Battleground (2013)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da WWE Battleground 2013)
Battleground (2013)
Colonna sonora The Mighty Fall dei Fall Out Boy ft. Big Sean
Prodotto da WWE
Data 6 ottobre 2013
Sede First Niagara Center
Città Buffalo
Spettatori 11.700
Cronologia pay-per-view
Night of Champions (2013) Battleground (2013) Hell in a Cell (2013)
Progetto Wrestling

Battleground (2013) è stata la prima edizione di questo PPV prodotto dalla WWE. Si è svolto il 6 ottobre 2013 al First Niagara Center di Buffalo. Questo evento sostituisce Over the Limit.

Evento[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver sconfitto Randy Orton a Night of Champions, Daniel Bryan diventa WWE Champion, ma la sera successiva a Raw, a causa del conteggio veloce dell'arbitro Scott Armstrong, viene privato da Triple H del titolo, che viene reso vacante; infatti HHH e Stephanie decidono di non restituire nemmeno il titolo a Orton. Viene quindi annunciato il match tra Orton e Bryan per il WWE Championship a Battleground.

A Night of Champions il match per il titolo dei pesi massimi viene vinto da Rob Van Dam concludendosi per squalifica quindi pur vincendo il match, RVD non diventa campione. Nella puntata di SmackDown del 20 settembre, Triple H dà a Van Dam la rivincita per il World Heavyweight Championship contro Alberto Del Rio per l'evento. Nella successiva puntata di SmackDown, il match di Battleground tra Del Rio e RVD è stato trasformato in un Hardcore match.

CM Punk, nel mese di luglio, ha iniziato una faida con Paul Heyman, quando questi gli è costato il Money in the Bank Ladder match con in palio il contratto per un match al WWE Championship (questo successe a causa della decisione di Punk di non avere più Heyman come suo manager). Ciò ha portato ad un match a SummerSlam tra Punk e Brock Lesnar, dove ha trionfato quest'ultimo. Punk all'ora ha continuato il feud con Heyman e l'altro suo cliente Curtis Axel, che è quindi sfociato in un Handicap match ad eliminazione per Night of Champions. All'evento Punk elimina prima Axel e successivamente lega con le manette e picchia brutalmente Heyman, ma prima della conclusione del match, in soccorso dell'ex GM della ECW arriva Ryback, che scaraventa Punk attraverso un tavolo e fa vincere a Paul il match. Il 23 settembre, a Raw, viene sancito un match tra CM Punk ed il nuovo cliente di Heyman, Ryback, per Battleground.

Il 30 settembre Punk, per continuare la sua vendetta, fa scattare la sua theme song durante il match fra Curtis Axel e R-Truth, distraendo il primo. Il suo avversario, approfittando della distrazione sconfigge l'Intercontinental Champion, garantendosi anche una title shot per l'Intercontinental Championship. Due notti dopo a Main Event, viene organizzato il match titolato tra Axel e R-Truth per Battleground.

Sempre durante il 30 settembre di Raw, Kofi Kingston batte Fandango, ma a fine match viene minacciato da Bray Wyatt tramite un video messaggio. La stessa cosa accade il 4 ottobre a SmackDown, dopo che Bray Wyatt sconfigge Zack Ryder e Kofi viene sconfitto in un match di coppia. Durante l'ultimo messaggio Wyatt annuncia che ci sarà un confronto tra lui e Kofi al PPV.

Nella puntata di Raw del 30 settembre, a Cody Rhodes (che qualche settimana prima era stato licenziato dalla WWE da Triple H a causa di una insubordinazione a quest'ultimo ed a una sconfitta con Randy Orton) e a Goldust (che stava cercando di riavere il contratto del fratello) viene concesso un tag-team match non titolato contro lo Shield in pay-per-view da Triple H e Stephanie McMahon. Le condizioni del match sono: Se vincono i fratelli Rhodes, avranno entrambi i loro posti di lavoro e il padre Dusty Rhodes continuerà ad allenare i ragazzi di NXT, ma in caso di vittoria dello Shield, verranno confermati i licenziamenti dei due fratelli e verrà licenziato anche il padre e tutti e tre e non potranno più mettere piede in WWE.

Il 23 settembre a Raw, Brie Bella riceve un match per il WWE Divas Championship detenuto da AJ Lee in pay-per-view.

Per il Kick-off di Battleground vengono scelti due wrestler a caso che si rivelano essere Dolph Ziggler e Damien Sandow.

Poco prima l'inizio del PPV, è stato ufficializzato che i Real Americans affronteranno il team composto da The Great Khali e Santino Marella.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

# Match Stipulazioni Durata
Pre-show Dolph Ziggler ha sconfitto Damien Sandow Single match[1] 10:22
1 Alberto Del Rio (c) ha sconfitto Rob Van Dam (con Ricardo Rodríguez) Hardcore match per il World Heavyweight Championship[2] 17:08
2 The Real Americans (Jack Swagger e Antonio Cesaro) (con Zeb Colter) hanno sconfitto Santino Marella e The Great Khali (con Hornswoggle) Tag Team match[3] 07:11
3 Curtis Axel (c) (con Paul Heyman) ha sconfitto R-Truth Single match per il WWE Intercontinental Championship[4] 07:36
4 AJ Lee (c) (con Tamina Snuka) ha sconfitto Brie Bella (con Nikki Bella) Single match per il WWE Divas Championship[5] 06:37
5 Cody Rhodes e Goldust (con Dusty Rhodes) hanno sconfitto The Shield (Seth Rollins e Roman Reigns) (con Dean Ambrose) Tag Team match;
Se Cody Rhodes e Goldust avessero perso, avrebbero lasciato la WWE, e se lo Shield avesse vinto, Dusty Rhodes avrebbe perso il suo ruolo di allenatore di NXT.[6]
13:54
6 Bray Wyatt (con Luke Harper e Erick Rowan) ha sconfitto Kofi Kingston Single match[7] 08:27
7 CM Punk ha sconfitto Ryback (con Paul Heyman) Single match 14:47
8 Daniel Bryan vs. Randy Orton è terminato in no-contest Single match per il vacante WWE Championship[8] 25:00

Note[modifica | modifica wikitesto]