Walter De Vecchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Walter De Vecchi
Walter De Vecchi (Milan 1979-1980).jpg
De Vecchi al Milan nella stagione 1979-1980
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182 cm
Peso 71 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1992 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? Milan
Squadre di club1
1973-1974 Milan 1 (0)
1974-1975 Varese 9 (0)
1975 Milan 0 (0)
1975-1978 Monza 97 (11)
1978-1981 Milan 93 (11)
1981-1984 Ascoli 84 (11)
1984-1985 Napoli 23 (0)
1985-1986 Bologna 33 5
1986-1992 Reggiana 184 (7)
Carriera da allenatore
1994-1995MilanAllievi Naz.
1995-1996MilanPrimavera
1996-1997Venezia
1997-1998Carpi
1998-1999Cosenza
1999-2000Como
2000-2002Cesena
2002-2003SPAL
2003-2008MilanGiovanili
2008-2009MilanAllievi Naz.
2009-2011MilanBerretti
2011-2012MilanGiovan. Reg.
2012-2013MilanGiovan. Naz.
2013-2015MilanGiovan. Reg.
2015-2016MilanUnder-16
2016- MilanGiovanili
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Walter De Vecchi (Milano, 18 febbraio 1955) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Centrocampista mediano, crebbe nel Milan che, dopo aver giocato una partita in prima squadra lo dirottò a Varese per la stagione 1974-1975. Trovò anche lì poco spazio e fece ritorno alla base per il campionato successivo. A campionato in corso si trasferì al Monza insieme ad altri futuri rossoneri come Antonelli, Buriani e Tosetto. Dopo 97 presenze nell'arco di un triennio, tornò al Milan di Nils Liedholm per la stagione 1978-1979. Qui segnò 5 reti, fra cui la doppietta nel derby di ritorno che risultò pesante per il conseguimento della stella.

De Vecchi all'Ascoli nei primi anni 1980

Anche nella stagione successiva giocò tutte le partite esclusa una, con un bottino di 4 gol. La stagione si concluse con la retrocessione a causa dell'affare totonero.

Passò quindi la stagione 1980-1981 nella serie cadetta, da cui il Milan fu promosso subito. Con il nuovo allenatore Luigi Radice fu sostituito con Adelio Moro, quindi passò all'Ascoli, dove si fermò per le tre stagioni seguenti.

Per il 1984-1985 passò al Napoli di Rino Marchesi giocando come libero; l'anno seguente venne mandato al Bologna di Carlo Mazzone. A 31 anni passò alla Reggiana, in Serie C1, con la quale ottenne, da capitano, la promozione in serie B nella stagione 1988/89. Concluse la carriera a 37 anni, nel giugno 1992.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ritiratosi alla fine della stagione 1991-1992, intraprese la carriera di tecnico, guidando le giovanili del Milan. Nella stagione 1994-1995 si tolse la soddisfazione di vincere lo scudetto Allievi Nazionali all'Isola d'Elba; in quella formazione di sedicenni militavano tra gli altri Massimo Maccarone, Daniele Daino, Nicola Corrent, Alberto Comazzi, Emanuele Saccardo e Roberto De Zerbi.[1]

Dopo due stagioni nelle giovanili del club milanese, guidò fra le altre la SPAL e il Cesena in Serie C1, il Cosenza, il Como e il Venezia in Serie B.

De Vecchi fece poi ritorno al Milan nel 2003, guidando diverse compagini giovanili. Nella stagione 2015/16 ha guidato gli Under-16 del Milan, con cui ha vinto la Coppa Gaetano Scirea.[2] Nella stagione 2016/17 ha continuato a lavorare come allenatore nelle giovanili del club rossonero, curando gli esercizi di tecnica individuale.[3]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 1978-1979
Milan: 1980-1981
Monza: 1975-1976 (girone A)
Reggiana: 1988-1989 (girone A)

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Monza: 1976

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 1994-1995
Milan: 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Campionato Allievi Nazionali 1994/95, su acmilan.com. (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2013).
  2. ^ Ecco chi ha vinto lo "Scirea" 2016..., in tuttopotenza.com, 19 giugno 2016. URL consultato il 17 luglio 2017.
  3. ^ I QUADRI TECNICI DEL SETTORE GIOVANILE, in acmilan.com, 28 luglio 2016. URL consultato il 17 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]