
Premio César per il miglior film in lingua francese 1985.

Wend Kuuni - Il dono di Dio è un film burkinabé del 1982. Oltre ad aver vinto nel 1985 il premio César per il miglior film francofono, Issaka Thiombiano e Sékou Ouedraogo sono stati premiati, nel 1983, al Fespaco con la Golden camera per la fotografia e Rosine Yanogo con il premio per la miglior attrice.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Wend kuuni, il dono di Dio è la storia di un ragazzo, figlio di una donna rimasta vedova, e diventato muto per il trauma subito alla morte della madre, accusata di stregoneria. Raccolto da un passante, il bambino viene adottato da una nuova famiglia nel nome di una solidarietà spontanea che riconosce in lui “il dono di Dio”. Nasce una grande complicità con la sorellina adottiva fino al momento in cui una nuova violenta emozione farà ritornare al protagonista la parola.

Film[modifica | modifica wikitesto]

Gaston Kaboré cerca di imprimere un ritmo misurato e inusuale ad una narrazione mitica e fiabesca, raccontando la storia di un ragazzo adottato da una famiglia rurale. Nel cercare il proprio linguaggio cinematografico, Kaboré usa questo semplice racconto per dimostrare che i valori tradizionali del popolo Mossi possono ancora fornire risposte ai molti problemi che affliggono alcuni paesi africani a confronto con la modernità.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]