Walter García

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Walter García
Nome Walter Ariel García
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 182 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Ind. Rivadavia Ind. Rivadavia
Carriera
Giovanili
2002 Argentinos Jrs Argentinos Jrs
Squadre di club1
2002-2003 Argentinos Jrs Argentinos Jrs 21 (0)
2003-2006 San Lorenzo San Lorenzo 61 (3)
2006 Rubin Kazan' Rubin Kazan' 3 (0)
2006-2007 Catania Catania 0 (0)
2007-2008 Quilmes Quilmes 21 (0)
2008 Nacional Nacional 0 (0)
2009 N.Y. Red Bulls N.Y. Red Bulls 1 (0)
2010-2011 Juventud Antoniana Juventud Antoniana
2011-2012 Guillermo Brown Guillermo Brown 33 (3)
2012- Ind. Rivadavia Ind. Rivadavia
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Walter Ariel García (Buenos Aires, 14 marzo 1984) è un calciatore argentino, difensore centrale nell'Independiente Rivadavia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nelle giovanili dell'Argentinos Juniors. Con la maglia biancorossa esordisce in Primera B Nacional (la seconda divisione), e ha modo di disputare il mondiale a Trinidad e Tobago nel 2001 con la maglia dell'Argentina Under-17 e quello del 2003 in Arabia Saudita con l'Under-20.

Quello stesso anno viene preso dal San Lorenzo, con cui esordisce nel campionato di clausura 2004. Con i rossoblu di Buenos Aires gioca per un altro anno e mezzo.

Nel marzo 2006 lascia il campionato argentino e viene acquistato per tre milioni di euro dal Rubin Kazan', squadra della Premier League russa. Qui non riesce a ritagliarsi uno spazio nella squadra. Va così in prestito al Catania nell'agosto 2006, per sostituire Paolo Bianco, ma non trova spazio e a gennaio 2007 torna in patria, al Quilmes.[1]

A fine agosto 2008, terminato il contratto con il Quilmes, García firma per il Nacional di Montevideo.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Plantel profesional 2007, Quilmes Atlético Club. URL consultato il 29 maggio 2010.
  2. ^ (ES) Daniel Rosa, Zaga completa Walter García ya es tricolor in El Pais digital, 29 agosto 2008. URL consultato il 29 maggio 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]