Walter Barberis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Walter Barberis al XXIX Salone internazionale del libro 2016

Walter Barberis (Torino, 27 dicembre 1950) è uno storico italiano, docente universitario e editore. Dal 2014 è presidente della Giulio Einaudi Editore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera accademica[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi a Torino con Corrado Vivanti, ha proseguito la sua formazione conseguendo il Diplôme d’Études Approfondies (D. E. A.) in Histoire et civilisation sotto la direzione di Jacques Le Goff presso l'École des Hautes Études en Sciences Sociales (E. H. E. S. S.) di Parigi. Qui ha successivamente conseguito il dottorato sotto la direzione di Ruggiero Romano e Maurice Aymard.

Professore ordinario di Storia moderna, è titolare della cattedra di Metodologia della ricerca storica presso il Dipartimento di Studi Storici dell'Università di Torino.

Carriera editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Entrato nella redazione della casa editrice Einaudi nel 1975, ha avuto successivamente la responsabilità degli studi di storia, quindi delle “Grandi Opere” e infine della “Saggistica”. Tra le sue opere per la Einaudi ricordiamo LE ARMI DEL PRINCIPE LA TRADIZIONE MILITARE SABAUDA EINAUDI 1988 ISBN 88 0611385 2

Dal 1997 al 2012 ha ricoperto la carica di segretario generale. Nel 2012 è stato poi nominato vice presidente nel 2012 e presidente nel 2014.

È stato inoltre consigliere di amministrazione e presidente delle Edizioni di Comunità (2001), fondate da Adriano Olivetti.

Collabora con il quotidiano La Stampa.

Ha curato, insieme a Giovanni De Luna, la mostra Fare gli Italiani allestita a Torino in occasione delle celebrazioni del 150° dell'Unità d'Italia.

È stato nominato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (Berlusconi IV) nel Comitato dei Garanti per le Celebrazioni del 150° dell'Unità Nazionale.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana, 11 novembre 2007, su iniziativa del Presidente della Repubblica.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN56647476 · BNF: (FRcb121509829 (data)