Wang Shu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wang Shu
Premio Premio Pritzker 2012

Wang Shu[1] (Ürümqi, 11 aprile 1963) è un architetto cinese.

È attualmente il preside della Scuola di architettura della China Academy of Art. Nel 2012, Wang è diventato il primo cittadino cinese a vincere il Premio Pritzker, il più importante riconoscimento al mondo di architettura[2][3].

Ningbo Museum of Art (2005)
Ningbo Museum (2008)
Ningbo Tengtou Pavilion, Shanghai Expo (2010)

Approccio[modifica | modifica wikitesto]

Wang e sua moglie Lu Wenyu creano moderne architetture facendo uso di materiali tradizionali e utilizzando vecchie tecniche costruttive. Il Ningbo Museum è stato costruito con mattoni recuperati da edifici che erano stati demoliti per agevolare nuovi sviluppi. Wang è un convinto sostenitore del patrimonio architettonico dove la globalizzazione ha spogliato le città dai loro attributi particolari[4].

« In un'epoca in cui l'obbiettivo principale è quello di offrire uno stile diverso, individualizzato, Shu ha evitato una tale prerogativa. Ironicamente, con il suo modo di mescolare senza soluzione di continuità il contemporaneo con il culturale, l'innovazione con la tradizione, il lavoro di Shu è finito con l'autodefinirsi. Il lavoro è caratterizzato dalla sovrapposizione di materiali nuovi e dalla qualità espressiva basata sulle proporzioni e sulla scala tradizionali.[5] »

Wang richiede ai suoi studenti di architettura appena iscritti di trascorrere un anno lavorando con le proprie mani, apprendendo la carpenteria e la muratura di base, ed inoltre richiede agli altri insegnanti del dipartimento di imparare le attività costruttive di base. Questo in quanto, per Wang, "Solo le persone che capiscono la natura dei materiali possono fare dell'arte usando i materiali."[6]

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Tra le opere principali di Wang si annoverano[7]:

Completate
In fase di costruzione o progettazione
  • Heyun Culture and Leisure Centers (2009), Kunming
  • City Cultural Center (2010), Jinhua
  • Shi Li Hong Zhuang Traditional Dowry Museum (2010), Ninghai
  • Contemporary Art Museum on the Dock (2010), Zhoushan
  • Buddhist Institute Library (2011), Hangzhou

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Wang" è il cognome.
  2. ^ Robin Pogrebin, For First Time, Architect in China Wins Field’s Top Prize, in New York Times, 27 febbraio 2012.
  3. ^ Pritzker Prize won by Chinese architect Wang Shu, in CBC News, 27 febbraio 2012.
  4. ^ Mure Dickie, "China's star architect blasts demolition culture", Financial Times, 25 May 2012. Retrieved 25 May 2012.
  5. ^ Karen Cilento, The Local Architect / Wang Shu, in ArchDaily, 28 febbraio 2012. URL consultato il 28 febbraio 2012.
  6. ^ Xu Wenwen, Honored architect goes his own way, in Shanghaidaily, 9 marzo 2012. URL consultato il 9 marzo 2012.
  7. ^ Pritzker prize: Wang Shu 2012 Laureate Media Kit, retrieved 28 February 2012

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN100345293 · LCCN: (ENno2013056177 · ISNI: (EN0000 0000 7123 3419 · GND: (DE1024262901 · BNF: (FRcb161314004 (data)
Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura