Wanda Luzzato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wanda Luzzato
Wanda Luzzato (photo from magazine Radio Vienna 1938).jpg
Wanda Luzzato (Radio Vienna, 1938)
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica classica
Periodo di attività 1931-2002 solista, didatta

Wanda Luzzato, (nata Carpi in Frigeri) (Varese, 6 marzo 1919Milano, 25 settembre 2002), è stata una violinista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Wanda Luzzato[1] inizia da giovanissima lo studio del violino, nella sua città natale, con il M° Ariodante Coggi, e a soli 5 anni si esibisce nel primo concerto. Viene ammessa al Conservatorio, dove entra al V° corso e si diploma a 12 anni, sotto la guida di Alberto Poltronieri (all'epoca, uno dei più giovani diplomi di Conservatorio in Italia).

Nel 1932 si classifica 4º ex aequo (con Ginette Neveu) al "Concorso di Vienna" (I. Internationaler Wettbewerb für Gesange und Violine - Wien)[2], che fu anche occasione di incontro con Jenő Hubay, il quale la invitò a seguire gratuitamente le sue lezioni a Budapest.[3] La lunga carriera concertistica di Wanda Luzzato ebbe inizio da questi anni ungheresi, dove già imbracciava il suo prezioso Guadagnini.

Una tra le date più significative della carriera di Wanda Luzzato, risale al concerto alla Scala di Milano (sabato 30 ottobre 1948) dove propose la prima esecuzione italiana del Concerto per Violino di Aram Khachaturian, sotto la direzione di Herbert Albert.

Dal 1965 Wanda Luzzato si dedica all'insegnamento in Conservatorio, prima per un anno a Torino, poi a Milano. Oggi suoi allievi sono a loro volta docenti di Conservatorio e ricoprono ruoli di "spalla" e violino di fila in importanti istituzioni sinfoniche italiane, dall' Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino, all'Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

  • 1953, Tournée in Spagna[4]
  • 1964, Tournée in Giappone e Australia[5]

Registrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Wanda Luzzato non ha mai effettuato registrazioni commerciali, di lei esistono unicamente documenti d'archivio (o tracce) presso le seguenti stazioni radio.

RAI - Radiotelevisione Italiana[modifica | modifica wikitesto]

Antonio Beltrami, pianoforte (1955/1969)[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Maria Veracini: Sonata in Mi minore, Op.2/8 (arr. Ferdinand David) (RAI Milano | trasm: 13/3/1955)*
  • Johannes Brahms: Sonata No.2 in La Maggiore, Op.100 (RAI Milano | trasm: 13/3/1955)*
  • Edvard Grieg: Sonata No.3 in Do minore, Op.45 (RAI Torino, 15/5/1959)
  • Franz Schubert: Sonatina No.1 in Re maggiore, Op.137/1, D.384 (RAI Milano, 1962 | trasm: 11/3/1963)*
  • Robert Schumann: Sonata No.2 in Re minore, Op.121 "Groẞe Sonate" (RAI Milano, 1962 | trasm: 11/3/1963)*
  • Felix Mendelssohn: Sonata (No.2) in Fa minore, Op.4, MWV Q 12 (RAI Milano, 1962 | trasm: 19/6/1963)*
  • César Franck: Sonata in La maggiore (RAI Milano, 1962 | trasm: 26/6/1963)*
  • Luigi Borghi: Sonata in La maggiore (RAI Milano, 19/12/1968)
  • Franco Margola[6]: Sonata No.3 "Sonata breve", Op.46 -1937- (RAI Milano, 19/12/1968 | trasm: 17/1/1970)*
  • Ildebrando Pizzetti: "Tre Canti" -1924- (1. Affettuoso; 2. Quasi grave e commosso; 3. Appassionato) (RAI MIlano, 1968)*
  • Georg Friedrich Händel: Sonata in Re maggiore (No.4), Op.1 No.13, HWV 371 (RAI Milano, 1969 | trasm: 26/6/1970)*
  • Fritz Kreisler: Praeludium and Allegro “in the Style of Pugnani” -1910- (RAI Milano, 1969 | trasm: 26/6/1970)*
  • Karol Szymanowski: La Fontaine d'Arethuse, Op.30/1 -1915- (“Mythes”, M29) (RAI Milano, 1969 | trasm: 26/6/1970)*
  • Franz Ries: Perpetuum mobile, Op.34/5 (“Suite No. III” in Sol maggiore) (RAI Milano, 1969 | trasm: 26/6/1970)*

Leonardo Leonardi, pianoforte (1979)[modifica | modifica wikitesto]

  • Felix Mendelssohn: Sonata (No.2) in Fa minore, Op.4, MWV Q 12 (RAI Milano, 31/1/1979 | trasm: 09/7/1979)*
  • Robert Schumann: Sonata No.1 in La minore, Op.105 (RAI Milano, 31/1/1979)
  • Robert Schumann: Sonata No.2 in Re minore, Op.121 (RAI Milano, 31/1/1979 | trasm: 09/7/1979)*
  • Fritz Kreisler: Praeludium and Allegro "in the Style of Pugnani"[7] (RAI Milano, 31/1/1979)
  • Franz Ries: Perpetuum mobile, Op.34/5 (“Suite III” in Sol maggiore)[8] (RAI Milano, 31/1/1979)
  • Karol Szymanowski: "La Fontaine d'Arethuse", Op.30/1 -1915- (“Mythes”, M29)[9] (RAI Milano, 31/1/1979)

Orchestre RAI (1960/1966)[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter Ilyic Tchaikovsky: Concerto in Re maggiore, Op.35 (Orchestra Sinfonica di Milano della RAI | Efrem Kurtz | Milano, 25/3/1960)
  • Giorgio Federico Ghedini: Divertimento in Re maggiore "dedicato a Wanda Luzzato" -1959/60- (Orchestra Sinfonica di Torino della RAI | Hilmar Schatz | Torino, 28/10/1960)
  • Felix Mendelssohn: Concerto in Mi minore, Op.64 (Orchestra Sinfonica di Milano della RAI | Franco Caracciolo | Teatro Fraschini, Pavia, 9/11/1966)

SRF - Radio Basel & RSI Radio Svizzera Italiana Fonoteca di Lugano[modifica | modifica wikitesto]

Hans Vogt, pianoforte (1957/1972)[modifica | modifica wikitesto]

Mario Salerno, pianoforte (1960)[modifica | modifica wikitesto]

  • Edvard Grieg: Sonata No.3 in Do minore, Op.45 (BS Studio M3, 5/2/1960)
  • Felix Mendelssohn: Sonata (No.2) in Fa minore, Op.4, MWV Q 12 (BS Studio M3, 5/2/1960)

Huguette Bolle, pianoforte (1967)[modifica | modifica wikitesto]

Orchestra RSO Basel (1973)[modifica | modifica wikitesto]

Orchestra RSI (1970)[modifica | modifica wikitesto]

  • Felix Mendelssohn: Concerto in Mi minore, Op.64 (Orchestra RSI | Niklaus Wyss | Bellinzona, Chiesa della Collegiata, 7/6/1970)*

RTF/ORTF - Radio France[modifica | modifica wikitesto]

André Collard, pianoforte (1954)[modifica | modifica wikitesto]

SDR - Süddeutscher Rundfunk[modifica | modifica wikitesto]

Hans Priegnitz, pianoforte (1955/1960)[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert Schumann: Sonata No.2 in Re minore, "Große Sonate", Op.121 (Stuttgart, studio, 5/2/1955) | CD Meloclassic MC2026)[10]
  • Edvard Grieg: Sonata No.3 in Do minore, Op.45 (Stuttgart, studio, 9/11/1955) | CD Meloclassic MC2026)[10]
  • Johannes Brahms: Sonata No.2 in La maggiore, "Thun", Op.100 (Stuttgart, studio, 9/11/1955) | CD Meloclassic MC2026)[10]
  • Francesco Maria Veracini: Sonata in Mi minore. Op.2/8 (arr. F.David) (Stuttgart, studio, 9/11/1955)
  • Franz Schubert: Sonatina in Sol minore, Op.137/3, D 408 (Stuttgart, studio, 15/10/1956) | CD Meloclassic MC2026)[10]
  • Ludwig van Beethoven: Sonata No.2 in La maggiore, Op.12/2 (Stuttgart, studio, 15/10/1956) | CD Meloclassic MC2026)[10]
  • Francesco Antonio Bonporti: Sonata in Sol minore, Op.5 (I. Largo; II. Balletto; III. Aria; IV. Corrente) (Stuttgart, studio, 26/2/1958)
  • Luigi Borghi (1745 - 1806): Sonata in La maggiore (I. Allegro moderato; II. Adagio; III. Allegro) (Stuttgart, studio, 26/2/1958)
  • Johann Wenzel Anton Stamitz (1717-1757): Sonata in Sol maggiore, Op.6 No.1 (I. Adagio: II. Allegro; III. Minuetto) (Stuttgart, studio, 26/2/1958)
  • Ildebrando Pizzetti: "Tre Canti" (No.1 Affettuoso; No.2 Quasi grave e commosso; No.3 Appassionato) (Stuttgart, studio, 26/2/1958)
  • Jenö Hubay: "Sonate romantique" in Re maggiore, Op.22 (I. Allegro; II. Adagio ma non tanto; III. Allegro) (Stuttgart, SDR, 10/2/1960) | CD Meloclassic MC2026)[10]
  • Richard Strauss: Sonata in Mi bemolle maggiore, Op.18, TrV 151 (Stuttgart, SDR, 11/2/1960) | CD Meloclassic MC2026)[10]

Heinrich Baumgartner, pianoforte (1959)[modifica | modifica wikitesto]

BBC - British Broadcast Corporation[modifica | modifica wikitesto]

Recital con Ernest Lush, pianoforte (15/01/1968)[11][modifica | modifica wikitesto]

Intervista "I grandi del passato"[modifica | modifica wikitesto]

«Incontratala a casa sua a Milano nel 2001 per rammentare storie di Hubay e Vecsey, e dopo un elegante aperitivo signorilmente offerto nel suo luminoso salotto di Via Majocchi, alla mia domanda: "Signora ma cosa pensa di quel che oggi si dice, che i violinisti siano dotati di una tecnica superiore a quella dei Maestri di un tempo?" mi rispose testualmente: "Balle! ...avrebbe dovuto ascoltare come Hubay suonava i Capricci di Paganini e poi ne riparleremmo... !". E alla mia domanda: "Ha conosciuto Vecsey?" rispose: "Sì era di un'altra generazione, andavamo a sentirlo suonare, era uno specialista di Paganini, e aveva un tick, quando entrava sul palcoscenico prima di suonare si aggiustava i polsini... più volte... sti pulsìn... !".»[12]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte
«27 luglio 1987»

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "Wanda Luzzato, l'allieva italiana di Jenö Hubay", Carla Moreni (Conferenza 14 maggio 2003, Biblioteca Ariostea, Ferrara) Hubay, p.43