Watertown Wolves

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Watertown Privateers)
Watertown Wolves
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Trasferta
Colori sociali blu, grigio, nero e bianco
(2010-2014: rosso, nero, grigio e bianco)
Dati societari
Città Watertown
Paese Stati Uniti Stati Uniti
Lega FHL
Fondazione 2010
Denominazione 1000 Islands Privateers
(2010-2013)
Watertown Privateers
(2013-2014)
Watertown Wolves
(2014-attualmente)
Presidente Stanley Tibbles
Allenatore Brent Clarke
Impianto di gioco Watertown Municipal Arena
( posti)
Sito web watertownwolves.net
Palmarès
Titoli nazionali 1 Federal Hockey League
Si invita a seguire lo schema del Progetto Hockey su ghiaccio

I Watertown Wolves (Watertown Privateers nella stagione 2013-2014; fino al 2013, 1000 Islands Privateers) sono una squadra di hockey su ghiaccio con sede a Watertown (fino al 2012 la squadra aveva avuto sede ad Alexandria Bay), nello stato di New York. Fin dalla fondazione, nel 2010, ha militato nella Federal Hockey League.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La squadra è nata ad Alexandria Bay con il nome di 1000 Islands Privateers nel 2010, ed ha partecipato fin dalla prima edizione alla FHL. Nelle prime due stagioni raggiunse i play-off, ma venne eliminata in entrambi i casi in semifinale.

Nell'estate del 2012 la squadra venne trasferita a Watertown, ma per la prima stagione, chiusa nuovamente con un'eliminazione in semifinale play-off, mantenne il nome originario. Per la stagione successiva il nome fu cambiato in Watertown Privateers.

La squadra venne ceduta dalla precedente proprietà, nell'estate successiva, alla società Top Shelf Hockey,[1] e la nuova dirigenza decise di ribattezzare la squadra con l'attuale nome.

Ha annunciato la sospensione delle attività a causa di lavori allo stadio del ghiaccio poco dopo aver vinto il proprio primo titolo in FHL, nell'estate del 2015.[2]

Dopo un anno di stop hanno fatto ritorno in FHL a partire dalla stagione 2016-2017,[3] chiusa con una eliminazione in semifinale dei play-off.

La squadra fu nuovamente ceduta prima dell'inizio della stagione 2017-2018: venne acquisita dalla IDHL, LLC., società sussidiaria della Federal Hockey League con il compito di organizzare, a partire dal 2018-2019, un campionato di sviluppo, l'International Developmental Hockey League.[4][5][6]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dei 1000 Island Privateers/Watertown Privateers/Watertown Wolves
 
  • 2013: rinominati Watertown Privateers
  • 2013-2014 - 3º posto in regular season
    Eliminata in semifinale playoff dai Dayton Demonz (1-2)
  • 2014: rinominati Watertown Wolves
  • 2014-2015 - 1º posto in regular season
    Gouden medaille.svg Campione FHL - Vittoria in finale playoff sui Danville Dashers (3-2)
  • 2015-2016: sospensione delle attività per lavori allo stadio del ghiaccio
  • 2016-2017 - 4º posto in regular season
    Eliminata in semifinale playoff dai Danville Dashers (1-2)

Giocatori famosi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) New owners keep professional hockey in Watertown, su watertowndailytimes.com. URL consultato il 5 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 1 luglio 2014).
  2. ^ (EN) Wolves’ co-owner assures team will be back for 2016-17 season, su thefederalhockeyleague.pointstreaksites.com, 4 agosto 2015. URL consultato il 19 agosto 2015.
  3. ^ (EN) Wolves, city ink new contract for Watertown arena, Watertown Daily Times, 17 maggio 2016.
  4. ^ (EN) The IDHL is born, OurSports Central, 6 febbraio 2017. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  5. ^ (EN) FHL announces affiliation with International Developmental Hockey League, FHL, 17 febbraio 2017. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  6. ^ (EN) Watertown Wolves Announce Changes, Watertown Wolves, 26 giugno 2017. URL consultato il 5 dicembre 2017.