Wau (Sudan del Sud)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wau
città
Wau – Veduta
Localizzazione
StatoSudan del Sud Sudan del Sud
StatoWau
Territorio
Coordinate7°42′N 27°59′E / 7.7°N 27.983333°E7.7; 27.983333 (Wau)Coordinate: 7°42′N 27°59′E / 7.7°N 27.983333°E7.7; 27.983333 (Wau)
Altitudine438 m s.l.m.
Abitanti136 932 (2009)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Sudan del Sud
Wau
Wau

Wau (in arabo: واو, Wou; anche Wow o Waw) è una città del Sudan del Sud, situata sulla riva ovest del fiume Jur. È la seconda città del Paese per numero di abitanti; dal 2015 è la capitale dello stato di Wau, mentre, sino ad allora, è stata la capitale dello stato del Bahr al-Ghazal Occidentale.

Mercato del Bestiame

La città[modifica | modifica wikitesto]

Wau è un centro misto di culture, lingue e di etnie. La sua popolazione è di origine sia fertit che dinca, luo e araba.

È situata nella parte centro occidentale della regione e vi ci si trova la Bahr el Ghazal University e numerose scuole secondarie.

Una descrizione della città è data da Burr e Collins.

«Nessuno si sente veramente "a casa" a Wau. Situata al limite della regione d'origine dei Dinca, è circondata da una moltitudine di genti disorganizzate e provenienti da diverse etnie. [...] Era e rimane tuttora una città appartenente a nessuna singola entità etnica, la quale importanza deriva solo dalla sua posizione strategica come centro amministrativo e commerciale. [...] Collocata proprio nel bel mezzo del nulla, è stata sempre miserabile, anche nelle migliori circostanze.»

(Burr e Collins, Requiem for the Sudan: War, Drought and Disaster Relief on the Nile., 1994, pag. 74)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente era una zariba (base fortificata) dei trafficanti di schiavi del XIX secolo, poi con il governo codomino Anglo-Egiziano diventò un centro amministrativo per la zona circostante.

Durante la Seconda guerra civile in Sudan è stata una città guarnigione ed è stato sfondo di un'ampia lotta nella primavera del 1998. Nel 2007 esplosero nuovamente nuove battaglie con diverse centinaia di morti.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ferrovia Baboosa-Wau.

La città era collegata alla rete ferroviaria del Paese tramite una ferrovia a scartamento ridotto. Un progetto del 2008 si prefiggeva di estendere la rotaia a scartamento normale da Gulu, in Uganda, fino a Wau. Far passare i treni della linea che da Khartoum vanno fino a Mombasa, attraverso la città di Waw sarebbe possibile solo se la esistente rete ferroviaria sudanese fosse ricalibrata[1]. La rete ferroviaria non è in funzione. L'aeroporto di Waw ha una pista di decollo lunga 1506 m.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Wau ha due stagioni: la stagione secca da dicembre ad aprile e la stagione delle piogge tutto il resto dell'anno.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Anno Popolazione[2]
1973 52.752
1983 58.008
1993 84.000
2009 (stima) 136.932

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Nella città ha sede il Wau Salaam FC, squadra calcistica più importante del Sudan del Sud.

Nella città è nato anche il cestista sudsudanese naturalizzato australiano Thon Maker

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su pachodo.org. URL consultato il 23 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2010).
  2. ^ http://bevoelkerungsstatistik.de

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) J. M. Burr, R. O. Burr, Requiem for the Sudan: War, Drought and Disaster Relief on the Nile., Boulder, CO, USA, Westview, 1994.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN145560177 · LCCN (ENn92042547 · WorldCat Identities (ENlccn-n92042547
Africa Portale Africa: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Africa